371.33 [14]

(Classe)

 

Trouvés 22 documents.

Giocare tra gli alberi
0 0
Livres modernes

Schwarzer, Alexandra

Giocare tra gli alberi : attività nel bosco con le corde secondo la pedagogia della natura / Alexandra Schwarzer ; prefazione di Hans-Georg Renner

Torino : Il leone verde, copyr. 2013

Il bambino naturale ; 36

Résumé: I bambini hanno un gran bisogno di muoversi, meglio se in un ambiente ricco di stimoli e sfide. Il bosco ci mette a disposizione questa possibilità risvegliando tutti i sensi – soprattutto se ci portiamo qualche corda e sappiamo fare i nodi necessari. Il libro illustra passo per passo il materiale adatto e i nodi più importanti per poter realizzare con le corde oltre 30 giochi e attività originali, tutte sperimentate dall’autrice. A seconda del desiderio e dell’inclinazione, i bambini potranno arrampicarsi, sviluppare l’equilibrio o dondolarsi su amache o altalene.

Laboratorio attività non competitive
0 0
Livres modernes

Dynes, Robin

Laboratorio attività non competitive : cento proposte educative e terapeutiche / Robin Dynes

Gardolo : Erickson, copyr. 2002

Materiali per l'educazione

Résumé: Le attività non competitive in gruppo – dove non ci siano cioè né “vincitori” né “vinti” - favoriscono il rafforzamento di un'immagine positiva di sé, consentono alle persone di partecipare senza sentirsi minacciate dalla possibilità di un fallimento, facilitano il coinvolgimento perché non vi è rischio di rifiuto e producono un generale senso di benessere e accettazione. Questo manuale, di facile e rapida consultazione, si propone come ottima guida per organizzare e gestire attività non competitive da effettuare in gruppi di ogni età e condizione. Le cento attività del testo sono indicate in particolare per le persone che presentano difficoltà di apprendimento, disabilità fisiche e mentali, pazienti psichiatrici, anziani e pazienti geriatrici. Si tratta quindi di un libro prezioso per chiunque operi nel settore educativo-terapeutico, perché fornisce una traccia metodologica e spunti molto interessanti.

Mai più dietro la lavagna? A scuola con il tablet
0 0
Livres modernes

Mai più dietro la lavagna? A scuola con il tablet : una scelta consapevole / a cura di Villani Daniela e Carissoli Claudia

Milano : Unicopli, 2018

Psicologia dello sviluppo sociale e clinico. Sezione saggi

Sporchiamoci le mani
0 0
Livres modernes

Robertson, Juliet

Sporchiamoci le mani : attività di didattica all'aperto per la scuola primaria / Juliet Robertson ; traduzione di Denise Misseri

Ed. italiana e adattamento / a cura di Michela Schenetti

Trento : Erickson, 2018

Résumé: Da tempo affermata in Germania e nei Paesi nordeuropei, la didattica all’aperto, o outdoor learning, è un approccio pedagogico sempre più diffuso anche nelle scuole italiane. L’educazione attiva all’aria aperta, in particolar modo nell’infanzia, ha infatti già ampiamente dimostrato i suoi effetti positivi sull’apprendimento, il benessere psicofisico e lo sviluppo delle abilità sociali e cooperative. Sporchiamoci le mani nasce con l’obiettivo di suggerire a insegnanti di scuola primaria percorsi di didattica all’aperto semplici da realizzare, che non richiedono pianificazioni complicate e possono essere facilmente proposti nelle uscite didattiche, nel giardino della scuola o in qualsiasi area verde. Le attività, pensate per alunni di età compresa tra i 6 e i 12 anni, sono organizzate in modo da consentire una consultazione puntuale grazie a un indice delle idee suddivise per argomenti e discipline (scienze, matematica, italiano, storia, geografia, arte, musica, educazione fisica e civica, ecc.), che aiuta a individuare immediatamente quelle più adatte alla propria classe. Grazie alle 250 proposte del volume, gli insegnanti raggiungeranno con i propri alunni obiettivi significativi e trasversali, come: • migliorare la salute e il benessere; • contribuire alla crescita di cittadini responsabili e rispettosi della natura; • potenziare le capacità sociali e comunicative; • insegnare il concetto di «sviluppo sostenibile».

