Trouvés 132 documents.

L'alba dei nuovi dei
0 0
Livres modernes

Colamedici, Andrea - Gancitano, Maura

L'alba dei nuovi dei : da Platone ai big data / Andrea Colamedici, Maura Gancitano

Milano : Mondadori, 2021

Strade blu

Résumé: Nei momenti di crisi e trasformazione come quello che stiamo vivendo, la filosofia può aiutarci a rispondere alle domande più urgenti. Dobbiamo solo interrogarla. È ciò che fanno i filosofi e scrittori Andrea Colamedici e Maura Gancitano: mettendo in comunicazione il nostro presente con l'Atene del V secolo a.C., interrogano i pensatori dell'età classica, ma non solo, sui temi del dibattito contemporaneo. E si chiedono, per esempio, che cosa direbbero i sofisti delle echo chambers, la cui dinamica identitaria ed escludente ricorda tanto quella delle poleis greche, Atene in particolare, dove donne, schiavi e stranieri non avevano «diritto di cittadinanza». O quale parallelismo sia possibile rintracciare tra l'introduzione degli hypomnemata , i taccuini che sconvolsero la vita dei Greci al tempo di Platone, e l'avvento dello smartphone. Secondo gli autori, come Socrate e Platone hanno visto la scrittura soppiantare l'oralità e hanno assistito al tramonto del mondo mitico, così noi oggi ci troviamo di fronte all'avanzata del digitale, che sta nuovamente rivoluzionando la comunicazione, il linguaggio e le strutture sociali, sancendo l'alba di nuovi dèi. Dopotutto «i big data possono essere interpretati come grandi divinità in provetta che stiamo (ri)costruendo in laboratorio, capaci di conoscere, prevedere e orientare i nostri desideri, scopi e bisogni più profondi, come sa fare ogni dio che si rispetti». E i social media, lungi dal rappresentare meri luoghi di intrattenimento, incarnano il tentativo dell'essere umano di superare il sé atomistico e creare un nuovo tipo di coscienza collettiva. Eraclito diceva che non si può scendere due volte nello stesso fiume, essendo tutto in costante mutamento. Eppure alcuni eventi si ripetono nel corso della storia e molto si può apprendere imparando a riconoscere le somiglianze tra di essi. Colamedici e Gancitano ce lo dimostrano, confermando che la filosofia non solo può aiutarci a comprendere meglio il presente, ma anche a reinventarlo.

La diversità culturale
0 0
Livres modernes

Hannerz, Ulf

La diversità culturale / Ulf Hannerz

Bologna : Il mulino, copyr. 2001

Intersezioni ; 217

Résumé: Che la diversità culturale sia divenuta un tema cruciale non solo per gli studiosi dell'epoca contemporanea, ma anche per coloro che in questa epoca vivono consapevolmente è cosa scontata. Più complesso invece è capire che cos'è, fino a che punto sia un elemento di ricchezza o di debolezza, se vada attivamente protetta oppure se vadano distinte, di volta in volta, vecchie incrostazioni nei costumi e nei modi di pensare e reinterpretazioni creative di spinte nuove. E, posto che le diversità culturali sono sempre esistite, a cosa corrisponde la loro riscoperta e valorizzazione? Il saggio di Hannerz affronta queste domande.

Fuori controllo
0 0
Livres modernes

Eriksen, Thomas Hylland

Fuori controllo : un'antropologia del cambiamento accelerato / Thomas Hylland Eriksen ; traduzione di Chiara Melloni

Torino : Einaudi, 2017

Piccola biblioteca Einaudi. Nuova serie ; 676 - Piccola biblioteca Einaudi. Nuova serie, I Maverick

