Affiche tous: Aucun des filtres suivants
× Langues spa
× Noms Vicenzi, Alessandro
× Date 2012
× Noms Staccioli, Romolo Augusto
× Noms Remarque, Erich Maria
Affiche tous: Tous les filtres suivants
× Pays it
× Date 2015

Trouvés 8 documents.

Sapore di fiabe
0 0
Livres modernes

Sapore di fiabe

Milano : Cart'armata, copyr. 2015

Résumé: Raccolta di fiabe sul tema del cibo nel mondo attraverso la realizzazione di un percorso interculturale sulla narrazione che ha coinvolto bambini, genitori e insegnanti, italiani e stranieri degli Istituti Comprensivi “Trilussa”, “Rinnovata Pizzigoni”, “R. Massa”, “Scialoia”, Icam “San Vittore”Progetto finanziato dal Consiglio di Zona 8 e da Coop Lombardia coordinato dal Centro COME della Cooperativa Farsi Prossimo in collaborazione con Cooperativa Pandora. Anno scolastico 2014 -2015

La metamorfosi­
0 0
Livres modernes

Kafka, Franz

La metamorfosi­ ; Lettera al padre / Franz Kafka ; introduzione di Guido Massino

Firenze : Giunti, 2015

Classici

Résumé: "La metamorfosi": Una mattina, svegliandosi, il commesso viaggiatore Gregor Samsa si ritrova tramutato in un enorme insetto: l'assurdo irrompe nel quotidiano e si confonde con la terribile banalità del male, con l'"abitudine all'estraneità" che inquina silenziosamente l'esistenza. "Lettera al padre": Uno dei più lucidi e toccanti documenti psicologici del nostro secolo, è lo spietato atto d'accusa di un figlio contro il padre distante e brutale, e insieme l'accorato appello di chi non può rinunciare alla speranza di una riconciliazione.

Un amore di Swann
0 0
Livres modernes

Proust, Marcel

Un amore di Swann / Marcel Proust ; traduzione di Oreste Del Buono

18. ed.

Milano : Garzanti, 2015

I grandi libri

Résumé: "Un amore di Swann" è una sorta di "romanzo nel romanzo": si inserisce come un lungo flash back nella prima delle sette parti di "Alla ricerca del tempo perduto", rievocando la passione travolgente, dolorosa ed esclusiva di Charles Swann - alter ego dell'io narrante - per la bella Odette de Grécy, enigmatica demi-mondaine, sospesa tra pretese di raffinatezza e freddo opportunismo. Raffinato esteta, al tempo stesso seducente e sterile, Swann sposa Odette quando ormai non l'ama più. Maestro dell'introspezione psicologica, Proust disegna la parabola del loro tormentato rapporto dalla cieca infatuazione al graduale spegnimento, facendo di questo amore la storia paradigmatica di qualsiasi amore. Vero o presunto che sia, perché, come osserva il filosofo Ortega y Gasset, in questo excursus "c'è dentro di tutto: punti di sensualità calda, pigmenti paonazzi di sospetto, grigi di abitudine, chiari di stanchezza vitale. L'unica cosa che non c'è è l'amore".

Riprendi il tuo potere
0 0
Livres modernes

Sorgente, Miranda

Riprendi il tuo potere : smetti di lasciare alle circostanze e agli altri il potere di renderti felice / Miranda Sorgente

[Torino] : Uno, 2015

Résumé: "Riprendi il tuo potere" può essere la tua vera occasione per smettere di dare la colpa alle circostanze e iniziare a essere veramente felice. Prenderai il pieno controllo della tua vita e sarai solo tu il padrone del tuo destino... Il capitano della tua anima.

Di Ilde ce n'è una sola
0 0
Livres modernes

Vitali, Andrea

Di Ilde ce n'è una sola / Andrea Vitali

Nuova ed.

Milano : Garzanti, 2015

Résumé: In luglio a Bellano fa un caldo della malora. L'aria è densa di umidità e il cielo una cappa di afa. Eppure l'acqua che scorre rombando tra le rocce dell'Orrido è capace di tagliare in due il respiro, perché è fredda gelata, certo, ma anche perché nelle viscere della roccia il fiume cattura da sempre i segreti, le passioni, gli imbrogli, le bugie e le verità che poi vorrebbe correre a disperdere nel lago, sempre che qualcuno non ne trovi prima gli indizi. Come una carta d'identità finita nell'acqua chissà come e chissà perché. Brutta faccenda. Questione da sbrigare negli uffici del comune o c'è sotto qualcosa che compete invece ai carabinieri? A sbrogliare la matassa ci pensa Oscar, operaio generico, capace di fare tutto ma niente di preciso, che da sei mesi è in cassa integrazione e snocciola le giornate sul divano con addosso le scarpe da lavoro. In quel luglio del 1970, offuscato dal caldo e dalle ombre tetre della crisi economica, armato della sua curiosità ottusa Oscar fa luce sui movimenti un po' sospetti di Ilde, la giovane moglie dal caratterino per niente facile, che forse sta solo cercando il modo di tirare la fine del mese come può. Vitali torna ai fatidici anni Settanta, alle ristrettezze che seguono il boom economico, alle fatiche di far quadrare il bilancio di casa, all'irridente spavalderia di chi ce l'ha fatta e crede di aver domato il mondo e l'avvenire. E ci regala un'altra pagina del suo interminabile romanzo lacustre specchio di vite semplici e reali.