I bambini incontrano il cinema
0 0
Livres modernes

Maci, Rosa

I bambini incontrano il cinema / Rosa Maci

Roma : Carocci Faber, 2004

Scuola facendo. Tascabili, Nuove tecnologie e media ; 4

Résumé: Da che cosa vengono colpiti i bambini in un film? Quali sono le immagini e i suoni che rielaborano? Quali processi di identificazione si attivano? Queste sono le problematiche che, attraverso il linguaggio, rivelano i nessi stabiliti tra la narrazione del film e l'interpretazione soggettiva dei bambini. I percorsi didattici contenuti nel libro descrivono una metodologia di insegnamento-apprendimento che permette di leggere "tra le righe" l'essere, l'agire, il sentire, il parlare, il guardare degli alunni attraverso una visione collettiva del film attenta alle richieste e alle emozioni dei piccoli spettatori.

Manuale di didattica blended
0 0
Livres modernes

Ligorio, Maria Beatrice - Sansone, Nadia

Manuale di didattica blended : il modello della "partecipazione collaborativa e costruttiva" / M. Beatrice Ligorio, Nadia Sansone

Milano : Franco Angeli, copyr. 2016

Conoscenza, formazione, tecnologie

Résumé: Pur assistendo a un uso sempre più pervasivo delle tecnologie, mancano ancora metodi capaci di sviluppare a pieno il loro potenziale nei contesti formativi. Questo testo presenta il modello denominato "Partecipazione Collaborativa e Costruttiva" (PCC), che mira proprio a rendere efficace l'uso delle tecnologie nella formazione e nella didattica di tipo blended. Si tratta di un modello elaborato grazie a una sperimentazione più che decennale, effettuata in diversi contesti didattici, formativi e professionali - scuole superiori di secondo grado, formazione universitaria, formazione specialistica, contesti informali - riportando sempre ottimi risultati. Il testo offre una descrizione sia delle basi teoriche su cui il modello PCC si fonda, sia delle varie attività di cui si compone, oltre ad alcuni strumenti preziosi per la messa in pratica, quali schede, template, questionari e protocolli. Infine, sono descritti cinque casi - diversi per contesto, tipologia di studenti, strumenti utilizzati e obiettivi formativi - in cui il modello è stato adottato con alcune varianti, rendendo così evidente la sua flessibilità e adattabilità. Obiettivo del testo è, quindi, illustrare in modo chiaro il modello, descrivendone i presupposti, il ventaglio di situazioni in cui è applicabile, le modalità di valorizzazione degli ambienti digitali e dell'integrazione tra attività online e offline.

A scuola con i re
0 0
Livres modernes

A scuola con i re : educare e rieducare attraverso il gioco degli scacchi / a cura di Giuseppe Sgrò

Roma : Alpes Italia, 2012

CambiaMenti. Essere e divenire in età evolutiva

Résumé: Quest'opera nasce dall'esigenza riscontrata in Italia in ambito educativo, rieducativo, preventivo, formativo, sportivo, nei contesti scolastici, aziendali, clinico-sanitari e carcerari, di avere uno strumento teorico-pratico ragionato, organico ed esaustivo per educare e rieducare con gli scacchi. L'obiettivo è cioè quello di permettere di ideare, strutturare, proporre e realizzare progetti psicoeducativi attraverso il gioco degli scacchi e il contesto scacchistico. Quindi questo non è un libro dedicato esclusivamente agli scacchisti, perché qui non ci interessa e non si punta all'insegnamento del gioco degli scacchi in sé, poiché di essi ci interessano non la didattica e la teoria scacchistica, ma gli aspetti metacognitivi, cognitivi, affettivi, relazionali e sociali, connessi con le situazioni di gioco, che possono essere promossi non solo giocando seduti al tavolino, ma anche con l'utilizzo della narrazione, della psicomotricità e della socializzazione agite in gruppo sulla scacchiera gigante da pavimento. Questo manuale vuole essere uno strumento di ricerca-azione per insegnanti, educatori, psicologi, pedagogisti, psicomotricisti, formatori e operatori della psicopedagogia.

