831.9 [14]

(Classe)

 

Trouvés 26 documents.

Elegie duinesi
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Elegie duinesi / Rainer Maria Rilke ; traduzione di Michele Ranchetti e Jutta Leskien ; cura di Michele Ranchetti

3. ed.

Milano : Feltrinelli, 2011

I classici Universale economica Feltrinelli ; 2188

Résumé: Le Elegie duinesi sono l'ultima e somma opera poetica di Rainer Maria Rilke, che è considerato uno dei massimi lirici tedeschi moderni, ammirato tra gli altri da filosofi come Wittgenstein e da scrittori come Pasternak. Rilke iniziò a scrivere le Elegie a Duino - da cui il nome - nel 1912: si tratta di dieci componimenti di ispirazione filosofica, che trattando di varie tematiche cercano di rispondere alle domande poste nelle precedenti opere rilkiane sull'insensatezza e incomprensibilità della vita, e sulla paura della morte. Le poesie ruotano attorno a temi quali l'identità di vita e morte in quanto momenti dello stesso processo del divenire in un'eterna metamorfosi; l'inesistenza di una distinzione tra al di qua e al di là, per la coesistenza di regni materiale e spirituale sotto l'egida degli Angeli, creature superiori all'uomo che si trova in una condizione mediana, superiore a sua volta all'ignara natura animale, ma comunque di spettatore della vita; la bellezza dell'essere che va sottratta alla consunzione del tempo tramite l'eternità dello spirito, la creatività dell'arte che getta un ponte tra i due regni; la fortuna di chi muore fanciullo, il destino delle donne abbandonate alla purezza del loro amore; la virile accettazione della vita e del dolore da parte dell'eroe; la celebrazione finale della morte.

Le rose
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Le rose / Rainer Maria Rilke ; con due scritti di Paul Valéry ; traduzione di Sabrina Mori Carmignani

Bagno a Ripoli : Passigli, copyr. 2010

Le occasioni

Résumé: «Uno stupire, un cedere, un essere travolti», così definiva Rilke la sua attrazione di scrittore per la lingua francese, il sentire estetico che in lui, poeta di lingua tedesca, ma anche fine traduttore di poesie francesi, non poteva non spingere verso la creazione personale. Del resto, la Francia lo aveva accolto a più riprese durante diversi periodi del suo girovagare europeo. E se la Russia per Rilke rappresenta T'altrove' cui deve «quello che sono divenuto», la Francia è la Parigi di Malte Laurids Brigge e di Rodin, la Provenza di Cézanne, la lingua di Louise Labe, di Mallarmé, di Verhaeren, di Valéry - tutti tradotti da Rilke -, e insieme la lingua del suo 'eremo' svizzero di Muzot e del sanatorio di Valmont, dove il 29 dicembre del 1926 si compirà il suo destino terreno. Non stupirà dunque che fra le ultime composizioni del grande poeta praghese compaiano ben tre cicli di poesie francesi, fra i quali Les Roses, composto di ventiquattro poesie tutte dedicate al tema della rosa, e scritto in un brevissimo arco di tempo, dal 7 al 16 dicembre 1924, con l'unica eccezione di due poesie aggiunte nello stesso anno della morte (la ventesima e la quattordicesima, scritte rispettivamente nel giugno e nell'agosto del 1926). La raccolta venne pubblicata pochi giorni dopo la scomparsa di Rilke, nel gennaio del 1927, dall'olandese Alexandre Alphonse Marius Stols al quale il poeta, in una lettera del 5 dicembre 1926, così aveva scritto: «Vorrei tanto (poiché è già molto poterLe esprimere i miei più umili desideri) che a questo ciclo di Rose, appena ritrovato tra le mie carte, Lei concedesse l'onore di figurare tra le Sue belle edizioni...». Il volume, in tiratura numerata, era corredato da un breve scritto di Paul Valéry, che riportiamo in questa nostra edizione, aggiungendo un ulteriore ricordo pubblicato dal poeta francese nel volume collettivo Rilke et la France nel 1943.

