305.3 [14]

(Classe)

 

Trouvés 20 documents.

Amore e violenza
0 0
Livres modernes

Melandri, Lea

Amore e violenza : il fattore molesto della civiltà / Lea Melandri

Torino : Bollati Boringhieri, 2011

Temi ; 199

Résumé: Nel comune sentire amore e violenza tendono idealmente a polarizzarsi: che cosa avrebbero da spartire lo slancio ardente verso l'oggetto del proprio desiderio e la brutale lacerazione dell'altro, la tenerezza e l'odio rabbioso, la passione vivificante e il gesto mortifero? In realtà il sentimento amoroso e l'atto violento si compenetrano da sempre, a partire dallo strappo che separa il maschio dal corpo di donna che lo ha generato. E sono intrecciati al punto da serrarsi in un nodo inestricabile che costituisce - sia per gli individui sia per i gruppi umani - il fattore molesto della civiltà. Con l'acutezza di sguardo di chi sa mettere a nudo le ambivalenze e le contraddizioni del rapporto di potere tra i sessi, Lea Melandri esplora la violenza reale e simbolica annidata all'interno delle relazioni più intime come la sessualità e la maternità. È su quel corpo con cui è stato tutt'uno, e con cui torna a fondersi nell'amplesso, che l'uomo si accanisce. Ma questa fuga estrema dal femminile che si perpetua, atavica, in ogni mano maschile levata sulle donne, conosce un'ultima contorsione, su cui Melandri invita a riflettere: l'attuale spazio pubblico femminilizzato sembrerebbe stemperare la guerra tra i sessi, mentre è soltanto una nuova forma di dominio, a conferma ancora una volta dell'asservimento che ha ridotto le donne a vita biologica, virtù domestiche, prestazioni ancillari.

Tutti pazzi per il gender
0 0
Livres modernes

Lalli, Chiara

Tutti pazzi per il gender : orgoglio e pregiudizio di genere / Chiara Lalli

Roma : Fandango, copyr. 2016

Documenti ; 63

Résumé: Al grido "Difendiamo i nostri figli!", un esercito di uomini e donne spaventati e agguerriti si erge a difesa della nostra presunta natura minacciata da un mostro dalle mille facce e dai mille nomi. È l'Ideologia del Gender. La Società Italiana delle Storiche aveva già risposto un anno fa alle farneticazioni e all'uso sconsiderato della categoria "gender" definendola non una teoria (tantomeno un'ideologia) "quanto piuttosto uno strumento concettuale per poter pensare e analizzare le realtà storico-sociali delle relazioni tra i sessi in tutta la loro complessità e articolazione: senza comportare una determinata definizione della differenza tra i sessi, la categoria consente di capire come non ci sia stato e non ci sia un solo modo di essere uomini o donne, ma una molteplicità di identità e di esperienze, varie nello spazio e nel tempo." Nonostante ciò, gli allarmi e le paure infondate non sono diminuiti, anzi. Chiara Lalli ripercorre a ritroso la via del "gender" per andare a recuperare le origini di una tale confusione di termini, concetti e intenzioni fino ad arrivare allo scontro sulla maternità surrogata diventata, suo malgrado, terreno di battaglia "gender". Una confusione per niente neutrale e che mira al controllo della morale, del comportamento, della sessualità, dell'educazione e dei corpi non conformi.

La donna non esiste
0 0
Livres modernes

Vassallo, Nicla

La donna non esiste : e l'uomo? : sesso, genere e identità / Nicla Vassallo ; contributi di Ulrich Pfeffer... [et al.]