Résumé: Densa, veloce, surriscaldata,- contraddistinta da ineguaglianze e iniquità. È l'età dell'Antropocene, il segno indelebile dell'umanità sul pianeta. È la globalizzazione - ma non come la conosciamo. Thomas Hylland Eriksen dà nuova linfa alla discussione intorno alla modernità globalizzata, adottando l'approccio antropologico nell'analisi di tre crisi interconnesse: ambientale, economica e identitaria. Se è vero che queste crisi sono globali per ampiezza, vengono però percepite e subite a livello locale, e sono moltissime le contraddizioni che sorgono tra le forze di standardizzazione dell'età dell'informazione del capitalismo globale e la natura socialmente stratificata delle vite individuali. Se il globale è di fatto ingovernabile, una possibile forma di opposizione consisterà per l'autore nell'individuare tattiche e interventi legati a congiunture e contesti locali: resistenze e strategie di sopravvivenza che possono invertire il corso di un mondo in crisi e prossimo alla catastrofe. Coniugando i metodi etnografici e comparativi dell'antropologia con materiali storici e sociologici (dall'economia politica alla biofisica ecologica) - e considerando temi quali il consumo di energia, l'urbanizzazione, la gestione dei rifiuti, la mobilità umana e la diffusione delle tecnologie d'informazione -, "Fuori controllo" offre una prospettiva nuova rispetto alle drammatiche urgenze della contemporaneità.

La fine dell'era del fuoco
0 0
Livres modernes

Caparrós, Martín

La fine dell'era del fuoco : cronache di un presente troppo caldo / Martín Caparrós ; traduzione di Sara Cavarero

Torino : Einaudi, 2021

Passaggi Einaudi

Résumé: «È sempre difficile raccontare il presente» dice Caparrós all'inizio di questo libro. «Tanto per cominciare perché il presente non esiste». E aggiunge: «Volevo esercitare, in un'epoca frammentaria, uno sguardo frammentato: cercare, nei frammenti, certe costanti per tentare di scoprire dove stiamo andando». E dunque la questione del lavoro e dell'ozio, del sogno e dei sogni, le numerose invenzioni del turismo, i servizi igienici intelligenti e le panchine stupide, le epidemie di obesità e la fame nel mondo che non si risolve, il modo di guardare, di guardarsi, gli affari della religione, del sesso e del tabacco, le parole: le forme del capitalismo globale che, come gli aerei, accelera per non cadere. Ma in questo presente Caparrós trova un elemento unificante: siamo cioè alla fine dell'era del fuoco. Il fuoco è stato all'origine della civiltà umana. E ora se ne sta andando.

Noi siamo la rivoluzione
0 0
Livres modernes

Fubini, Federico

Noi siamo la rivoluzione : storie di uomini e donne che sfidano il loro tempo / Federico Fubini

Milano : A. Mondadori, 2012

Strade blu. Non Fiction

Résumé: "Anche nel punto più basso di una crisi, noi europei restiamo deterministi ed egocentrici; pensiamo che tutto debba evolvere verso un modello di vita simile al nostro, sebbene non siamo più tanto sicuri di quale sia il nostro modello. Quello che tendiamo a dimenticare è che all'origine di ogni evoluzione spesso non c'è il proposito di seguire un'idea precostituita ma, al contrario, una forte dose di anticonformismo."" E sono proprio l'anticonformismo, la voglia di decidere di testa propria, il desiderio e spesso l'urgenza di infrangere le regole consolidate che caratterizzano i personaggi delle storie raccolte da Federico Fubini durante un viaggio in sette tappe, dall'Arabia Saudita a Catanzaro, passando per il Sud della Thailandia, l'India tribale, il Bhutan, il Corno d'Africa e la Tunisia. Tutti i protagonisti delle vicende raccontate in "Noi siamo la rivoluzione" sono portatori, non sempre consapevoli, del germe del cambiamento. Da est a ovest, sette rivoluzioni di questo inizio secolo, in atto o incipienti, caratterizzate da ingredienti comuni: compressione o accelerazione del tempo, scambio di idee fra luoghi lontani, social network, presenza di individui controcorrente al centro di trasformazioni rapidissime. È quando si verificano queste condizioni, spiega Fubini, che può nascere una rivoluzione, politica, sociale o culturale, capace di diffondersi fulminea come un vero e proprio contagio, con conseguenze ed esiti quasi sempre impossibili da prevedere.