Ave Virgilio
0 0
Livres modernes

Bernhard, Thomas

Ave Virgilio : carme / Thomas Bernhard ; traduzione di Anna Maria Carpi

Milano : Guanda, 2017

Tascabili Guanda. Poesia

Résumé: "'Col tanfo di caseificio, col chiasso degli zoccoli io sono, ingiustificatamente, la polvere delle ossa dei miei indebitati vicini...' Composto verso il 1960, pubblicato nel 1981, e definito dallo stesso Thomas Bernhard come un testo di assoluta pregnanza all'interno della sua produzione narrativa, 'Ave Virgilio' rappresenta l'esito di due tendenze stilistiche apparentemente contraddittorie. Riflessione teorica e concrezione corporea, teologia negativa e ossessione materica, proiezione simbolica e décor regionalistico convergono nella stesura di un manufatto nero ed oracolare. Infatti, benché il libro rechi le tracce di due soggiorni all'estero (Gran Bretagna e Italia), il suo vero cuore sta nel lacerante sentimento di attrazione e odio che l'autore nutre verso la propria terra: 'Il mio sapere ce l'ho dai solchi nei campi di patate, dall'oscurità del porcile ho appreso cielo e terra, nel rotolio dei mucchi di mele ottobrine ho il mio salmo incessante...' Osti, parroci, sindaci, mastri birrai, arcivescovi, scrivani comunali, contadini e sposi, figure dell'autorità o del martirio (il Padre contro il Figlio) insieme a baluginanti santi intercessori quali Catullo, Dante, Pascal, o Virgilio, compongono il quadro di un inferno bucolico fatto di sangue, cunei nella carne, mattatoi. Lo si vede ad esempio nell'allucinato 'Canto del figlio del macellaio'." (Valerio Magrelli)

Briefe an eine junge Frau
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Briefe an eine junge Frau / Rainer Maria Rilke

Leipzig : Im Insel, copyr. 1949

Gesammelte Werke in einem Band
0 0
Livres modernes

Morgenstern, Christian

Gesammelte Werke in einem Band / Christian Morgenstern ; [herausgegeben von Margareta Morgenstern]

Stuttgart : Deutscher Bücherbund, copyr. 1965

La partenza
0 0
Livres modernes

Stadler, Ernst Maria Richard

La partenza / Ernst Stadler ; a cura di Maurizio Pirro

Palermo : Duepunti, copyr. 2010

Ex libris ; 2

Résumé: Nei primi giorni del settembre 1914 Ernst Stadler sarebbe dovuto salire sul piroscafo che doveva condurlo in Canada. Invece in quelle stesse ore, Stadler percorreva insieme al suo battaglione il fronte alsaziano, coinvolto nella carneficina della guerra appena scoppiata. Nelle brevi pause tra le marce forzate, gli scontri con l'artiglieria francese e la ricerca di ricoveri di fortuna, il poeta raccoglie giorno per giorno impressioni e giudizi su un quadernetto. Nella sua poesia si compie il superamento della distinzione tra arte e vita che tormentò costantemente tutto l'espressionismo tedesco, determinando, con il prevalere della seconda, la fine del decadentismo. Giovane innovatore dalla grande maturità critica, Stadler fu animato da una persistente tensione al rinnovamento della letteratura e del linguaggio, tanto da ricavarsi un posto fondamentale nel Pantheon della letteratura germanica. (dalla postfazione di Maurizio Pirro)

Secondo natura
0 0
Livres modernes

Sebald, Winfried Georg

Secondo natura : un poema degli elementi / W.G. Sebald ; traduzione di Ada Vigliani

Milano : Adelphi, copyr. 2009

Biblioteca Adelphi ; 545

Résumé: Piogge di fuoco divorante, mari tempestosi, ghiacci e rocce di un mondo vuoto di uomini, luci radianti, deserti combusti: con somma potenza di immagini, con il ritmo che il verso libero imprime a un linguaggio avvolgente, e in un costante intreccio di saperi (arte, scienze naturali, letteratura), Sebald ci offre nel poemetto Secondo natura - opera prima - un trittico che già contiene in nuce i caratteri della sua futura narrativa. I passeggiatori e gli emigrati dei romanzi e dei racconti sono già tutti qui prefigurati: la tragica vita del pittore Grünewald e di un suo misterioso doppio nella terrificante descrizione di opere come la pala d'altare di Isenheim; il viaggio dell'esploratore e medico settecentesco G. W. Steller alla scoperta, con Vitus Bering, dello stretto marino fra i ghiacci della Siberia e dell'Alaska; un'autobiografia, dalla nascita sotto le bombe, in un mattino di primavera, alle peripezie della famiglia e ai vagabondaggi europei, così simili a quelli di Jacques Austerlitz. Secondo natura è il primo dei tanti viaggi che Sebald ha intrapreso nei territori di una natura colta con sguardo snebbiato, nelle sue incessanti metamorfosi.

