Termes

 

Affiche tous: Tous les filtres suivants
× Date 2013
Affiche tous: Aucun des filtres suivants
× Date 2003
× Date 1999

Trouvés 4 documents.

Perché proviamo ciò che proviamo
0 0
Livres modernes

Frazzetto, Giovanni

Perché proviamo ciò che proviamo : una teoria delle emozioni / Giovanni Frazzetto

Milano : Rizzoli, 2013

Résumé: Restiamo svegli con gli occhi sbarrati dopo la telefonata di un amico preoccupato? Facciamo strani sogni se non teniamo fede a un impegno? Perdiamo le staffe per un ingorgo? E quando ci innamoriamo, non è forse un'estasi quella di cui cadiamo prede? Le emozioni pervadono la nostra vita. Alcune ci inseguono, altre ci sfuggono. A volte ci feriscono o addirittura ci consumano, altre volte invece ci consentono di librarci al di sopra di tutto e di tutti. Ma cos'è un'emozione? Le neuroscienze ci hanno spiegato cosa succede nel nostro cervello quando proviamo paura, amore, odio, rabbia; eppure, dopo decenni di ricerche e molte teorie, non esiste ancora una definizione di emozione che ne contempli tutti gli aspetti. Non solo: siamo davvero sicuri che il copione neurale del cervello possa dirci tutto su ciò che proviamo? Ognuno di noi, per essere consapevole di un'emozione, deve poterla riconoscere come parte integrante del proprio repertorio psicologico e culturale; definire una teoria delle emozioni significa allora decifrare anche il codice della realtà complessiva in cui viviamo, le sue pratiche e i suoi significati. Partendo dalla propria esperienza professionale e personale, l'autore ci illumina sui molti nodi ancora da districare quando si tratta di emozioni, e lo fa prendendo le mosse dalla scienza, ma attingendo a piene mani anche alla letteratura, all'arte, al teatro, alla filosofia e alla psicoanalisi.

Le ombre dell'anima
0 0
Livres modernes

Le ombre dell'anima : pensare le emozioni negative / a cura di Christine Tappolet, Fabrice Teroni, Anita Konzelmann Ziv

Milano : Cortina, 2013

Saggi ; 82

Résumé: Le emozioni possono essere penose, addirittura nefaste. Pensiamo per esempio alla paura, alla collera, all'odio, alla gelosia o al disprezzo. Simili emozioni sono spesso considerate negative. Ma cosa sono le emozioni negative e come si distinguono da quelle positive? Più in generale, che cosa implicano per la nostra comprensione delle emozioni? Quali sono concretamente i loro effetti sui nostri pensieri e sulla nostra vita? E come analizzare l'ambivalenza affettiva, quando si provano allo stesso tempo amore e odio, felicità e pena? Riunendo i contributi su questo tema di importanti studiosi, Le ombre dell'anima propone originali risposte a tali interrogativi e getta le basi per una filosofia delle emozioni negative e della complessità dei sentimenti.

La vita emotiva del cervello
0 0
Livres modernes

Davidson, Richard J.

La vita emotiva del cervello : come le strutture cerebrali influiscono sul nostro modo di pensare, percepire e vivere e come possiamo modificarle / Richard J. Davidson ; con Sharon Begley ; traduzione di Carlo Capararo e Monica Bottini

[Milano] : Ponte alle Grazie, 2013

Saggi

Résumé: Cosa succede nel nostro cervello quando siamo tristi o euforici, arrabbiati o ottimisti, oppure quando abbiamo a che fare con gli altri? Quali sono le strutture cerebrali alla base della vita emotiva? Fino a non molti anni fa la ricerca psicologica e neuroscientifica non era affatto interessata al cuore, ma solo alla testa, ossia alle funzioni cognitive. Negli anni Settanta alcuni studiosi intrapresero una serie di ricerche pionieristiche che avrebbero portato alla nascita delle cosiddette neuroscienze affettive. Oggi Richard Davidson è riuscito a dimostrare l'intuizione che lo aveva folgorato all'inizio degli anni Settanta ad Harvard: ragione e sentimento non sono polarità inconciliabili, e a ciascuna corrispondono zone e funzioni cerebrali specifiche. Su queste basi Davidson ha elaborato la teoria degli stili emozionali, sei dimensioni emotive che descrivono la personalità di ognuno. Poiché le emozioni si fondano su precise basi neurali, è possibile intervenire sui nostri comportamenti, disfunzionali o meno. Le neuroscienze hanno persino individuato nella meditazione uno strumento molto potente per modificare le strutture cerebrali, sfruttandone la neuroplasticità. A garanzia del valore di queste ricerche, l'equipe di collaboratori di Davidson annovera niente meno che il Dalai Lama. Il cervello non è una scatola impenetrabile e immutabile come si è pensato per secoli: migliorandone il funzionamento, possiamo vivere meglio con noi stessi e con gli altri.

Sopravvivere al Natale con l'intelligenza emotiva
0 0
Livres modernes

Goffman, D.

Sopravvivere al Natale con l'intelligenza emotiva / D. Goffman

Milano : Rizzoli, 2013

BUR varia

Résumé: Dopo aver rivoluzionato il nostro modo di interpretare la mente umana e i comportamenti delle persone, l'intelligenza emotiva mostra un lato inedito e si rivela un prezioso alleato per aggirare le trappole della vita quotidiana, a partire da una delle più subdole: il Natale. Grazie all'educazione, all'autocontrollo e all'empatia, l'intelligenza emotiva vi permetterà di affrontare tutte le peggiori insidie natalizie: dalle sfibranti trattative col partner all'insegna del cena dai tuoi, pranzo dai miei, all'immancabile litigio con il suocero, fino allo scambio di regali destinati già in partenza al riciclo.