Scrivere il futuro
0 0
Livres modernes

Bauman, Zygmunt

Scrivere il futuro / Zygmunt Bauman ; prefazione di Massimo Arcangeli ; traduzione di Cristina Guarnieri

Roma : Castelvecchi, 2016

Irruzioni

Résumé: Possiamo superare l'incertezza che grava su di noi e sul futuro? L'inquietudine che contraddistingue le nostre vite non è epistemologica, ma ontologica: a partire da questa constatazione Bauman traccia la grammatica del nostro tempo, caratterizzata da parole quali "probabilità", "instabilità", "turbolenza". Eppure, l'imprevedibile che permea la realtà in cui viviamo non è solo negativo: ciascuno di noi può scrivere il futuro secondo i propri desideri. Bauman attraversa le questioni più urgenti della contemporaneità: migrazione, diaspora, assimilazione, multicentrismo, estraneità, mixofilia e mixofobia. In un confronto serrato con la comunicazione tecnologica e la globalizzazione, il sociologo polacco dialoga con grandi figure dei secoli scorsi quali Laplace, Havel e Prigogine, convocandoci a fare la storia come insegnava Antonio Gramsci.

Un altro mondo è possibile
0 0
Livres modernes

Augé, Marc

Un altro mondo è possibile / Marc Augé ; traduzione di Chiara Perona

Torino : Codice, copyr. 2017

Résumé: Delusa e disillusa dalle ideologie novecentesche, soverchiata da un progresso scientifico e tecnologico inarrestabile, l'umanità di oggi sembra essere rimasta priva di un "faro" che illumini il percorso verso il futuro. Questa sorta di eterno presente - stravolto dalle disuguaglianze, dalla violenza e dalla regressione ideologica - è la condizione che Augé definisce come la "preistoria dell'umanità come società planetaria". Come uscirne ed entrare in una nuova era? Con un'utopia che possa segnare un radicale cambio di prospettiva. "La sola utopia valida per i secoli a venire e le cui fondamenta andrebbero urgentemente costruite o rinforzate è l'utopia dell'istruzione per tutti: l'unica via possibile per frenare una società mondiale ineguale e ignorante, condannata al consumo o all'esclusione e, alla fin fine, a rischio di suicidio planetario".

Senza limiti
0 0
Livres modernes

Caprioglio, Ilaria

Senza limiti : generazioni in fuga dal tempo / Ilaria Caprioglio

Milano : Sironi, 2014

Galápagos ; 65

Résumé: Nella società contemporanea la rincorsa alla perfezione fisica, il rapporto conflittuale con il cibo, l'abuso della chirurgia estetica, la ricerca del piacere immediato non conoscono età e il modello di bellezza veicolato dalla pressione mediatica azzera le stagioni della vita. Bambine "adultizzate" e donne vittime del giovanilismo imperante si scoprono accomunate in una confusione di abiti e di ruoli. Da questo quadro parte l'autrice di "Senza limiti" per ragionare, grazie anche alla sua esperienza di modella, sull'omologazione generazionale e sulla difficoltà di vivere con equilibrio le diverse età della vita. Ritraendo in modo spietato la nostra società pervasa dal narcisismo, Ilaria Caprioglio suggerisce come ripartire dai limiti e dalle differenze che lo scorrere del tempo comporta e offre spunti di riflessione anche ai genitori desiderosi di tornare a essere modelli di riferimento autorevoli per figli disorientati.

Una semplice rivoluzione
0 0
Livres modernes

De Masi, Domenico

Una semplice rivoluzione : lavoro, ozio, creatività: nuove rotte per una società smarrita / Domenico De Masi

Milano : Rizzoli, 2016

Résumé: 2999: alla vigilia del capodanno che segna il passaggio al quarto millennio, il pianeta Terra pare essere il più gettonato come meta dei viaggi intergalattici. Recenti scavi archeologici hanno infatti riportato alla luce reperti che raccontano la vita dei terrestri all'inizio del millennio. Una civiltà oziosa, dedita all'introspezione, all'amicizia, all'amore, al gioco, alla bellezza e alla convivialità scopre così che i suoi antenati erano strani esseri interessati soltanto alla lotta per il potere, al denaro e al possesso di beni materiali. Quegli antenati siamo noi. Domenico De Masi adotta questa prospettiva fantascientifica per provocare il nostro sguardo. Allontanandosi nello spazio e nel tempo è più facile riflettere sulla direzione che vogliamo imprimere al nostro futuro. Con la forza delle sue analisi e la felice sintesi delle sue formule, l'autore ci racconta come siamo cambiati in questi ultimi anni pur essendo rimasti fedeli a stili di vita ormai superati, per dimostrare che esiste una prospettiva che ci può guidare fuori dallo smarrimento attuale. In poche parole, "Una semplice rivoluzione". Nuove rotte sono possibili, a condizione però di dotarsi dei giusti strumenti per navigare. La società postindustriale in cui siamo immersi è appena agli albori, è in fase ancora di assestamento, ma la sua apparente complessità non ci deve condannare alla rassegnata accettazione delle sue distorsioni.