Marina Cvetaeva, Rainer Maria Rilke
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria - Cvetaeva, Marina Ivanovna

Marina Cvetaeva, Rainer Maria Rilke : lettere / a cura di Pina De Luca e Amelia Voltolina ; traduzione di Ugo Persi

Milano : SE, copyr. 2010

Piccola enciclopedia ; 211

Résumé: Nel 1926, ancora ignaro della morte incombente, Rainer Maria Rilke indirizza, su invito di Boris Pasternak, una lettera a Marina Cvetaeva che accompagna i suoi ultimi due volumi di poesie. Della poetessa esule Rilke non conosce nulla; sa soltanto, attraverso Pasternak, che legge con grande ammirazione i suoi versi. La risposta non si fa attendere. Dall'esilio francese Cvetaeva risponde subito; e in tedesco, la lingua appresa dalla madre nella sua infanzia. E con una lettera d'amore. Alla quale Rilke, a sua volta, risponde con slancio. Senza mai incontrarsi, i due poeti vivono, da una lettera all'altra, la storia di un vero amor di lontano, come quello cantato dai trovatori. Un'arcana frenesia sommuove le singole lettere, come se entrambi inconsapevolmente sapessero che il tempo del loro dialogo è fatalmente contato, prossimo a scadere.

Requiem
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Requiem / Rainer Maria Rilke ; a cura e traduzione di Elisabetta Terigi

Firenze : Barbès, copyr. 2010

Résumé: Alcune delle poesie meno conosciute di Rainer Maria Rilke, che girano tutte intorno al tema della morte. Liriche di un Rilke giovane, tratte dalla sua prima raccolta Larenopfer, del 1895, ancora leggere, e ancora da Neue Gedichte e Neue Gedichte anderer Teil, dove il tono è già diverso, più celebrativo e solenne. Una poesia sofferta che sgorga vitale da profonde crisi che lo avevano quasi fatto piombare nel baratro. E infine la riscoperta di quattro Requiem, scritti sraordinari, tra prosa e poesia, quasi mai presenti nelle antologie rilkiane, quattro lunghi testi scritti in versi in onore della morte di una persona cara al poeta che ci consentono di capire non solo quale fosse il legame del poeta con la persona defunta, ma soprattutto quale idea avesse Rilke riguardo alla morte.

Wir stürzen ins Aufflammende nieder
0 0
Livres modernes

Gisi, Paul - Bregy, Edelbert

Wir stürzen ins Aufflammende nieder / Gedichte: Paul Gisi ; Zeichnungen: Edelbert Bregy

Brig : Rotten-Verlag, copyr. 1991

Christian Morgenstern
0 0
Livres modernes

Morgenstern, Christian

Christian Morgenstern : aforismi e liriche nel segno dell'antroposofia di Rudolf Steiner / a cura di Luca Renzi ; in collaborazione con Emanuela Ferragamo ; postfazione di David Marc Hoffmann ; con un saggio su Rudolf Steiner di Luca Cesari

Pasian di Prato : Campanotto, copyr. 2017

Cultura e arte del mondo di lingua tedesca ; 1

Résumé: Il progetto di analisi critica e traduzione italiana di parte dell'opera di Christian Morgenstern (1871-1914) ha preferito concentrarsi sul linguaggio a tratti didattico ed edificante e sul tono raccolto e riflessivo che caratterizza gli aforismi dei Diari di un mistico e dei tre cicli lirici tardi (finora inediti in italiano). Allo scopo di promuovere anche al di là del pubblico specialistico una produzione ingiustamente considerata 'minore', si è posto l'accento sul rapporto tra immagine poetica e substrato teosofico e antroposofico del suo pensiero, influenzato in maniera decisiva dalla conoscenza nel 1909 di Rudolf Steiner. In tal modo questa edizione ci presenta l'altro volto del poeta dei Galgenlieder, l'altro Morgenstern. "Non intendo vedere l'uomo naufrago, ma egli dovrebbe essere consapevole che viaggia su un mare", recita un aforisma morgensterniano.