Torino : Codice, copyr. 2017

Résumé: Negli ultimi anni il dibattito sul rapporto tra sesso, identità e genere si è intensificato. In pochi però se ne interessano, e molti purtroppo parlano a sproposito. I contributi raccolti in questo volume gettano su questi temi uno sguardo innovativo, multidisciplinare e spesso ribelle. Gli stereotipi oggi dominanti (e limitanti) di sesso e gender vengono superati, per concedere a ogni essere umano la propria individualità. Inoltre vengono affrontate alcune questioni cruciali. Quanti sono i sessi? come si pone la biologia di fronte alla classificazione della appartenenza al sessi e alla multidimensionalità dell'identità di genere? Come la bioetica ripensa l"'umano" dopo il superamento del binarismo sessuale? Le nostre città marginalizzano gli individui la cui vita sociale e privata non può essere ingabbiata in spazi specializzati? Che tipo di medicina è la medicina di genere? In quali modi il neurosessismo continua a manifestarsi nel rapporto comunicativo tra scienza e società civile?

Dall'homo sapiens all'homo stronzus
0 0
Livres modernes

Colombi, Maurizio

Dall'homo sapiens all'homo stronzus : la legge di Caveman / Maurizio Colombi

Milano : A. Mondadori, 2011

Biblioteca umoristica Mondadori

Résumé: "Perché così tante donne fingono l'orgasmo? Perché altrettanti uomini fingono i preliminari." "Una donna vuole sempre avere l'ultima parola in ogni discussione. Qualsiasi cosa un uomo dica dopo è l'inizio di una nuova discussione." Caveman è l'one man show più longevo di Broadway. Dopo 702 repliche in due anni l'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani gli ha addirittura intitolato la 43esima strada. Tradotto in 15 diverse lingue, visto da 8.000.000 di spettatori e rappresentato contemporaneamente in 30 Paesi, questo monologo comico sulle differenze fra i sessi è a tutti gli effetti un incredibile fenomeno di costume. E anche l'accoglienza del pubblico italiano non è stata da meno. Dopo due anni di programmazione è diventato appuntamento fisso, quasi quotidiano, al teatro Derby di Milano (un vero culto in città grazie all'ottimo passaparola), e sta conquistando anche i palcoscenici meno underground. Questo libro, che prende spunto dal testo dello spettacolo, elabora le sue teorie più originali, esalta le sue battute più folgoranti, ha tutte le carte per diventare un nuovo classico dell'antropologia umoristica delle relazioni.

L'un est l'autre
0 0
Livres modernes

Badinter, Élisabeth

L'un est l'autre : des relations entre hommes et femmes / Elisabeth Badinter

Paris : Jacob, 1986

Il paradosso dei sessi
0 0
Livres modernes

Pinker, Susan

Il paradosso dei sessi : uomini, donne e il vero scarto fra i generi / Susan Pinker ; traduzione di Giuliana Lupi

Torino : Einaudi, copyr. 2009

Einaudi. Stile libero. Extra

Résumé: Se il successo nel lavoro rispecchiasse quello scolastico, le donne oggi governerebbero il mondo. Perché spesso avviene il contrario? In questo volume Susan Pinker risponde ribaltando alcune delle nostre più ferme convinzioni, in particolare che donne e uomini siano equivalenti dal punto di vista biologico e che abbiano gli stessi obiettivi di vita. Che cosa vogliono le donne e perché lo vogliono? Che senso ha imporre alle donne un modello lavorativo maschile? Perché la parità non c'è ancora? Per Susan Pinker all'origine della differenza c'è uno scarto biologico che favorisce inclinazioni e atteggiamenti distinti. Soltanto accettando questa divergenza fondamentale si potrà realizzare un'organizzazione del lavoro in cui le diverse attitudini siano rispettate e valorizzate. Un saggio controverso che mira a gettare nuova luce sulle differenze tra uomo e donna, e offre spunti inediti per riaprire il dibattito.