Cose che abbiamo in comune
0 0
Livres modernes

Bauman, Zygmunt

Cose che abbiamo in comune : 44 lettere dal mondo liquido / Zygmunt Bauman ; traduzione di Marzia Porta

2. ed.

Roma : Laterza, 2013

Economica Laterza ; 661

Résumé: "Queste sono storie ispirate a delle esistenze comuni, da cui trarre spunti per rivelare ed esporre una straordinarietà altrimenti difficile da cogliere. Se vogliamo che ciò che all'apparenza ci è familiare lo diventi davvero, dobbiamo per prima cosa rendercelo estraneo. Si tratta di un compito difficile e la piena riuscita è quanto meno incerta. Tuttavia è questo l'obiettivo che noi, lo scrittore di queste quarantaquattro lettere e i suoi lettori, ci prefiggiamo per la nostra avventura. Ma perché proprio quarantaquattro? Sospetto che la maggior parte dei lettori si porrà questa domanda. Sento di dover loro una spiegazione. Adam Mickiewicz, il più grande poeta romantico polacco, inventò un personaggio misterioso, un portavoce della Libertà e suo rappresentante, o vicereggente sulla Terra, il cui nome è Quarantaquattro. Grazie ad Adam Mickiewicz il numero quarantaquattro simboleggia lo stupore e la speranza che accompagnano l'arrivo della Libertà. È un numero che annuncia, in modo indiretto e solo agli iniziati, il tema conduttore di queste missive. Lo spettro della libertà aleggia in ciascuna di loro. Anche quando si trattano temi del tutto diversi. Anche quando la sua presenza, come per ogni spettro degno di questo nome, appare invisibile.» Zygmunt Bauman

Silicon Valley: i signori del silicio
0 0
Livres modernes

Morozov, Evgeny

Silicon Valley: i signori del silicio / Evgeny Morozov ; traduzione di Fabio Chiusi

Torino : Codice, 2017

Tempi moderni

Résumé: Da alcuni anni le aziende della Silicon Valley promettono prosperità, uguaglianza e una nuova società in cui tutto sarà condivisibile e accessibile, superando le vecchie logiche di mercato. Ma le cose stanno davvero così? Siamo sicuri che Google, Amazon, Facebook, Twitter & Co. Non siano piuttosto l'ultima incarnazione del capitalismo (ancora più subdolo, perché mascherato dietro la suadente retorica della rivoluzione digitale) e l'ennesima versione dell'accentramento di potere economico e politico nelle mani di pochi? In tutto questo, sostiene Morozov, di democratico, rivoluzionario e "smart" c'è ben poco; c'è invece una merce svenduta sull'altare del profitto: i nostri dati personali, la nostra privacy e soprattutto la nostra libertà.

La metamorfosi del mondo
0 0
Livres modernes

Beck, Ulrich

La metamorfosi del mondo / Ulrich Beck ; traduzione di Marco Cupellaro

Bari : Laterza, 2017

Tempi nuovi

Résumé: È innegabile che viviamo in un mondo sempre più diffìcile da decodificare. Non sta semplicemente cambiando: è in metamorfosi. Ciò che prima veniva escluso a priori, perché totalmente inconcepibile, accade. Sono eventi globali che passano generalmente inosservati e si affermano, al di là della sfera della politica e della democrazia, come effetti secondari di una radicale modernizzazione tecnica ed economica. Basta pensare alla serie di avvenimenti accaduti negli ultimi decenni: la caduta del Muro di Berlino, gli attentati dell'11 settembre, il catastrofico mutamento climatico in tutto il mondo, il disastro del reattore di Fukushima, fino alle crisi della finanza e dell'euro e alle minacce alla libertà create, come ci ha rivelato Edward Snowden, dalla sorveglianza totalitaria nell'era della comunicazione digitale. Ulrich Beck, in questo libro, ci parla dello stato di choc in cui viviamo. Perché la metamorfosi del mondo produce un'esplosione che manda all'aria le certezze su cui si fonda la società contemporanea, quelle che finora sono state le costanti antropologiche della nostra vita e della nostra concezione del vivere comune.

