325.4 [14]

(Classe)

 

Trouvés 11 documents.

Io sto con la sposa [VIDEOREGISTRAZIONE]
0 0

Io sto con la sposa [VIDEOREGISTRAZIONE] / regia di Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry, Antonio Augugliaro ; musiche originali: Dissói Lógoi

Feltrinelli, 2015

Feltrinelli Real cinema

Résumé: Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri, però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un'amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un'Europa sconosciuta. Un'Europa transnazionale, solidale e goliardica, che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della fortezza con una mascherata che ha dell'incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta tra Milano e Stoccolma fra il 14 e il 18 novembre 2013. Nel booklet: "Storia di un matrimonio" e altri scritti. A cura di Gabriele Del Grande.

La casa perduta
0 0
Livres modernes

Audenino, Patrizia

La casa perduta : la memoria dei profughi nell'Europa del Novecento / Patrizia Audenino

Roma : Carocci, 2015

Studi storici Carocci ; 225

Résumé: In che modo è stata elaborata in Europa la memoria pubblica dei profughi rimpatriati del Novecento e quali percorsi ha sperimentato quella privata? I tre casi esaminati - Germania, Francia e Italia - sono accomunati da modalità di partenza egualmente drammatiche, aggravate dall'incomprensione e dalla discriminazione che ha accompagnato l'arrivo dei profughi nella cosiddetta madrepatria. L'accostamento delle differenti politiche pubbliche della memoria messe in atto verso i cittadini rimpatriati permette di capire le modalità di riflessione adottate da questi paesi nei confronti della costruzione dei loro confini territoriali e nazionali e del loro passato coloniale. L'analisi dei ricordi privati, condotta su una vasta memorialistica pubblicata, mette invece in luce come i profughi abbiano intrapreso comuni percorsi di rielaborazione dei lutti individuali e familiari e di ricostruzione della propria identità sulle ceneri della patria perduta.

L' età delle migrazioni forzate
0 0
Livres modernes

Ferrara, Antonio - Pianciola, Niccolò

L' età delle migrazioni forzate : esodi e deportazioni in Europa : 1853-1953 / Antonio Ferrara, Niccolò Pianciola

Bologna : Il Mulino, 2012

Biblioteca storica

Résumé: Fra la guerra di Crimea e la morte di Stalin (1853-1953) circa trenta milioni di persone in Europa furono vittime di migrazioni forzate: intere popolazioni vennero espulse, deportate e ricollocate altrove, o costrette a emigrare. Il fenomeno interessò in particolare quell'"Europa di mezzo" divisa fino alla Prima guerra mondiale fra gli imperi zarista, tedesco, asburgico e ottomano e si concentrò soprattutto nella prima metà del Novecento, a partire dalle guerre balcaniche, raggiungendo il suo culmine per opera dei due grandi regimi totalitari sovietico e nazista. Con un amplissimo raggio d'osservazione, che va dalla Russia asiatica ai profughi istriani di casa nostra, il volume affronta per la prima volta in maniera complessiva questo drammatico fenomeno che, spesso intrecciandosi a pratiche di pulizia etnica e a episodi di sterminio, ha accompagnato la faticosa e sanguinosa riconfigurazione dell'Europa e dei suoi confini nel corso del Ventesimo secolo.

L'ospite e il nemico
0 0
Livres modernes

Simone, Raffaele

L'ospite e il nemico : la grande migrazione e l'Europa / Raffaele Simone

Milano : Garzanti, 2018

Saggi

Résumé: La storia ricorderà i nostri anni come gli anni della Grande Migrazione, cioè quel processo attraverso cui milioni di persone in fuga dall'Africa e dall'Asia si sono messe in marcia verso il continente europeo sperando di trovarvi salvezza e benessere. Mai nella storia si era avuto un flusso tanto imponente e inarrestabile. Per quanto sia difficile stabilirne la portata complessiva, è evidente fin d'ora che esso costituisce uno dei tratti salienti del nuovo mondo che la globalizzazione sta modellando. Per l'identità europea, questa ondata (quasi interamente islamica) comporterà differenze difficilissime a assorbirsi e ancor più a integrarsi: punti di vista drasticamente difformi su temi-chiave per l'Occidente (la laicità, l'uguaglianza uomo-donna, l'amministrazione della giustizia, la separazione tra Stato e fedi), concezioni religiose talvolta aggressive, idee premoderne sullo Stato. L'Europa ha lasciato entrare queste masse senza avere alcun piano di azione comune. La pubblica opinione, per parte sua, si è divisa tra chi vede nello straniero che attraversa il mare un ospite da accogliere e aiutare e chi invece lo addita come un pericoloso nemico. Il libro di Raffaele Simone assume questa contrapposizione e l'analizza fino in fondo. Distinguendo la retorica politica dai fatti, intrecciando una scrupolosa cura dei dati con originali elaborazioni concettuali, dando nomi e definizioni alle nostre paure quotidiane dinanzi al diverso e sfidando i rischi del Politicamente Corretto, Simone offre una riflessione dura, pungente, e propone categorie e criteri per capire che cosa è, cosa significa e cosa comporterà la Grande Migrazione per il Vecchio Continente.