La paura degli uomini
0 0
Livres modernes

Paolozzi, Letizia - Leiss, Alberto

La paura degli uomini : maschi e femmine nella crisi della politica / Letizia Paolozzi, Alberto Leiss

Milano : Il saggiatore, copyr. 2009

Pamphlet

Résumé: La paura degli uomini o quella che i maschi incutono quando si abbandonano alla violenza in guerra, per strada o tra le pareti domestiche. Ma è anche, forse soprattutto, la paura che provano gli uomini stessi di fronte all'evidente crisi di autorità che stanno vivendo. Politica e democrazia non sono mai state così deboli, le istituzioni economiche e finanziarie hanno perso credibilità con il crac dei mutui e delle banche. Tutti mondi ad assoluta predominanza maschile che ora sembrano sgretolarsi. La questione oggi, dunque, è quella maschile, anche se non è affatto scontato che i protagonisti lo riconoscano... E le donne? Si dividono tra quante incassano la vittoria e si preparano a ricoprire ruoli di prestigio e quante guardano oltre. Perché, come dicono gli autori, il femminismo non si è mai prefisso di far ottenere un posto di potere a una donna. Il femminismo desidera altro.

Più conosco gli uomini, più amo il mio gatto
0 0
Livres modernes

Hay, Daisy

Più conosco gli uomini, più amo il mio gatto / Daisy Hay ; illustrazioni di Alex Hallatt

Milano : POP, 2008

Humour ; 2

Résumé: I gatti sono migliori degli uomini: è un dato di fatto. Quand'è stata l'ultima volta che hai detto al tuo gatto di non metterti in imbarazzo in pubblico? E sarebbe mai capace un gatto di farti sentire in colpa perché hai finito un'intera vaschetta di gelato? Chi riempi di gioia quando torni a casa dallo shopping carica di sacchetti di plastica? Ma certo, il tuo gatto! Un uomo o un gatto? La scelta, cara, è solo tua.

Fausse route
0 0
Livres modernes

Badinter, Élisabeth

Fausse route / Élisabeth Badinter

Paris : Jacob, 2005

Le livre de poche ; 30304

Résumé: Un pas en avant, deux pas en arrière. Constat peu glorieux ? Fausse route d’Élisabeth Badinter dresse un état des lieux des luttes féministes. Rappelant que la différence des sexes est un fait qui ne doit pas prédestiner aux rôles et aux fonctions, Élisabeth Badinter pointe, dénonce parfois, les contradictions d’un féminisme "obsédé par la problématique identitaire". Et l’auteur de poser la question : quels sont les réels progrès réalisés depuis quinze ans ? À étudier de près les phénomènes sociaux et comportementaux durant les deux dernières décennies, aussi bien dans le monde oriental que dans le monde occidental, on prend conscience de la pérennité d’une guerre des sexes, doublée d’une renaissance des stéréotypes sexuels. Au-delà de ce constat, Élisabeth Badinter décrypte la tendance insidieuse d’un nouveau féminisme qui a retrouvé les accents moralisateurs du judéo-christianisme, voire la naissance d’une "bien-pensance féminine" ou – pire – une dérive d’un féminisme guerrier. Qu’on ne se trompe pas : la guerre des sexes a toujours lieu. Élisabeth Badinter rappelle que "l’indifférenciation des sexes n’est pas celle des identités. C’est au contraire la condition de leur multiplicité et de notre liberté". --

Genere, sesso, cultura
0 0
Livres modernes

Busoni, Mila

Genere, sesso, cultura : uno sguardo antropologico / Mila Busoni

Roma : Carocci, 2000

Università ; 169. Antropologia

Résumé: Questo libro si propone innanzitutto di attirare l'attenzione sulla sorprendente molteplicità di modi con i quali società diverse, in momenti determinati della loro storia, hanno pensato, rappresentato, operato una distinzione di caratteristiche psico-attitudinali, politiche e sociali tra esseri umani, per la quale alcuni sono riconosciuti come donne, altri come uomini. Questioni come quella del sesso, che sembrano possedere una salda connotazione biologica, naturale e metastorica, non si sottraggono a un orizzonte fatto di pratiche e manipolazioni sociali. Con il ricorso a casi etnografici vengono così indagate le relazioni dialettiche fra genere e sesso: ai Kanaki della Nuova Caledonia ai Vezo del Madagascar.