Silicon Valley
0 0
Livres modernes

Morozov, Evgeny

Silicon Valley : i signori del silicio / Evgeny Morozov

Roma : Le scienze, copyr. 2018

La biblioteca delle scienze ; 43

Résumé: Immersi come siamo nell’economia digitale abbiamo perso ogni attenzione critica verso il mondo della tecnologia, e così stiamo consegnando, inconsapevolmente o meno, le nostre vite e relazioni sociali a un pugno di aziende che stanno erodendo le fondamenta degli Stati caratterizzati da principi di solidarietà come il welfare. Questa tesi, controcorrente rispetto alla lettura più in voga dell’impatto delle tecnologie e applicazioni digitali (spesso riassunte in modo sbrigativo nella parola «Internet»), è opera di Evgeny Morozov ed è argomentata in Silicon Valley: i signori del silicio, libro allegato a «Le Scienze» di luglio e in vendita nelle librerie per Codice Edizioni. Il punto di partenza dell’autore, giornalista di origine bielorussa, analista di nuove tecnologie e docente alla Stanford University, è una promessa tradita che risale a qualche decennio fa. In quel periodo la rete Internet muoveva i primi passi di un cammino che l’avrebbe portata ad avvolgere ogni continente del pianeta, segnando l’inizio di una nuova era per l’umanità. Una delle promesse che accompagnava quel cammino era che la rete sarebbe stata intrinsecamente democratizzante, cosmopolita e destabilizzante per i poteri forti; in altre parole, il nascente villaggio globale avrebbe portato più diritti e uguaglianza economica e sociale per tutti. Poco più di vent’anni dopo, argomenta Morozov, il villaggio globale egalitario non solo non si è materializzato, ma la rete è diventata simile a un feudo spartito tra multinazionali della tecnologia e servizi di intelligence. La possibilità di fruire di servizi a basso costo o gratuiti, come la connessione tra persone su social network (che siano pensati per ambiti lavorativi o sentimentali poco importa) o di soluzioni emerse dall’economia della condivisione (la sharing economy) non sono altro che il trionfo di una visione del mondo che ha come fine ultimo la soppressione delle nostre identità di cittadini a favore di quelle di consumatori, afferma in modo provocatorio l’autore. Accettiamo di sfruttare gratis un servizio cedendo in cambio il diritto a raccogliere, conservare ed elaborare i nostri dati personali, in altre parole cediamo il nostro spazio privato che è poi monetizzato per esempio con una profilazione per pubblicità o per proporci altri servizi ancora ma a pagamento, non di rado la versione più utile di quelli che abbiamo iniziato a sfruttare gratuitamente. Usiamo piattaforme che ci consentono di trovare una soluzione alla mobilità con soluzioni dirette tra privati, ignorando che quella piattaforma prospera su un’inefficienza o carenza di servizi pubblici per i quali però onoriamo il nostro contratto sociale tramite le tasse. Partecipiamo a una raccolta di fondi (crowdfunding) con le migliori intenzioni possibili, ma magari senza avere chiaro che il progetto a cui destiniamo una parte del nostro reddito è in difficoltà per tagli di finanziamenti pubblici dovute a misure di austerità. Tutto questo, secondo Morozov, ha come epicentro, non solo simbolico, la Silicon Valley californiana, luogo d’elezione della nascita delle imprese che hanno rivoluzionato l’uso della rete, invadendo e disarticolando però uno spazio pubblico che non può più contare su un barlume di solidarietà. E questa dinamica è legata a doppio filo a una visione economica precisa. In altri termini, non è possibile frenare l’appetito economico delle aziende digitali se non si ripensa anche il modello dell’economia sui cui si agiscono. Possiamo riconquistare la sovranità sulla tecnologia, afferma Morozov, a patto però di riconquistare prima la sovranità sull'economia e la politica