Poesie d'amore
0 0
Livres modernes

Hesse, Hermann

Poesie d'amore / Hermann Hesse ; a cura di Bruna Maria Dal Lago Veneri

Roma : Newton Compton, 2010

Grandi tascabili economici ; 23. Poesia

Résumé: Il volume raccoglie una scelta di versi ispirati all.amore composti in un arco di tempo che va dal 1895, quando Hesse aveva 18 anni, al 1920, quando lo scrittore era ormai una celebrità. Appare in queste poesie un eros di volta in volta pieno di audacia, slanci romantici, asserzioni naturalistiche e profondità mistiche. L'amore di Hermann Hesse poeta è un sentimento tutto teso tra il platonico e il sensuale, con un ritmo che va dall'innocenza primordiale a un'altra innocenza, conquistata attraverso la sofferenza, il dolore, la vita. Anche la più piccola opera d'arte, uno schizzo di sei tratti di matita o una strofetta di quattro versi, tenta sfacciata e cieca l'impossibile. Vuole chiudere il caos in un guscio d'uovo.

Mitsou, histoire d'un chat
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria - Balthus

Mitsou, histoire d'un chat / Rilke, Balthus ; préface de Marc de Launay

Paris : Rivages, 2001

Rivages poche. Petite bibliothèque ; 597

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0
Dalla misura delle stelle
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Dalla misura delle stelle / Rainer Maria Rilke ; traduzione e cura di Giusi Drago

Milano : Ponte alle Grazie, copyr. 2019

Poesia ; 3

Résumé: Un libro di piccolo formato con testo a fronte

Lettere a un giovane poeta
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Lettere a un giovane poeta ; Lettere a una giovane signora ; Su Dio / Rainer Maria Rilke ; traduzione di Leone Traverso

Milano : Adelphi, 1980

Piccola biblioteca Adelphi ; 110

Résumé: Le Lettere a un giovane poeta furono realmente indirizzate da Rilke al giovane scrittore Kappus fra il 1903 e il 1908. Pubblicate postume nel 1929, si diffusero in breve tempo nei paesi di lingua tedesca come una specie di breviario – non tanto d’arte quanto di vita. Oggi, nella generale riscoperta di Rilke, ormai sfrondato di quegli omaggi sensibilistici che per molti avevano a lungo impedito l’accesso alla sua grande poesia, queste pagine tornano a essere una guida preziosa. Fin dalle prime righe, esse ci danno l’accordo che poi sentiremo risuonare in ogni parola di Rilke: «La maggior parte degli avvenimenti sono indicibili, si compiono in uno spazio che mai parola ha varcato, e più indicibili di tutto sono le opere d’arte, misteriose esistenze, la cui vita, accanto alla nostra che svanisce, perdura». Scrivere, per Rilke, era al tempo stesso un atto che poneva esigenze assolute, mutando la vita intera, e un oscuro processo biologico, una fermentazione delicata dove alla coscienza spettava soprattutto di stare in ascolto, esercitando un’ardua «passività attiva». E proprio in queste lettere Rilke ha saputo illustrare la sua «via» alla letteratura con le parole più precise e più dense. Unite a due altri brevi testi di carattere affine (le Lettere a una giovane signora e Su Dio), le Lettere a un giovane poeta vengono qui proposte nella celebrata versione di Leone Traverso, che fu uno dei primi e più felici interpreti di Rilke in Italia.

Les élégies de Duino
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Les élégies de Duino ; Les Sonnets à Orphée / Rainer Maria Rilke ; traduit de l'allemand par Armel Guerne