Questioni di genere
0 0
Livres modernes

Connell, Raewyn

Questioni di genere / Raewyn Connell

2. ed.

Bologna : Il mulino, 2011

Itinerari. Sociologia

Résumé: Come si sviluppano la femminilità e la maschilità? Come si definiscono i confini tra maschile e femminile? Quali sono e come funzionano i modelli di genere nella società contemporanea? Le identità di genere sono stabili? Come cambiano i ruoli di genere nell'era della globalizzazione? Sgomberato il campo dai molti pregiudizi, miti, silenzi, nonché dalle falsità vere e proprie che infestano questo terreno, il volume offre un'informazione accurata e una riflessione aperta sulle tematiche della sessualità e del genere, in particolare là dove intersecano problemi di identità, pari opportunità, giustizia sociale.

Superman è arabo
0 0
Livres modernes

Haddad, Joumana

Superman è arabo : su Dio, il matrimonio, il machismo e altre invenzioni disastrose / Joumana Haddad ; traduzione di Denise Silvestri

Milano : A. Mondadori, 2013

Piccola biblioteca Oscar ; 718

Résumé: Il mondo, e soprattutto le donne che lo abitano, non ha bisogno di uomini d'acciaio. Ha bisogno di uomini veri. Non di Superman, ma di Clark Kent: timido, onesto, dolce, capace di riconoscere le proprie debolezze. Invece il modello che va per la maggiore è quello del macho indistruttibile, stile "lascia-fare-a-me-che-ri-solvo-io-la-situazione". E se questo è vero in Occidente, tanto più è valido per il mondo arabo: anzi, come si è accorta Joumana Haddad, Superman è arabo. Sostiene di salvare il mondo, ma in realtà è il mondo che deve essere salvato da lui. Che fare, allora? Joumana usa l'unico superpotere di cui dispone, il più efficace di tutti: le parole. E in questo libro, spietato e pungente come sempre, va al cuore della questione demolendo, con i suoi versi, le sue invettive e le sue narrazioni, i molti miti del supereroismo in salsa macha che avvelena le relazioni tra i sessi e la vita delle donne non solo nell'universo arabo: dal senso del peccato alla battaglia tra i sessi, dal matrimonio all'imperativo dell'eterna giovinezza.

Corpo, genere e società
0 0
Livres modernes

Ghigi, Rossella - Sassatelli, Roberta

Corpo, genere e società / Rossella Ghigi, Roberta Sassatelli

Bologna : Il mulino, copyr. 2018

Universale paperbacks Il mulino ; 733

Résumé: Qualcosa che non scegliamo e che ci precede, questo è il nostro corpo. Però lo guardiamo attraverso le lenti della nostra cultura, ne disponiamo secondo le movenze che abbiamo assorbito nella quotidianità e lo viviamo attraverso codici emotivi che abbiamo appreso già dall'infanzia. Non solo: a seconda del genere al quale apparteniamo, mostriamo le emozioni in modo distinto, assumiamo differenti controlli corporei, ci cuciamo addosso ruoli diversi. Il corpo è immerso in una sofisticata costruzione sociale, modellato attivamente dalle nostre scelte di ogni giorno e plasmato dalle istituzioni con le loro richieste, implicite o imperative.

Pink is the new black
0 0
Livres modernes

Abbatecola, Emanuela - Stagi, Luisa

Pink is the new black : stereotipi di genere nella scuola dell'infanzia / Emanuela Abbatecola, Luisa Stagi

Torino : Rosenberg & Sellier, 2017

Questioni di genere

Résumé: Pinkizzazione è la recente tendenza a colorare di rosa tutto ciò che appartiene al territorio femminile: rosa i vestiti e i giocattoli delle bambine, rosa gli oggetti e gli accessori delle donne; ma rosa è anche il colore scelto dalle donne in marcia nello sciopero globale dell'8 marzo 2017. Quando e perché è divenuto così di moda? La divisione dei colori - rosa per le femmine e blu per i maschi - è uno dei tanti dispositivi per il mantenimento dell'ordine di genere, un ordine rigorosamente binario che non prevede sconfinamenti e che ingabbia non solo il femminile, ma anche, o forse soprattutto, il maschile. Attraverso una ricerca sugli stereotipi di genere nelle scuole di infanzia genovesi, si è provato a rispondere a queste e altre domande, entrando nelle scuole, parlando con le insegnanti, facendo osservazione nelle classi e provando a catturare il punto di vista creativo di bambine e bambini.