Sociologia del mutamento
0 0
Livres modernes

Chirot, Daniel

Sociologia del mutamento : come cambiano le società / Daniel Chirot

Bologna : il Mulino, copyr. 2010

Itinerari. Sociologia

Résumé: L'evoluzione delle società umane rivela sia continuità di lungo periodo sia discontinuità profonde. Alcuni fenomeni sociali ci connettono direttamente ai nostri antenati che vivevano nelle società di caccia e raccolta, se non addirittura ad altre specie di ominidi e primati; altri fenomeni sociali sono inconcepibili per chiunque sia nato anche soltanto qualche anno prima di noi e incomprensibili per chiunque sia nato qualche anno dopo. Alcuni cambiamenti vengono colti e interpretati all'interno delle vite individuali; altri richiedono secoli o millenni prima ancora che ci si accorga che qualcosa è accaduto. Questa sintesi delinea un quadro della sociologia del mutamento a partire da una serie di interrogativi fondamentali: cosa cambia (e come), cosa si mantiene stabile (e come), cosa collega il cambiamento di alcune cose con la stabilità di altre. Daniel Chirot è docente di Sociologia e International Studies all'Università di Washington.

Utopie minimaliste
0 0
Livres modernes

Zoja, Luigi

Utopie minimaliste / Luigi Zoja

Milano : Chiarelettere, 2013

Reverse

Résumé: Le utopie massimaliste hanno dominato il secolo scorso. Con la promessa di un mondo migliore hanno acceso passioni viscerali seminando violenze peggiori di quelle che volevano combattere. Ma la nostra società senza utopie, minacciata da un fatalismo di massa, rappresenta uno scenario altrettanto preoccupante. In questo libro Luigi Zoja, da sempre interessato alla psicologia degli eventi sociali, mette in scena una trama finora inesplorata dell'utopia, con una straordinaria ricchezza di riferimenti storici, politici ed economici. Le utopie minimaliste occupano uno spazio psicologico prima che politico, non impongono modelli dall'esterno ma propongono un cambiamento interiore che passa, tra l'altro, dal rispetto dell'ambiente in cui viviamo, degli altri come anche degli animali, dei ritmi naturali del corpo e della mente. Un lavoro anzitutto di coscienza (nel doppio senso di consapevolezza e moralità), che può disegnare la strada verso un mondo più desiderabile.

Il   codice d'onore
0 0
Livres modernes

Appiah, Anthony

Il codice d'onore : come cambia la morale / Kwame Anthony Appiah

Milano : Cortina, 2011

Scienza e idee ; 217

Résumé: Come avviene una rivoluzione morale? Che cosa spinge una società a ripudiare consuetudini barbare accettate per secoli o addirittura millenni? Il richiamo ai principi della morale, ai dogmi di una qualche religione rivelata o ai dettami della ragione non è sufficiente. Usi e costumi cambiano quando entrano in conflitto con il codice d'onore. In questo libro, Kwame Anthony Appiah invita il lettore a esplorare alcuni punti di svolta che hanno segnato la storia dell'umanità. Descrive una delle ultime sfide, tra un ministro britannico e un eccentrico duca, prima che il duello fosse definitivamente soppresso, analizza la fine della consuetudine della fasciatura dei piedi per le donne cinesi e il rapido formarsi di un consenso sociale che ha condotto all'abolizione della schiavitù. In queste e in altre circostanze, l'onore si rivela al tempo stesso vincolo e potere di liberazione, mantenendo ancora oggi inalterata la sua forza.