Le briciole di Pollicino
0 0
Livres modernes

Nuti, Gianni

Le briciole di Pollicino : fotografia e didattica tra scuola ed extrascuola / Gianni Nuti

Milano : FrancoAngeli, copyr. 2012

Il mestiere della pedagogia ; 14

Résumé: Questo volume si rivolge a insegnanti, educatori e a semplici appassionati di arti visive offrendo un'indagine sulle radici storiche, sui significati della pratica fotografica, ma soprattutto sulle ragioni profonde che ispirano milioni di persone in tutto il mondo a seminare, lungo il proprio sentiero esistenziale, delle tracce iconiche del proprio passaggio, da rievocare, rivivere e rigenerare a ogni nuovo sguardo. Esso raccoglie inoltre i risultati di uno studio di caso svolto su un campione di bambini tra i 10 e gli 11 anni che hanno utilizzato l'apparecchio fotografico durante alcune esperienze scolastiche outdoor. L'analisi e la classificazione di alcune migliaia d'istantanee ha evidenziato precise linee evolutive seguite da ciascun soggetto nel circoscrivere dati immaginali, oggetti e composizioni, forme personali di sensibilità estetica di espressività compositiva e sostanziali differenze di weltanschauung tra allievi e insegnanti. I risultati confermano come il potere dell'immagine sia complementare a quello della parola e sia rafforzato da una società particolarmente orientata verso il culto della rappresentazione immaginifica e traslata della vita reale rispetto alla quale è indispensabile attrezzarsi precocemente con un adeguato bagaglio di conoscenze e un tempestivo affinamento di strumenti critici.

Giochi d'aula
0 0
Livres modernes

Luperini, Roberto

Giochi d'aula : giochi per cambiare la formazione e favorire il cambiamento / Roberto Luperini

6. ed.

Milano : Angeli, copyr. 2006

Metodi, strumenti e buone pratiche ; 25.2

Résumé: A formatori, facilitatori della creatività, insegnanti e animatori di eventi viene chiesto sempre più spesso di innovare i propri metodi per favorire il cambiamento nelle organizzazioni o per motivare le persone. Non si tratta più di inserire qualche gioco ed esercitazione all'interno di corsi tradizionali, ma di riuscire a offrire ai partecipanti, attraverso i giochi, i contenuti della formazione manageriale e comportamentale. In questo libro, dopo una riflessione sul rapporto tra giochi e apprendimento e un approfondimento su come vadano gestiti in aula, sono presentati oltre 90 giochi che permettono di gestire le diverse fasi di un'aula di formazione.

Nativi digitali
0 0
Livres modernes

Ferri, Paolo

Nativi digitali / Paolo Ferri

Milano : B. Mondadori, 2011

Saggi Bruno Mondadori

Résumé: Media digitali e comunicazione interattiva sono i fenomeni più eclatanti del mutamento sociale e dell'industria culturale all'inizio del nuovo millennio. Oggi gli iPad, gli eBook, così come gli smartphone, e i Tablet Pc, sempre connessi a Internet, assediano ogni giorno più da presso il regno della carta stampata gutenberghiana. Ma la nuova cultura digitale, cioè l'affermarsi di uno stile comunicativo orientato all'interazione, alla produzione di contenuti e alla condivisione, è stata accompagnata, durante gli ultimi ventanni, dall'affacciarsi sulla scena di una nuova forma evolutiva dell'Homo sapiens: il nativo digitale. Chi sono i nativi digitali? Come comunicano? Come si relazionano al sapere? Nati e cresciuti all'ombra degli schermi interattivi, i Nativi sono simbionti strutturali della tecnologia, e le protesi tecnologiche che utilizzano dall'infanzia sono parte integrante della loro identità individuale e sociale. Fin da piccoli videogiocano, hanno un blog, e comunicano sui social network come Facebook o My Space. E con questa specie in via di apparizione che dovremo confrontarci noi immigranti digitali. Non sono nuovi barbari... Sono i nostri figli e sono, semplicemente, diversi.

Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle Istituzioni scolastiche valdostane: competenze e uso tra gli insegnanti di ogni ordine e grado
0 0
Livres modernes

Anardi, Stefania

Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle Istituzioni scolastiche valdostane: competenze e uso tra gli insegnanti di ogni ordine e grado : tesi di laurea / candidata: Stefania Anardi ; relatore: Renato Grimaldi

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0
Blended learning
0 0
Livres modernes

Ligorio, Maria Beatrice - Cacciamani, Stefano

Blended learning : dalla scuola dell'obbligo alla formazione adulta / M. Beatrice Ligorio, Stefano Cacciamani, Donatella Cesareni

Roma : Carocci, 2006

Università ; 730. Scienze dell'educazione

Résumé: Il libro si rivolge in particolare a insegnanti, docenti e studenti che vogliano introdurre il blended nella loro pratica, pur non mancando di utilità per gli universitari dei corsi di laurea in cui si affrontano questioni relative alla didattica innovativa, alle tecnologie per l’insegnamento e all’e-learning. Le evoluzioni legate all’uso della telematica nei contesti formativi giungono infatti oggi a considerare vincenti i modelli blended. Ma cosa si intende esattamente con questo termine’ Il volume si propone di chiarire i vari significati che questa definizione può assumere e si pone come una guida teorico-pratica finalizzata all’introduzione del blended in diversi contesti educativi. Alcune schede corredano il testo allo scopo di descrivere software adatti all’attuazione di questo approccio e di specifiche esperienze di blended, in modo da facilitare la realizzazione di attività formative secondo questa prospettiva.

La sfida della comunicazione all'educazione
0 0
Livres modernes

La sfida della comunicazione all'educazione : prospettive di media education / a cura di Teresa Grange Sergi e Maria Giovanna Onorati

Milano : Angeli, copyr. 2006

Scienze della comunicazione

Résumé: Il volume propone una riflessione pluridisciplinare sulla Media Education quale risposta socio-pedagogica alla sfida che i media lanciano ai processi di ri/produzione culturale e in particolare all'educazione negli attuali scenari della complessità. Si tratta di una riflessione condotta da molteplici prospettive: quella pedagogica, quella sociologica e quella dei professionisti dei media, nella consapevolezza che, in una realtà sociale interamente attraversata dai flussi della comunicazione globale, un'adeguata formazione del cittadino non possa prescindere da un uso critico, attivo e consapevole dei media. Il volume mette in primo piano il fecondo incontro che la Media Education sancisce tra le scienze sociali, in particolare della comunicazione, e le scienze dell'educazione, presupposto, questo, indispensabile allo sviluppo di una cultura critica e di un sapere adeguato alle istanze proprie della società della conoscenza.

Didattica con il podcasting
0 0
Livres modernes

Pian, Alberto

Didattica con il podcasting / Alberto Pian

Roma : Laterza, 2009

Manuali Laterza ; 277

Résumé: Il podcasting è un sistema che consente di scaricare in modo automatico dalla rete contenuti organizzati in episodi e presentati in formato audio, video o pdf. L'applicazione rintraccia i prodotti senza che l'utente registrato sia costretto a ricercarli tra migliala di pagine web, e lo avvisa di ciascun aggiornamento pubblicato. I podcast sono ormai considerati importanti strumenti di comunicazione che si richiamano all'esperienza della radio, una radio che si ascolta, si vede, si legge e si naviga. Efficace, utile, semplice, il podcast è la frontiera più avanzata nel mondo dell'elaborazione e diffusione di contenuti via web. Alberto Pian guida il lettore al suo uso e all'approfondimento delle sue enormi potenzialità didattiche.