Papà, mamma e gender
0 0
Livres modernes

Marzano, Michela

Papà, mamma e gender / Michela Marzano

Novara : UTET, 2015

Résumé: Le discriminazioni e la violenza contro le donne e le persone omosessuali e transessuali sono oggi, almeno a parole, unanimemente condannati in Italia. Una frattura profonda divide invece il Paese quando si discute dei mezzi per combattere questi mali. Al centro del durissimo dibattito c'è la cosiddetta "teoria del gender". Da un lato, i sostenitori sentono tutta l'ingiustizia di una società in cui una persona può ancora essere considerata inferiore a causa del proprio diverso orientamento sessuale, del proprio sesso, della propria identità di genere. Dall'altro, gli oppositori vedono nella teoria una pericolosa deriva morale, il tentativo di scardinare i valori fondamentali del vivere umano. È una questione sulla quale esiste, come diceva il cardinale Martini, un "conflitto di interpretazioni" perché ha a che fare con "le caverne oscure, i labirinti impenetrabili" che ci sono dentro ognuno di noi. Sulla questione, Michela Marzano spiega al lettore la genesi e le implicazioni dell'idea di gender e, senza mai rinnegare le sue radici cattoliche, decostruisce le letture che ne danno oggi molte associazioni religiose. Soprattutto non esita mai a mettersi in gioco direttamente, raccontando se stessa e identificandosi nell'esperienza di chi ha vissuto da vittima innocente il dramma dell'esclusione.

Donne e uomini
0 0
Livres modernes

Rumiati, Raffaella

Donne e uomini / Raffaella Rumiati

Bologna : Il mulino, copyr. 2010

Farsi un'idea ; 181

Résumé: Fin da piccoli femmine e maschi preferiscono giocattoli e giochi diversi. Crescendo queste differenze tra i sessi si riflettono sulle scelte scolastiche o lavorative. Ma siamo davvero così diversi? E se lo siamo, perché? E la natura o la cultura a determinare queste differenze? Il processo di differenziazione sessuale, che trasforma l'embrione in femmina o maschio, inizia grazie a fattori innati ma è portato a termine dagli ormoni. Non si hanno le idee altrettanto chiare sulle cause che determinano altre differenze, come quelle cognitive, ma le ricerche più recenti mostrano che si sono ridotte notevolmente negli ultimi decenni, soprattutto nei paesi con una maggiore equità tra i sessi. Allora, non solo natura?

Le identità di genere
0 0
Livres modernes

Ruspini, Elisabetta

Le identità di genere / Elisabetta Ruspini

Roma : Carocci, [201-?]

Bussole

Résumé: Genere, generi. Diventare donne e uomini. Cosa si intende con genere? Quale relazione esiste tra sesso e genere? Le differenze tra mascolinità e femminilità sono naturali, universali e immodificabili oppure si tratta di una costruzione sociale? Questo libro risponde a tali domande prendendo in esame una importante dimensione della socializzazione: la trasformazione del corredo biologico femminile e maschile in donne e uomini capaci di rispondere ai modelli di comportamento socialmente attesi. Il testo si sofferma anche nel trattare alcuni fenomeni di disuguaglianze legate all'appartenenza di genere.

Questione di genere
0 0
Livres modernes

Butler, Judith

Questione di genere : il femminismo e la sovversione dell'identità / Judith Butler ; traduzione di Sergia Adamo

4. ed.

