823.9 [14]

(Classe)

 

Affiche tous: Tous les filtres suivants
× Date 2017
× Materiel 1
× Noms Joyce, James
Affiche tous: Aucun des filtres suivants
× Sujet Genere: Poliziesco

Trouvés 4 documents.

Gente di Dublino
0 0
Livres modernes

Joyce, James

Gente di Dublino / James Joyce ; introduzione di Nemi D'Agostino ; traduzioni di Marco Papi, Emilio Tadini

22. ed.

Milano : Rizzoli, 2017

I grandi libri

Résumé: Tra il 1904 e il 1905, mentre è in esilio volontario sul continente, Joyce scrive i quindici racconti di "Gente di Dublino" che, pubblicati in raccolta nel 1914, lo riveleranno per la prima volta al pubblico dei critici e dei lettori come giovane narratore di talento. Con una sensibilità e un'eleganza che sono già quelle di un grande scrittore, egli indaga partecipe le esistenze della gente d'Irlanda sullo sfondo di una Dublino "cara e sporca", tragica e fatale nel suo immobilismo stagnante che soffoca ogni desiderio generando solitudine e frustrazioni. Sono storie appena sussurrate, senza inizio e senza fine, senza eroi né intreccio, dove ogni personaggio porta il contributo della propria unicità all'affresco corale. Ma questo mondo piccolo-borghese rappresentato con tratti realistici è anche un microcosmo simbolico costruito per epifanie, come magistralmente testimonia il celeberrimo racconto di chiusura, 'I morti', emblematico dramma di un fragile matrimonio vissuto all'ombra di un malinconico segreto

Gente di Dublino
0 0
Livres modernes

Joyce, James

Gente di Dublino / James Joyce ; traduzione di Attilio Brilli

Milano : Mondadori, 2017

Oscar moderni ; 171

Résumé: Un capitolo della storia morale d’Irlanda: secondo la definizione di Joyce, Gente di Dublino è la spietata e nichilista radiografia di una città, del suo ambiente e dei suoi abitanti in quindici racconti brevi, schizzi che hanno per protagonisti i «reietti dal banchetto della vita». Storie in equilibrio fra elemento realistico e simbolico, che mescolano angoscia e disperazione. Epifanie, rivelazioni di una verità tragica, ma anche comica, che hanno odore «di cenere, di erbe macerate e di immondizia». Un libro che Joyce ha costruito sullo schema che sarà proprio di tutte le sue opere successive, da Ulisse a Finnegans Wake: la vita dell’uomo, dell’intera umanità.

Dubliners
0 0
Livres modernes

Joyce, James

Dubliners / James Joyce ; [introduction, notes and activities by Giorgia Venturino]

[Milano] : Liberty, 2017

Liberty classics

Résumé: In questo libro imprescindibile per chi studia la letteratura inglese, la prosa musicale di Joyce ci regala quindici ritratti indimenticabili di uomini e donne nella cornice della Dublino di inizio Novecento. Gli studenti troveranno in questa edizione un ampio supporto alla lettura del testo integrale e, in appendice, una poesia satirica dello stesso Joyce indirizzata all’editore che aveva rifiutato di pubblicare l’opera.

Ulisse
0 0
Livres modernes

Joyce, James

Ulisse / James Joyce ; traduzione di Giulio de Angelis ; con due saggi di Giorgio Melchiori ; commento e note di Giulio de Angelis ; note al testo di Hans Walter Gabler

Milano : Mondadori, 2017

Oscar moderni ; 166

Résumé: «Il più bello e il più interessante dei soggetti è quello dell’Odissea. È più grande e più umano di quello dell’Amleto, superiore al Don Chisciotte, a Dante, al Faust. A Roma, quando avevo finito circa la metà del Portrait, mi resi conto che l’Odissea doveva esserne il seguito.» Così scriveva Joyce nel 1917. L’Ulisse uscì nel 1922, nel giorno del suo quarantesimo compleanno, per iniziativa di un’intraprendente americana di Baltimora, la ventitreenne Sylvia Beach. Sei anni di intenso lavoro, stesure e continue revisioni, per trasformare il grande mito in grande pantomima. Diciotto capitoli, diciotto luoghi, diciotto ore e momenti, diciotto stili, una miriade di personaggi e situazioni per raccontare l’eroicomica giornata di un ebreo irlandese di origini magiare, Leopold Bloom, un uomo a spasso per Dublino dalle otto del mattino alle due di notte del 16 giugno 1904: le sue azioni, i suoi pensieri, le azioni e i pensieri della città, della gente che incontra, di Stephen Dedalus, ovvero l’altra parte di sé, il giovane intellettuale in cerca di un padre (così come Bloom è in cerca di un figlio), di sua moglie Molly, ovvero il grembo, da cui si salpa e a cui si ritorna. Se non il più bello certo il più decisivo libro del Novecento, l’Ulisse è qui accompagnato da imprescindibili strumenti di guida alla lettura.