Atlante metropolitano
0 0
Livres modernes

Perulli, Paolo

Atlante metropolitano : il mutamento sociale nelle grandi città / Paolo Perulli

Bologna : Il mulino, copyr. 1992

Ricerca

La via
0 0
Livres modernes

Morin, Edgar

La via : per l'avvenire dell'umanità / Edgar Morin ; prefazione di Mauro Ceruti

Milano : Cortina, 2012

Saggi ; 71

Résumé: Il vascello spaziale Terra continua a tutta velocità la sua corsa in un processo a tre facce: mondializzazione, occidentalizzazione, sviluppo. Tutto è interdipendente, ma tutto è allo stesso tempo separato. L'unificazione tecnoeconomica del globo si accompagna a conflitti etnici, religiosi, politici, a convulsioni economiche, alla degradazione della biosfera, alla crisi delle civiltà tradizionali ma anche alla crisi della modernità. Dove ci porta la via seguita? Verso un progresso ininterrotto? Non possiamo più crederlo. Alla diminuzione della povertà attraverso un aumento del benessere materiale corrisponde anche un enorme aumento di miseria. Andiamo verso una serie di catastrofi a catena? È quel che sembra probabile se non riusciamo a cambiare strada. Edgar Morin pone qui la sfida di una "via" di salvezza che potrebbe delinearsi dal congiungersi di una miriade di vie riformatrici: riforma del pensiero, dell'educazione, della famiglia, del lavoro, dell'alimentazione, del modo di consumare.. . Come scrive Mauro Ceruti nella Prefazione, "Morin propone di sostituire alla via di sviluppo che produce sottosviluppo la via di una politica di civiltà, che abbia come missione quella di solidarizzare il pianeta, nella prospettiva di un nuovo umanesimo".Una metamorfosi ancora più stupefacente di quella che ha segnato il passaggio dalle società arcaiche di cacciatori-raccoglitori alle società storiche.

Cose che abbiamo in comune
0 0
Livres modernes

Bauman, Zygmunt

Cose che abbiamo in comune : 44 lettere dal mondo liquido / Zygmunt Bauman ; traduzione di Marzia Porta

Roma : Laterza, 2012

I Robinson. Letture

Résumé: "Queste sono storie ispirate a delle esistenze comuni, da cui trarre spunti per rivelare ed esporre una straordinarietà altrimenti difficile da cogliere. Se vogliamo che ciò che all'apparenza ci è familiare lo diventi davvero, dobbiamo per prima cosa rendercelo estraneo. Si tratta di un compito difficile e la piena riuscita è quanto meno incerta. Tuttavia è questo l'obiettivo che noi, lo scrittore di queste quarantaquattro lettere e i suoi lettori, ci prefiggiamo per la nostra avventura. Ma perché proprio quarantaquattro? Sospetto che la maggior parte dei lettori si porrà questa domanda. Sento di dover loro una spiegazione. Adam Mickiewicz, il più grande poeta romantico polacco, inventò un personaggio misterioso, un portavoce della Libertà e suo rappresentante, o vicereggente sulla Terra, il cui nome è Quarantaquattro. Grazie ad Adam Mickiewicz il numero quarantaquattro simboleggia lo stupore e la speranza che accompagnano l'arrivo della Libertà. È un numero che annuncia, in modo indiretto e solo agli iniziati, il tema conduttore di queste missive. Lo spettro della libertà aleggia in ciascuna di loro. Anche quando si trattano temi del tutto diversi. Anche quando la sua presenza, come per ogni spettro degno di questo nome, appare invisibile.» Zygmunt Bauman

È arrivata la bufera
0 0
Livres modernes

Chiesa, Giulietto

È arrivata la bufera / Giulietto Chiesa

3. ed.

Milano : Piemme, 2015

Résumé: "All'indomani dei tragici fatti di Parigi, con l'assalto alla redazione della rivista satirica Charlie Hebdo e a un supermercato ebraico, l'atmosfera ha raggiunto livelli di isteria tali che tentare, finalmente, una ricostruzione puntuale e pacata è diventato ineludibile. È in gioco l'esistenza stessa dell'Europa. È in gioco la collocazione dell'Europa rispetto alla Russia, ai cui confini è in corso una guerra sanguinosa. In una parola, è in gioco la sopravvivenza della pace mondiale. Le stragi parigine hanno prodotto l'inizio di un'enorme crociata che sta investendo tutto il mondo. Ma il fatto è che molto di ciò che ci hanno raccontato finora, quello che è stato mostrato a centinaia di milioni di persone, non regge alla minima verifica. Ci sono troppi elementi che non tornano. 'Buchi neri' che sfidano, anzi, che demoliscono la ricostruzione ufficiale passano completamente sotto silenzio. Ne 'I misteri di Parigi', Giulietto Chiesa produce - in presa diretta - una rilettura critica dei drammatici eventi che stanno sconvolgendo le opinioni pubbliche europee e catalizzando l'interesse della macchina dell'informazione nelle ultime settimane. E che orienteranno le scelte degli Stati e i destini di miliardi di persone. Si tratta di argomenti che aveva anticipato nel recente 'Invece della catastrofe', qui proposto in versione aggiornata."