Bari : Laterza, 2019

Biblioteca universale Laterza ; 670

Résumé: Il libro che ha segnato un punto di svolta del femminismo internazionale e che è divenuto un classico del pensiero di genere. Judith Butler argomenta perché il corpo sessuato non è un dato biologico ma una costruzione culturale.

Differenze e disuguaglianze di genere
0 0
Livres modernes

Sartori, Francesca

Differenze e disuguaglianze di genere / Francesca Sartori

Bologna : Il mulino, copyr. 2009

Itinerari. Sociologia

Résumé: Durante il processo di socializzazione, gli individui acquisiscono modi di sentire, di interagire e di comunicare, regole di comportamento e ruoli che interpretano, dal punto di vista sociale e culturale, l'appartenenza sessuale. Il genere rappresenta dunque la costruzione sociale del sesso biologico. Se da un lato esso consente agli individui di riconoscersi, dall'altro li condiziona e li limita, creando molteplici disuguaglianze, generalmente a svantaggio delle donne. Il volume presenta un quadro articolato e aggiornato di quest'area di studi e delle problematiche che la caratterizzano. Accanto alla prospettiva teorica e concettuale, sono forniti elementi di documentazione e dati statistici, a livello sia nazionale sia europeo, rispetto agli ambiti sociali più rilevanti.

La pazzia delle folle
0 0
Livres modernes

Murray, Douglas

La pazzia delle folle : gender, razza e identità / Douglas Murray ; traduzione dall'inglese di Filippo Verzotto

Vicenza : Neri Pozza, copyr. 2020

I colibrì

Résumé: Questo libro muove da una constatazione oggettiva, da uno stato delle cose che balza davanti agli occhi di tutti ogni giorno: la pazzia delle folle. Non è un fenomeno riscontrabile soltanto on line, dove i cosiddetti hater abbondano, ma anche nella vita quotidiana in cui la gente si comporta in maniera sempre più irrazionale. Murray, tuttavia, non si limita semplicemente a descrivere il fenomeno, ne mostra le cause. Viviamo in un'epoca definita post-moderna, un termine ambiguo che indica però un dato di fatto: la fine delle grandi narrazioni, delle fedi religiose e politiche che hanno alimentato i secoli passati, e la conseguente negazione di ogni verità che non sia soltanto un'interpretazione. Si può vivere, però, senza un criterio che orienti le nostre scelte? Senza nessun racconto che offra un perché alla vita? Poiché la natura aborre il vuoto, nella nostra epoca post-moderna si è fatta strada, secondo Murray, una nuova metafisica, una nuova religione: la «politica identitaria». Una politica che «atomizza a la società in diversi gruppi d'interesse in base al sesso (o genere), alla razza, alle preferenze sessuali e così via». E che invita costantemente a cercare «dentro noi stessi e negli altri tutte le istanze di identità e vulnerabilità» capaci di rivendicare un valore aggiunto, una superiorità morale che deve essere riconosciuta come un diritto indiscusso. Questa religione "identitaria" non può, per Murray, che generare follia. Quella follia che spinge, ad esempio, a dichiarare che vi è «un'accresciuta conoscenza morale» derivante dal fatto di essere neri o donne o gay. O che, sempre sulla base di una supposta istanza di identità, concepisce l'idea di «dare farmaci ai bambini per impedire loro di entrare nella pubertà». Come tutte le fedi prive di senno, questo credo è tutt'altro che privo di pericoli, poiché non soltanto capovolge nel suo opposto,in nuovi totalitarismi, le conquiste liberali dei diritti civili, in primo luogo quelli dei gay, ma può approntare un futuro di atomizzazione, rabbia e violenza sempre maggiori in cui «al razzismo si risponderà con il razzismo, alla denigrazione basata sul genere si risponderà con la denigrazione basata sul genere». Nominato da Times e Sunday Times libro dell'anno, "La pazzia delle folle" ha generato un acceso dibattito sui media.