Gentlemen, accendete i motori
0 0
Livres modernes

Zaugg, Jared

Gentlemen, accendete i motori : la guida Bonhams alle auto da collezione, sportive e da corsa / Jared Zaugg

Milano : L'ippocampo, copyr. 2015

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0

Résumé: “La ricerca della bellezza è la cosa più normale in un uomo.” Così un giudice respinse l’istanza di una ricca famiglia milanese che aveva portato la nota carrozzeria Zagato in tribunale con la motivazione che il loro rampollo aveva “perso la ragione” spendendo una cifra “da capogiro” per un’Alfa Romeo 8C 2300. Appassionati delle serie limitate più esclusive, delle auto da record e delle gare leggendarie, Jared Zaugg e il team della prestigiosa casa d’aste londinese Bonhams offrono al lettore l’occasione di cogliere la cultura automobilistica in tutta la sua intensità e di ammirare le forme eleganti e gli interni vintage di mitiche macchine da collezione in immagini di grande formato. Ognuno degli esemplari riprodotti nel libro ha una sua storia avvincente da raccontare: queste auto hanno vinto o partecipato a Gran Premi, sono state guidate da campioni del calibro di Tazio Nuvolari o Sir Henry “Tim” Birkin, per poi passare nelle mani di proprietari illustri come Italo Balbo e infine essere battute all’asta per cifre astronomiche. Ma soprattutto, sono opere d’arte. Dall’esemplare unico di un’Aston Martin DB4 GT disegnato da Bertone alla Ferrari 250 GTO, l’auto più costosa del mondo venduta a 38 milioni di dollari, Gentlemen, accendete i motori! celebra il fascino senza tempo di queste fuoriserie, restituendone lo spirito autentico.

San Pietro
0 0
Livres modernes

Brandenburg, Hugo - Thoenes, Christof - Ballardini, Antonella

San Pietro : storia di un monumento / Hugo Brandenburg, Antonella Ballardini, Christof Thoenes ; introduzione di Francesco Buranelli

Milano : Jaca Book, 2015

Monumenta vaticana selecta

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0

Résumé: Il volume racconta la storia architettonica e artistica della Basilica di S. Pietro in Vaticano dalle origini costantiniane, passando attraverso l'evoluzione medievale, fino alle trasformazioni rinascimentali e barocche che oggi le danno forma. Simbolo della Chiesa Cattolica e della Città Eterna, S. Pietro è il luogo desiderato e costruito dai papi del Rinascimento, che vi hanno chiamato all'opera i più grandi artisti di tutti i tempi. Ma la Basilica è stata in realtà ricostruita sulle ceneri di uno dei più antichi e grandi edifici di culto del primo cristianesimo, l'antica S. Pietro voluta dall'Imperatore Costantino sopra il luogo del martirio e della sepoltura dell'Apostolo. Giulio II e Bramante hanno creato il cuore del nuovo edificio, Michelangelo ne ha plasmato la fisionomia architettonica e determinato l'altezza fino al progetto della cupola, Maderno ha completato la facciata, e Bernini le "braccia aperte" del colonnato che accoglie i pellegrini nella grande piazza. Con l'aiuto di disegni ricostruttivi, stampe, incisioni e grandi opere pittoriche, i più qualificati studiosi del tardo antico, del Medioevo e dell'età moderna propongono un grande affresco della vita della Basilica Petrina mostrando anche ciò che oggi non è più visibile: l'antico edificio costantiniano con il grande atrio antistante e i mausolei adiacenti, le trasformazioni architettoniche ma anche artistiche dell'interno medievale, l'antica navata centrale...

Mare veneziano
0 0
Livres modernes

Chaline, Olivier

Mare veneziano / testi Olivier Chaline ; fotografie Jean-Christophe Dartoux

Milano : Jaca Book, 2015

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0

Résumé: Lungo molti secoli i Veneziani hanno considerato l’Adriatico come il proprio golfo, rivendicando la sovranità sulle sue acque che il doge sposava ritualmente ogni anno. Tuttavia non ne hanno mai dominato la totalità delle sponde. L’autorità della Repubblica di san Marco si è esercitata in maniera intermittente sulle acque, più stabilmente su diversi punti della costa orientale: in Istria, sulle isole del Quarnero, nonché su quelle della Dalmazia, che celano porti quali Zara e Spalato. Questo insieme discontinuo si disponeva tra il mare e montagne scoscese. Interrotto dal territorio di Ragusa, si prolungava al di là delle bocche di Cattaro, fino al punto in cui la fortezza di Corfù montava la guardia al canale d’Otranto. L’Adriatico dei Veneziani era anzitutto una rotta marittima percorsa da galere e bastimenti commerciali, lungo una costa il cui dedalo di isole e penisole risultava propizio alla pirateria. Era inoltre un insieme di roccaforti con i propri bastioni innalzati tra i flutti e le muraglie rocciose che rinserravano l’orizzonte. Era infine il luogo da cui si dispiegavano le strade che risalivano verso un entroterra invisibile e selvaggio, verso terre straniere da cui provenivano invasori e pestilenze, ma da cui partivano anche mercanzie e i percorsi della transumanza. Il mondo italo-slavo e cattolico di questi territori di confine tra terra e mare aveva trovato in Venezia la protettrice nei confronti dei Turchi. Per molto tempo dopo la caduta della Dominante, come la Serenissima era anche chiamata, la sua impronta è perdurata: bastioni, campanili, palazzi, decorazioni di chiese e di case testimoniano ancora questa dominazione, dapprima imposta, poi rimpianta, che - come si può vedere a Ragusa - fece delle acque del -l’Adriatico, più che una frontiera, un’area di civilizzazione veneziana.