[Paris] : Seuil, 1972

Points ; 54

Oscurato
0 0
Livres modernes

Celan, Paul

Oscurato / Paul Celan ; a cura di Dario Borso ; con un saggio di Giorgio Orelli

Torino : Einaudi, copyr. 2010

Collezione di poesia ; 387

Résumé: Undici poesie del ciclo frammentario Oscurato di Paul Celan, vennero pubblicate, nel 1968 da Suhrkamp, nell'antologia Da opere abbandonate (insieme a testi di Beckett, Koeppen, Sachs, Johnson, Hildesheimer...). Dovevano essere, come scrisse Siegfried Unseld nella prefazione, tutti testi abbandonati, dunque non proseguiti, non completati e non pubblicati. Nelle note al volume si diceva che le undici poesie di Celan nacquero nella primavera del 1966 (furono scritte mentre il poeta era internato in vari ospedali psichiatrici, dopo aver tentato di accoltellare la moglie che voleva separarsi da lui) e che la maggior parte delle poesie connesse furono distrutte dall'autore stesso. In realtà, dopo la morte del poeta, è stato trovato nel suo lascito un fascicolo con dentro un quaderno scolastico e alcuni fogli sparsi: una raccolta omogenea compilata dallo stesso Celan, con le undici poesie pubblicate nel 1968 e altre 24 ordinate in modo cronologico. Sono poesie molto belle, più immediate e comprensibili rispetto alle precedenti: ombreggio apposta qualche contorno, per rispetto alla verità della nuance, fedele al mio realismo psichico. Con un saggio di Giorgio Orelli.

Poesie statiche
0 0
Livres modernes

Benn, Gottfried

Poesie statiche / Gottfried Benn ; introduzione e traduzione di Giuliano Baioni

Torino : Einaudi, 1981

Collezione di poesia ; 171

Requiem
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Requiem / Rainer Maria Rilke ; a cura di Sabrina Mori Carmignani

Bagno a Ripoli : Passigli, copyr. 2019

Passigli poesia

Résumé: Nel 1909 Rilke pubblica in unico breve volume con il titolo "Requiem" due lunghe poesie dedicate, rispettivamente, all'amica pittrice Paula Modersohn-Becker e al giovane poeta Wolf von Kalckreuth. La prima, grande amica di Rilke dei tempi del circolo di Worpswede, è scomparsa l'anno precedente, in seguito ai postumi travagliati di un parto; mentre il secondo, morto suicida a soli diciannove anni, Rilke non lo aveva mai conosciuto di persona, gliene aveva parlato il suo editore Kippenberg. Questi due requiem avevano avuto un precedente, una poesia dedicata a una cara amica della moglie Clara, Gretel Kottmeyer, anch'essa scomparsa ancor giovane, pubblicata a chiusura del Libro delle immagini del 1902. Infine, nel 1915 Rilke scrisse l'ultimo suo requiem, "Per la morte di un bambino", del quale a lungo non si conobbe l'identità, ma che era il figlio di un professore d'economia all'università di Monaco, morto a soli otto anni. I quattro requiem si trovano riuniti in questo volume, che offre dunque uno spaccato completo su un tema fondamentale dell'opera del grande poeta praghese, sulla strada che lo porterà agli esiti estremi della sua poesia, con le Elegie duinesi e i Sonetti a Orfeo; perché la morte, come scrisse lo stesso Rilke in una delle sue lettere da Muzot, «è solo un mezzo implacabile per farci conoscere, e renderci familiare, anche il lato dell'esistenza che da noi si distoglie».

Sonetti e poesie sparse
0 0
Livres modernes

Benjamin, Walter

Sonetti e poesie sparse / Walter Benjamin ; a cura di Rolf Tiedmann

Torino : Einaudi, copyr. 2010

Collezione di poesia ; 390

Résumé: Benjamin ha scritto poesie soprattutto in due fasi della sua vita. Negli anni giovanili fu influenzato dalla figura di Christoph Heinle, un compagno di università morto suicida alla vigilia della prima guerra mondiale. La serie di sonetti che costituisce la parte preponderante di questo libro fu scritta proprio per emulare e onorare il giovane poeta amico. La seconda fase importante della sua attività poetica riguarda i primi anni Trenta, quando Benjamin compose poesie su vari argomenti. Qui, dal punto di vista qualitativo, spiccano soprattutto le poesie d'amore per Jula Cohn. Questa raccolta completa mette in evidenza come per Benjamin la poesia fosse uno snodo molto importante, sul versante pratico della scrittura, del rapporto tra forma, concetti e immaginazione che sta alla base di molte sue riflessioni teoriche. E non è un caso che, come il suo Baudelaire, Benjamin adotti prevalentemente un metro chiuso, con rime regolari, dando vita a una dialettica tra uno schema fisso, una gabbia formale, e un contenuto poetico aperto, tendente al superamento di ogni limite e confine. Un Benjamin solo apparentemente inaspettato, ma in realtà coerente con i percorsi intellettuali e sentimentali di altri suoi libri più importanti.