Affiche tous: Aucun des filtres suivants
× Date 2014
× Noms Mazali, Gustavo
× Noms Bordiglioni, Stefano
× Langues spa
× Sujet Genere: Storico
× Langues fre
Affiche tous: Tous les filtres suivants
× Sujet Genere: Biografico
× Materiel 1

Trouvés 6 documents.

Mamma è matta, papà è ubriaco
0 0
Livres modernes

Sjöberg, Fredrik

Mamma è matta, papà è ubriaco : uno studio sul caso / Fredrik Sjöberg ; traduzione di Andrea Berardini

Milano : Iperborea, 2020

Iperborea ; 318

Résumé: Grazie al caso, manovratore nascosto di destini umani, in un'asta di Stoccolma riemerge dal nulla un quadro dimenticato di quasi un secolo fa, il ritratto di due cugine adolescenti firmato dal danese Anton Dich. «Dimenticato» è forse troppo, visto che il suo autore non è ricordato in alcuna storia dell'arte, ma chi potrebbe incuriosire Fredrik Sjöberg più di un eccentrico ai margini dell'eccentricità bohémienne? Anton, patrigno di una delle due ragazze ritratte, ha lasciato scarse tracce di sé. Si aggira poco più che ombra tra i caffè di Montparnasse negli anni dell'avanguardia del primo Novecento, quando Parigi pullula di artisti di tutta Europa in cerca della loro strada. Pittore di talento, sembra sempre nel posto giusto al momento giusto, eppure lui la strada per il successo non la troverà mai, e morirà solo e alcolizzato a Bordighera nel 1935. Che cosa l'ha spinto alla deriva? Per scoprirlo, Sjöberg incontra le nipoti svedesi di Anton, scava nella famiglia matriarcale della moglie Eva Adler, ricostruisce complessi alberi genealogici e intreccia storie di carriere ben più luminose: Modigliani, Picasso, Derain, Brecht, Cendrars. Indulgendo alle divagazioni autobiografiche, botaniche, perfino filateliche, lascia spesso la strada maestra per produrre nei détours inaspettate esplosioni di senso, cui la sua consueta ironia elegantemente sottrae enfasi. E in fondo a questo viaggio tra Gòteborg, Copenaghen, Parigi, la Costa Azzurra, la riviera ligure, addirittura Leopoli, resterà la sensazione di aver letto non tanto la biografia di un uomo quanto quella di un'epoca, una storia di sogni e nevrosi del XX secolo, ma anche dell'eterna ricerca di qualcosa che somigli all'immortalità.

Figlio del lupo
0 0
Livres modernes

Petri, Romana

Figlio del lupo : romanzo / Romana Petri

Milano : Mondadori, 2020

Scrittori italiani e stranieri

Résumé: Avere una madre come Flora Wellman, stare accanto a una donna che parlava di spiritismo ed era attaccata alla terra, deve pur aver contato qualcosa per diventare "il migliore". Per diventare Jack London. Romana Petri ha raccolto una delle sfide più fascinose che una scrittrice poteva intravvedere: quella di raccontare la furia di vivere di un uomo che ha fatto il pugile, il cacciatore di foche, l'agente di assicurazioni, il cercatore d'oro, che ha amato l'ombra azzurra delle foreste e la smagliante solarità dei mari, che ha guardato, ceruleo d'occhi e di pensieri, l'anima dei popoli in lotta e il cuore delle donne. E qui le donne sono il vero motore del racconto: la fragranza piccolo-borghese di Mabel, la concretezza di Bessie, il fascino intellettuale di Anna Strunsky, la determinazione di Charmian ("essere molte donne in una"), l'insostituibilità della sorella Eliza. Eppure Romana Petri non ha scritto una biografia: "Figlio del lupo" è un romanzo che srotola il filo di una storia vera, così come è vera la storia dei personaggi che abbiamo amato. E allora ecco sciorinate le vicende di un uomo sospeso fra il rovello ispirato del grande narratore e la voce dispiegata del socialista che vuol parlare, da rivoluzionario, a sette milioni di lavoratori ma non rinuncia a farsi allacciare le scarpe perché non ha tempo da perdere, sospeso fra il gioco dell'amore promesso, vissuto, tradito sempre ad alte temperature e il tormento di un fallimento incombente, malgrado il clangore del mondo e il fuoco alto della fama.

L'ospite
0 0
Livres modernes

Nani, Margherita

L'ospite : le anatomie di Josef Mengele / Margherita Nani

Milano : Brioschi, 2019

Résumé: È il 1955 quando a Candido Godoi, nel cuore del Brasile, arriva un tedesco in cerca di una stanza in affitto. La famiglia Souza lo accoglie e Pia, la figlia adolescente, è fin da subito attratta dal fascino di quello straniero riservato e imperscrutabile, che a sua volta non potrà rimanere indifferente alla vitalità e all'innocente purezza della ragazza. Nessuno ha il minimo sospetto che l'ospite è in realtà il medico nazista Josef Mengele. In una serie di flashback e in un alternarsi di realtà storica e finzione letteraria, emerge il ritratto di un uomo la cui malvagità impedisce qualsiasi tentativo di comprensione. E Pia riuscirà a cogliere forse soltanto un frammento della complessa natura del dottor Mengele. In passato aveva tentato di farlo Irene, la moglie tanto innamorata quanto respinta dall'uomo in cui aveva inutilmente cercato tracce di un'anima. E poi Teresa, la ragazza ebrea destinata per anni ad affiancare la morte in persona nel campo di sterminio di Auschwitz. Cosa ha rivelato di sé Josef Mengele a ciascuna di loro? In questa biografia romanzata, l'ospite di Candido Godoi non troverà la giusta punizione, ma nemmeno quella pace tanto a lungo inseguita.