Il mobile learning
0 0
Livres modernes

Pieri, Michelle - Diamantini, Davide

Il mobile learning / Michelle Pieri, Davide Diamantini

Milano : Guerini e Associati, 2008

QUA_SI ; 5

Résumé: Una panoramica semplice e completa sui presupposti teorici, sulle applicationi e sui problemi principali che devono essere affrontati realizzando attività di formazione con tecnologie mobili. Oggi la diffusione esponenziale di telefoni cellulari, computer portatili, piattaforme di navigazione con informazioni generali o turistiche e, più in generale, di sempre nuovi mobile devices permette la progettazione di nuovi modelli di formazione e comunicazione, 'everytime and everywnere'. Da una parte l'esperienza educativa può prescindere dal tempo e dallo spazio: chi ha bisogno di apprendere non dovrà più raggiungere il luogo deputato all'apprendimento, ma sarà invece raggiunto nel posto in cui si trova, alla fermata dell'autobus, a casa o durante il tragitto in treno per recarsi al lavoro. Allo stesso tempo, è possibile realizzare esperienze di apprendimento immerse nell'ambiente reale cui fanno riferimento, in particolare per discipline quali la storia dell'arte, le scienze dell'ambiente e del territorio o la botanica. Che cosa e come si può imparare tramite il mobile learning? In che cosa differisce dalle forme di e-learning ormai sperimentate? Quali sono i settori in cui la comunicazione a distanza di informazioni può rappresentare il fattore chiave, quello che fa la differenza? Le ricerche e le riflessioni degli autori indicano molteplici strade, tra le quali spicca il settore del turismo e dei beni culturali, ideali bersagli per la formazione mirata alla mobilità.

Digital kids
0 0
Livres modernes

Digital kids : come i bambini usano il computer e come potrebbero usarlo genitori e insegnanti / a cura di Susanna Mantovani, Paolo Ferri

[Milano] : Etas, 2008

Résumé: Computer sì o computer no? Le nuove tecnologie sono dannose per i bambini? Devono essere introdotte e utilizzate già nella scuola dell'infanzia o è meglio aspettare? Possono influire sullo stile di apprendimento e sull'acquisizione delle conoscenze? E lo fanno in senso positivo o negativo? Si tratta di domande che oggi sono state superate dalla realtà. I computer e la rete ci sono ed è a partire da questo che deve muovere ogni ragionamento sull'utilizzo delle tecnologie dei bambini e con i bambini. Non ci si chiede certo se possa far male imparare a leggere troppo presto o apprendere precocemente una lingua straniera come l'inglese: si tratta ormai di dati acquisiti, ma è anche vero che le nuove tecnologie - e in particolare il computer e la rete - sono molto più pervasive di una lingua oggi dominante come l'inglese. Costituiscono la nuova struttura del mondo percepito, della quotidianità vissuta. Digital kids inizia da tale presupposto e si propone di indagare questa straordinaria novità a partire dal modo attraverso il quale i bambini si appropriano della tecnologia, per riflettere, osservare e ascoltare le loro esperienze, aiutandoli ad attrezzarsi per evitare il più possibile i rischi. L'intento è inoltre quello di fornire ai maestri e ai genitori elementi di conoscenza, percorsi formativi e buone pratiche che permettano loro di non parlare, quando educano, una lingua differente da quella dei nativi digitali.

Web 2.0 e social networking
0 0
Livres modernes

Web 2.0 e social networking : nuovi paradigmi per la formazione / a cura di Antonio Fini e Maria Elisabetta Cigognini

Gardolo : Erickson, copyr. 2009

I quaderni di form@re ; 9

Résumé: Uno strumento attivo per i professionisti della formazione, che stimola uno sguardo pragmatico sui processi e sulle dinamiche di conoscenza in rete e fornisce schede e apparati per affrontare efficacemente alcune dinamiche legate alla creazione, gestione e studio delle nuove comunità virtuali. Dopo un'introduzione teorica, di studio della conoscenza e comparazione della letteratura del settore, il libro racconta l'esperienza della comunità di LETver, una comunità di insegnanti interessati al tema delle tecnologie per l'apprendimento. LTEver è un esempio che viene studiato e analizzato per cercare di comprenderne le possibilità di auto-sostentamento e la sua estendibilità ad altri ambiti professionali, rispetto all'uso degli ambienti di social networking per l'area educativa. L'autore tocca un altro tema fondamentale nell'impostazione dei progetti web per la formazione: l'usabilità degli ambienti tecnologici allestiti. Il libro è arricchito di una serie approfondimenti specifici e di un indispensabile glossario che raccoglie i termini chiave del mondo digitale per la formazione in rete al tempo del 2.0.

