Trouvés 3 documents.

La strana guerra
0 0
Livres modernes

Petacco, Arrigo

La strana guerra : 1939-1940: quando Hitler e Stalin erano alleati e Mussolini stava a guardare / Arrigo Petacco

Milano : A. Mondadori, 2008

Le scie

Résumé: Al principio la definirono strana guerra. Era cominciata il 1° settembre 1939, dopo che Francia e Inghilterra avevano aperto le ostilità contro la Germania, impadronitasi di mezza Polonia, non contro l'URSS, che si era presa l'altra metà. L'esercito francese, considerato il più forte del mondo, cui si era aggiunto il corpo di spedizioni britannico, era schierato dietro la linea Maginot (anch'essa la più forte del mondo). Quello tedesco, molto più debole poiché il grosso era impegnato in Polonia, stava dietro la linea Sigfrido. Ma per mesi non si sparò un solo colpo: entrambi gli schieramenti facevano il possibile per non irritare il nemico. Evidentemente aspettavano qualcosa. Ma cosa? A dicembre il cannone cominciò a tuonare, ma molto più lontano, nel profondo Nord: era scoppiato il conflitto russo-finnico, che si rivelò subito una guerra vera. Tutti i corrispondenti accorsero in quelle gelide terre, e per qualche tempo si ebbe l'impressione che il destino del mondo fosse in gioco lassù e non lungo la linea Maginot. Accadde cosi che gli occidentali fecero più sforzi per salvare la Finlandia che non l'alleata Polonia. Anche l'Italia, con grande dispetto di Hitler si unì alla crociata antibolscevica. Cosa stava dunque accadendo? Erano diventati tutti pazzi? Arrigo Petacco torna a occuparsi di storia contemporanea in un saggio che svela come in quei mesi in molti ambienti politici ed economici occidentali il nemico da battere era Stalin, e non Hitler.

Un brivido nell'aria
0 0
Livres modernes

Origo, Iris

Un brivido nell'aria : vigilia di guerra, 1939-1940 / Iris Origo ; prefazione di Sergio Romano ; con uno scritto di Katia Lysy ; traduzione e note di Sofia Dilaghi

Bagno a Ripoli : Passigli, 2019

Biblioteca Passigli

Résumé: Grazie alla sua ascendenza inglese e americana, e al suo matrimonio con un membro dell'aristocrazia romana, Iris Origo aveva accesso al corpo diplomatico e agli ambienti vicini alla monarchia e al fascismo, malgrado che di quest'ultimo fosse una fiera oppositrice e mantenesse contatti con molti esponenti antifascisti. Il progressivo scivolare dell'Italia verso una guerra che pochi volevano nelle forze armate e nello stesso fascismo - a cominciare da Galeazzo Ciano, Ministro degli Esteri e genero del Duce - è mirabilmente descritto in questo diario. L'opprimente atmosfera di un paese alla vigilia dell'ingresso nel conflitto, e il contrasto tra la Roma del fascismo imperante e la Val d'Orcia ancora immersa nella immobilità e nell'isolamento della tradizionale campagna italiana, fanno di questo diario un importante complemento di "Guerra in Val d'Orcia" in cui Iris Origo documenta la tragedia del conflitto e della guerra civile. Ricostruendo il clima e i preparativi che segnarono l'entrata in guerra dell'Italia, questo libro offre un importante contributo alla comprensione di un passaggio cruciale della nostra storia, e di come talora gli errori di una classe politica possano avere per una nazione grandi e tragiche conseguenze. Prefazione di Sergio Romano.

2: L'Italia va in guerra [VIDEOREGISTRAZIONE]
0 0

2: L'Italia va in guerra [VIDEOREGISTRAZIONE] / presentata da Vittorio Zucconi ; serie scritta e diretta da Aldo C. Zappalà

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0

Résumé: Si intrecciano le alleanze: l’Italia fascista si allontana dalle democrazie occidentali e sigla il Patto d’acciaio con Hitler. L’Austria viene annessa alla Germania. Gli italiani si crogiolano nell’illusione della pace osannando Mussolini. Il mito del Duce cresce a dismisura. Il 1° settembre 1939 Hitler invade la Polonia, dando inizio alla Seconda Guerra Mondiale. Nel giro di un anno la Germania attacca e conquista Danimarca, Norvegia, Olanda, Belgio, Lussemburgo e Francia. L’Italia entra in guerra nel giugno 1940, invadendo la Francia meridionale.