Anja
0 0
Livres modernes

Manfridi, Giuseppe

Anja : la segretaria di Dostoevskij / Giuseppe Manfridi

Roma : La lepre, copyr. 2019

Visioni

Résumé: Pietroburgo, 1866. Lo scrittore ultracinquantenne Fédor Michajlovic Dostoevskij è afflitto dall’epilessia e reduce dall’aver firmato un contratto-capestro col suo mefistofelico editore: si è impegnato a consegnare un nuovo romanzo nell’arco di un mese. In caso contrario perderà i diritti su tutte le sue opere passate e future. Consigliato dagli amici, si rivolge a una scuola di stenografia che gli mette a disposizione la migliore delle sue allieve: Anja Grigor’evna, una graziosa adolescente curiosa del mondo, che ha ereditato dal padre la passione per la letteratura. Fra i due, in ventisei giorni, nascerà un amore estremo a dispetto dello scandaloso divario di età. Anja rimarrà la fedele custode dell’opera di Dostoevskij fino alla propria morte, avvenuta trentasette anni dopo quella del marito.

Bravo Sebastian
0 0
Livres modernes

Frova, Andrea

Bravo Sebastian : dieci episodi nella vita di Bach / Andrea Frova

Milano : Bompiani, 2019

I grandi tascabili Bompiani ; 1020

Résumé: Un fisico abituato a indagare nelle profondità della materia è innamorato di Bach. Nelle carte polverose degli archivi scopre, dietro il grande musicista, un grande uomo fatto di carne e di sangue, di passioni e umori. Ricostruisce la sua vita privata e racconta il suo amore per Barbara, le parentesi erotiche con le dame di corte, la regolatezza del genio, il rapporto suggestivo con gli allievi. Ma sono autentiche le lettere di Sebastian a Frau Bach? E davvero ci fu un carteggio tra Bach e Newton sui principi fisico-matematici dell'armonia? Il libro di Frova è un romanzo che finisce per intrigare il lettore, svelandogli la nuova immagine di Bach e i prodigi della sua musica, in un territorio ai confini tra storia reale e fantasia creativa.

La rovina
0 0
Livres modernes

Cima, Marco

La rovina / Marco Cima ; con la collaborazione di Simonetta Bellino e Piera Gotta

Torino : Nautilus, copyr. 2006

Résumé: Il rinvenimento fortuito di un carteggio con quasi 300 lettere scritte da cinque membri della stessa famiglia tra il 1857 e il 1921 ha suggerito la stesura di un singolare romanzo-verità, con il quale Marco Cima indaga, ancora una volta il mondo contadino e l’epopea dell’emigrazione, penetrando i segreti di questa famiglia di montanari, attraverso le lettere che corrono tra la borgata Montepiano di Locana e le più impensate località del mondo tra Russia, Tuchia, Argentina, Cile, Brasile, Stati Uniti, Francia e Svizzera, dove i membri della famiglia si recano a più riprese in cerca di fortuna. Alla fine il lettore scoprirà che questo singolare e suggestivo romanzo-verità è stato scritto inconsapevolmente da Domenico Moletta, Caterina Giacherio Moletta, Battista Moletta, Caterina Moletta Bertolino, Giovanni Bertolino, attraverso le loro lettere, a partire dagli anni del matrimonio di Caterina Giacherio di Montepiano, con Menico Moletta del Freidiss, fino alla loro scomparsa. Questo eccezionale archivio familiare accompagna tutta l’esistenza dei due protagonisti e dei loro figli, documentando momenti di abbondanza e gravi crisi alle quali credono di sfuggire cercando fortuna lontano da casa, con viaggi avventurosi, non privi di insidie. I temi sono, ancora una volta, quelli delle complicate vicende sentimentali dei protagonisti e l’interesse gretto per il denaro e per la roba. Questi aspetti, apparentemente antitetici, s’intrecciano in un quadro di consuetudini antiche a cui è legata la famiglia e la comunità all’interno della quale la storia si svolge, in quell’atmosfera incerta e inquieta di fine Ottocento, alla quale i protagonisti credono di potersi sottrarre emigrando. L’autore, in un attento lavoro di cesello, si limita a ordinare le copiose informazioni che derivano dal fitto carteggio e ad esporle secondo una cadenza accattivante, assegnando ad ognuno dei protagonisti il proprio ruolo e la propria fisionomia, tratta senza alterazione dagli scritti. Ne deriva uno spaccato familiare particolarmente vivo, dove le lettere emergono come la voce stessa dei protagonisti, perforando il racconto, con il loro carico di messaggi, talora anche drammatici, che l’autore offre al lettore senz’alcuna intermediazione.