Tecnologie per la didattica
0 0
Livres modernes

Tecnologie per la didattica / a cura di Massimo Faggioli

Milano : Apogeo, copyr. 2010

Apogeo

Résumé: Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione hanno modificato in modo profondo tutti gli ambiti della nostra vita: il lavoro, il divertimento, la salute, la routine domestica... Solo la scuola sembra esserne rimasta immune. Si usa dire, esagerando appena un po', che se uno studente di cent'anni fa venisse trasportato da una macchina del tempo in un'aula odierna si troverebbe perfettamente a suo agio, non notando alcun cambiamento. Dietro a questo apparente immobilismo, tuttavia, si stanno svolgendo importanti cambiamenti e l'innovazione nelle tecnologie per la didattica ha ormai raggiunto una massa critica che appare destinata a trasformare in modo profondo il modo in cui nelle nostre scuole si insegna e si apprende. Spesso il fattore critico in questi processi di cambiamento non è tanto la scarsa disponibilità di tecnologia, quanto la scarsa consapevolezza da parte dei docenti delle possibilità offerte dalle nuove tecnologie e dei modi in cui possono essere proficuamente impiegate. Questo volume, di taglio divulgativo, per docenti neofiti (ma anche per studenti di Scienze della formazione, genitori, nonni...), si propone come una guida per orientarsi tra le nuove tecnologie che si affacciano nel mondo della formazione. Ciascun capitolo affronta una particolare tecnologia, descrivendola innanzitutto nelle sue caratteristiche, ma soprattutto valutandone l'impiego dal punto di vista didattico e vedendola nelle sue concrete prospettive d'uso.

Le tecnologie educative
0 0
Livres modernes

Le tecnologie educative : criteri per una scelta basata su evidenze / Giovanni Bonaiuti... [et al.]

Roma : Carocci, 2017

Manuali universitari ; 179. Scienze dell'educazione

Résumé: Il volume offre una guida ai decisori delle politiche tecnologiche, in particolare a dirigenti scolastici e insegnanti, sulle scelte da fare per impiegare le tecnologie digitali nella scuola. La ricerca evidenzia come l'introduzione delle tecnologie digitali non garantisca di per sé un innalzamento dei risultati e, anzi, come questa spesso sollevi più problemi di quanti ne risolva. E dunque prioritario che gli educatori siano messi nella condizione di selezionare con certezza le situazioni in cui le tecnologie hanno una maggiore probabilità di risultare utili, basandosi su conoscenze affidabili e/o argomentazioni pedagogicamente e razionalmente fondate, e prendendo anche le distanze dalle mode che ciclicamente si ripresentano. Il testo fa riferimento all'ormai cospicua mole di ricerche prodotte in ambiti diversi - dalla scienza cognitiva alle neuroscienze, dall'ergonomia all'Instructional Design - e soprattutto alla letteratura basata su evidenze (Evidence-Based Education), allo scopo di fornire criteri utili a chiarire quando abbia senso avvalersi delle tecnologie.

Giochi e attività nel bosco e in città
0 0
Livres modernes

Bezdek, Monika

Giochi e attività nel bosco e in città : idee per divertirsi e imparare nella scuola dell'infanzia / Monika Bezdek, Petra Bezdek e Ursula Bezdek

Trento : Erickson, copyr. 2013

I materiali

Résumé: Questo volume presenta numerose attività, per sfruttare al meglio le potenzialità del gioco all'aria aperta in un contesto di apprendimento stimolante e coinvolgente. Il libro è suddiviso in due parti: "Giocare nel bosco", nella quale si propongono esperienze a diretto contatto con la natura, che consentono ai bambini di dare libero sfogo alla propria fantasia ed energia, apprendendo spontaneamente a rispettare e proteggere l'ambiente; "Giocare in città", dove essi esplorano la scuola e il territorio circostante (la via, il quartiere e la città stessa), scoprendo innumerevoli sorprese in fatto di arte, storia e cultura. Corredate di chiare istruzioni sulla loro realizzazione (materiali, numero di partecipanti, età, varianti ecc.), le attività si propongono di stimolare la percezione sensoriale e sviluppare la fantasia e la creatività; insegnare a muoversi in autonomia nella natura e nell'ambiente urbano. Le proposte formative, presentate in forma di giochi, filastrocche e canzoni, sono rivolte a educatori e insegnanti della scuola dell'infanzia, ma possono essere facilmente adattate e realizzate anche nella scuola primaria.