823.9 [14]

(Classe)

 

Affiche tous: Tous les filtres suivants
× Noms Woolf, Virginia
× Date 2014
Affiche tous: Aucun des filtres suivants
× Sujet Genere: Poliziesco
× Noms Forster, Edward Morgan

Trouvés 3 documents.

Tra un atto e l'altro
0 0
Livres modernes

Woolf, Virginia

Tra un atto e l'altro / Virginia Woolf ; traduzione di Francesca Wagner e Franco Cordelli ; postfazione di Franco Cordelli

Nuova ed.

Parma : Guanda, 2014

Narratori della Fenice

Résumé: Una mattina d'aprile del 1941 Virginia Woolf usciva di casa e si dirigeva come per una passeggiata verso il vicino fiume Ouse. A cinquantanove anni, la più grande scrittrice del Novecento aveva scelto di spegnere nel silenzioso fluire delle acque la tensione ormai insostenibile della sua esistenza. Sulla scrivania, due lettere di congedo e l'ultimo romanzo, "Tra un atto e l'altro", il più rarefatto e insieme il più struggente dei suoi capolavori. Tra un atto e l'altro di un'ingenua rappresentazione dilettantesca in un paese della campagna d'Inghilterra, si liberano i "momenti dell'essere" più squisitamente woolfiani: gli uomini, gli spettatori della vita, sono colti nel loro stato di protagonisti. Rigurgiti ansiosi, voluttuose fantasticherie, accensioni di desiderio, guizzi di rivolta, sottomissioni, monologanti lirismi percorrono un tempo neutro, un'ora zero della vita, e confluiscono in un unico stream che si oppone con fluida, magnetica tenacia alla tragica, banale fissità degli avvenimenti rappresentati. "Tra un atto e l'altro" è il romanzo del presente, del mobile, del fuggevole, del frammentario che anela a comporsi in unità, in una compiuta polifonia

Le tre ghinee
0 0
Livres modernes

Woolf, Virginia

Le tre ghinee / Virginia Woolf ; introduzione di Luisa Muraro ; traduzione di Adriana Bottini

8. ed.

Milano : Feltrinelli, 2014

Universale economica Feltrinelli. Classici ; 94

Résumé: In "Le tre ghinee", scritto nell'inverno 1937-1938 mentre la guerra stava per diventare una dolorosa realtà. Virginia Woolf immagina di ricevere tre lettere che contengono una richiesta in denaro per tre cause: la prevenzione della guerra, una università femminile e un'assistenza alle donne che vogliono esercitare una professione. Nelle immaginarie risposte l'autrice dimostra come le tre cause siano identiche e inseparabili; come alla radice di tutto ci sia il potere garantito dalla violenza, uno stesso meccanismo che produce il patriarcato e il fascismo, che fa l'uomo protagonista di un contesto sociale e isola la donna nella sfera privata, alienando entrambi. Nell'aprile del 1938, alla fine di questo lavoro, Virginia Woolf scrisse nel suo diario: "Hitler dunque sta accarezzando i suoi spinosi baffetti. L'intero mondo trema: e il mio libro sarà forse come una farfalla sopra un falò consumato in meno di un secondo". Introduzione di Luisa Muraro.

Solid objects
0 0
Livres modernes

Woolf, Virginia

Solid objects = Oggetti solidi ; Lappin and Lapinova = Lappin e Lapinova / V. Woolf ; traduzione di Elisabetta Querci

Roma : L'Espresso, copyr. 2014

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. Short stories ; 3/2014

Résumé: Nel breve racconto Solid Objects John, un giovane rampante destinato a una brillante carriera politica comincia a raccogliere oggetti, cadendo rapidamente vittima di una monomania totalizzante. Si direbbe però che l’autrice voglia rappresentare più che una semplice storia di follia: si sente qui un’eco delle idee di Bertrand Russell, amico di Virginia Woolf, secondo cui gli oggetti possono essere intesi come un interscambio tra fenomeni materiali e le prospettive multiple dell’esperienza soggettiva. John, quindi, appare non come un semplice alienato, ma qualcuno che aspira a trovare, a modo suo, una comprensione più profonda del reale, anche a costo del deteriorarsi dei rapporti interpersonali, specie dell’amicizia con Charles.