Redemption song [VIDEOREGISTRAZIONE]
0 0

Redemption song [VIDEOREGISTRAZIONE] / un documentario di Cristina Mantis ; con Cissoko Aboubacar

Cecchi Gori Home Video, 2016

Résumé: Profugo di guerra, Cissoko, giunto in Italia si ritrova in un centro d'accoglienza. Colpito dal numero impressionante di gente che continua a perire nel mare e dalle nuove forme di schiavitù che si sperimentano in Europa, decide di filmare quelle immagini, per proiettarle nelle scuole e nei villaggi dell'Africa e per contribuire al risveglio della sua gente.

Panique aux frontières
0 0
Livres modernes

L'Helgoualc'h, Éric

Panique aux frontières : enquête sur cette Europe qui se ferme / Éric L'Helgoualc'h

Paris : Max Milo, 2011 Paris : Max Milo, 2011

Résumé: Le débarquement chaque année de milliers de migrants réveille en Europe la peur d'une " invasion " étrangère. Certains gouvernements européens réclament le renforcement des contrôles aux portes de l'espace Schengen tandis que d'autres veulent rétablir les frontières nationales. L'Union européenne, espace de libre circulation des personnes et de promotion des droits de l'homme, semble peu à peu gagnée par une hostilité croissante à l'égard des étrangers. Quelle est la réalité des événements qui se déroulent aujourd'hui à nos frontières ? L'auteur a enquêté pendant un an sur le terrain, où il a rencontré responsables, migrants, dirigeants politiques et militants associatifs. Il nous livre un récit vif et éclairant, fruit d'une exploration sans détour de cette question complexe. Pour comprendre, par-delà les peurs.

Non passa lo straniero?
0 0
Livres modernes

Ambrosini, Maurizio

Non passa lo straniero? : le politiche migratorie tra sovranità nazionale e diritti umani / Maurizio Ambrosini

Assisi : Cittadella, 2014

L'etica e i giorni

Résumé: L'immigrazione e l'asilo: una grande sfida per sistemi politici ancora basati sulla sovranità nazionale.Nei confronti di immigrati e rifugiati, gli Stati alzano la voce, dichiarano la chiusura delle frontiere, pretendono conformità alla cultura nazionale. Nei fatti però, sia pure a fatica, norme sui diritti umani e attori della società civile puntano all'accoglienza e all'allargamento di spazi di "cittadinanza dal basso".

Fuga in Europa
0 0
Livres modernes

Smith, Stephen

Fuga in Europa : la giovane Africa verso il vecchio continente / Stephen Smith ; traduzione di Piero Arlorio

[Torino] : Einaudi, copyr. 2018

Piccola biblioteca Einaudi. Nuova serie, I Maverick ; 703

Résumé: L'Europa sta invecchiando e si sta spopolando. L'Africa è piena di giovani e di vita. La migrazione di massa, appena iniziata, è per modalità e dimensioni la sfida più drammatica del ventunesimo secolo. L'Unione Europea conta oggi 510 milioni di abitanti che invecchiano; l'Africa un miliardo e 250 milioni, il 40% dei quali ha meno di quindici anni. Nel 2050, ci saranno 450 milioni di europei contro 2 miliardi e mezzo di africani. Da qui al 2100, tre persone su quattro del mondo saranno nate a sud del Sahara. L'Africa «sta emergendo» e, uscendo dall'assoluta povertà, si mette in marcia. Se gli africani replicheranno ciò che è sempre avvenuto e avviene nella storia dell'umanità, fra trent'anni l'Europa avrà dai 150 ai 200 milioni di afro-europei, rispetto ai 9 milioni odierni. Una pressione migratoria di questa portata sottoporrà l'Europa a una prova senza precedenti, col rischio di portare al parossismo la spaccatura tra élite cosmopolite e populisti difensori del suolo. Se lo stato sociale senza frontiere è una pia illusione, immaginare di fare del Mediterraneo il fossato di una «fortezza Europa» - erigendo intorno al continente della ricchezza e della sicurezza sociale dei muri per arrestare il flusso - dissolverebbe le basi stesse dell'Europa. L'egoismo nazionalista e l'universalismo umanista sono entrambi pericolosi. Guidato dalla razionalità dei dati, questo saggio di geografia umana cerca un difficile punto di equilibrio tra interessi e ideali.

Il confine mediterraneo
0 0
Livres modernes

Il confine mediterraneo : l'Europa di fronte agli sbarchi dei migranti / a cura di Valerio De Cesaris ed Emidio Diodato

Roma : Carocci, 2018

Biblioteca di testi e studi ; 1220 - Studi politici

Résumé: Sul confine mediterraneo l’Unione Europea gioca una partita decisiva per il suo futuro. La gestione dei flussi migratori e il tema della sicurezza suscitano continui allarmi. Molti invocano la fortificazione dei confini. Altri, al contrario, chiedono politiche d’accoglienza e piani d’integrazione. La paura dell’invasione rende più difficile trovare una via che metta tutti d’accordo, così l’immigrazione rischia di diventare il punto di rottura della costruzione europea. In questo libro si analizzano gli sbarchi di migranti da diverse angolature e prospettive: le istituzioni comunitarie, gli Stati frontalieri – Italia, Spagna, Grecia e Malta –, il gruppo di Visegrád, l’Unione Africana e la Turchia, il diritto internazionale e i corridoi umanitari. Per raccontare quello che ormai, tra naufragi, sbarchi, chiusure e xenofobia, è divenuto il confine più caldo d’Europa e per offrire elementi utili a comprendere una delle sfide maggiori del nostro tempo.

Transculture mediterranee
0 0
Livres modernes

Levrero, Paolo

Transculture mediterranee : pratiche pedagogiche tra immigrazione e integrazione / Paolo Levrero

Canterano : Aracne, 2016

Globolitical ; 6

Résumé: Il volume, esito della ricerca condotta all’interno del corso di dottorato in Migrazioni e Processi interculturali svolto nell’Università degli Studi di Genova, trova nella categoria di transcultura un concetto assiale attraverso cui interpretare la storia dell’Europa (e dell’Occidente) e la storia dei popoli immigrati. Considerando l’Europa non soltanto come un intreccio di culture, la prospettiva qui tracciata guarda a una legislazione europea che determini una nuova visione giuridico–costituzionale–politica per la costruzione di una transcultura continentale.

L'ospite e il nemico
0 0
Livres modernes

Simone, Raffaele

L'ospite e il nemico : la grande migrazione e l'Europa / Raffaele Simone

Milano : Garzanti, 2020

Gli elefanti. Saggi

Résumé: La storia ricorderà i nostri anni come gli anni della Grande Migrazione, cioè quel processo attraverso cui milioni di persone in fuga dall'Africa e dall'Asia si sono messe in marcia verso il continente europeo sperando di trovarvi salvezza e benessere. Mai nella storia si era avuto un flusso tanto imponente e inarrestabile. Per quanto sia difficile stabilirne la portata complessiva, è evidente fin d'ora che esso costituisce uno dei tratti salienti del nuovo mondo che la globalizzazione sta modellando. Per l'identità europea, questa ondata (quasi interamente islamica) comporterà differenze difficilissime a assorbirsi e ancor più a integrarsi: punti di vista drasticamente difformi su temi-chiave per l'Occidente (la laicità, l'uguaglianza uomo-donna, l'amministrazione della giustizia, la separazione tra Stato e fedi), concezioni religiose talvolta aggressive, idee premoderne sullo Stato. L'Europa ha lasciato entrare queste masse senza avere alcun piano di azione comune. La pubblica opinione, per parte sua, si è divisa tra chi vede nello straniero che attraversa il mare un ospite da accogliere e aiutare e chi invece lo addita come un pericoloso nemico. Il libro di Raffaele Simone assume questa contrapposizione e l'analizza fino in fondo. Distinguendo la retorica politica dai fatti, intrecciando una scrupolosa cura dei dati con originali elaborazioni concettuali, dando nomi e definizioni alle nostre paure quotidiane dinanzi al diverso e sfidando i rischi del Politicamente Corretto, Simone offre una riflessione dura, pungente, e propone categorie e criteri per capire che cosa è, cosa significa e cosa comporterà la Grande Migrazione per il Vecchio Continente.