796.522 095 496 [14]

(Classe)

 

Trouvés 134 documents.

I conquistatori del cielo
0 0
Livres modernes

Ellsworth, Scott

I conquistatori del cielo : gli anni ruggenti dell'alpinismo himalayano / Scott Ellsworth ; traduzione di Olivia Crosio

Milano : Corbaccio, copyr. 2020

Exploits

Résumé: Mentre cresceva la tensione fra le potenze europee negli anni Trenta del XX secolo, in Himalaya si stava già combattendo una battaglia di altro genere. I migliori alpinisti provenienti dal Regno Unito, dalla Germania nazista e dagli Stati Uniti avevano attrezzato i loro campi base alle pendici degli Ottomila, sperando di conquistare le vette più alte, comprese l'Everest e il K2. Diversamente dagli alpinisti di oggi, disponevano di pochissime mappe e fotografie, non avevano bombole d'ossigeno efficienti, indossavano scarponi di cuoio e giacconi di tweed. Ma contro ogni pronostico, andarono più in alto di quanto fosse possibile immaginare. E non appena raggiunsero dei record di altitudine straordinari, su di loro si concentrò l'attenzione dei media e della politica mondiale. Gli alpinisti venivano assediati dalla stampa alle stazioni dei treni indiani, erano celebrati in film e in rappresentazioni teatrali. James Hilton creò la mitica Shangri-La in Orizzonte perduto mentre un eccentrico alpinista inglese di nome Maurice Wilson partiva per il Tibet per scalare l'Everest da solo e a bordo di un biplano che aveva appena imparato a pilotare. Intanto, nei corridoi del ministero nazista per la propaganda, i gerarchi scoprivano l'importanza di piantare la bandiera tedesca su un Ottomila. Ambientato a Londra, a New York, in Germania, in Tibet e in India, I conquistatori del cielo è una storia non solo di alpinismo, ma anche di passione e ambizione, coraggio e follia, tradizione e innovazione, tragedia e trionfo. Ellsworth si muove fra le strade di Manhattan e di Berlino e le pareti scoscese del Nanga Parbat, in mezzo alle rivolte nel Kashmir e nel paesaggio rarefatto della Nuova Zelanda, dove un uomo di nome Hillary sognava di salire in cima all'Everest.

Ogre
0 0
Livres modernes

Scott, Doug

Ogre : il settemila impossibile / Doug Scott ; traduzione di Oreste Daglino

Milano : Corbaccio, 2019

Exploits

Résumé: Dopo mesi di preparativi e settimane di permanenza sulla montagna con il resto del team, il pomeriggio del 13 luglio 1977 Doug Scott e Chris Bonington raggiungono la cima dell'Ogre, sono i primi alpinisti in assoluto a conquistare quella vetta tra le più difficili al mondo. Un breve attimo di sosta per riprendere fiato, assaporare il successo e contemplare lo spettacolare panorama, e poi iniziano a muovere i primi passi per rientrare al campo prima che sia troppo tardi. Sono esperti, i migliori esponenti di una nuova generazione di alpinisti britannici che sta conquistando il mondo, sono affiatati compagni di cordata. Ma Doug è anche stanco, il sole è appena tramontato, è buio. La giornata è stata calda, ma adesso cala il gelo, il vento ghiaccia tutto. Anche un rivolo di acqua di cui, durante la salita, non si era nemmeno accorto. Appoggia il piede, scivola, vola. E dopo un terrificante pendolo si arresta di schianto contro la roccia, entrambe le gambe rotte. Gli altri, Tut, Nick e Mo, li hanno visti e stanno arrivando, ma per aiutare il compagno anche Chris cade, fratturandosi le costole. Inizia così l'odissea della discesa, una delle epopee alpinistiche più straordinarie di sempre. Bisogna tornare a casa. Se non sani, almeno salvi. Bisogna farcela. E ce la faranno, perché sono disperati, perché anche nel momento più buio riescono a non prendere troppo sui serio la loro situazione, perché sono amici. Perché sono uomini umili, gente modesta del nord dell'Inghilterra, con un'unica passione: la montagna.

Everest
0 0
Livres modernes

Ardito, Stefano

Everest : una storia lunga 100 anni / Stefano Ardito

Bari : Laterza, 2020

I Robinson. Letture

Résumé: Un secolo fa, nella primavera del 1921, una spedizione britannica lascia le piantagioni di tè di Darjeeling per dirigersi verso la base della montagna più alta del mondo, l’Everest. A partire da quel momento il Big E sarà teatro di una serie di vicende che rimarranno scolpite nella memoria storica dell’alpinismo: dalla scomparsa di George Mallory e Andrew Irvine nel 1924 alla prima ascensione da parte di Edmund Hillary e Tenzing Norgay nel 1953. Dalle imprese solitarie e senza ossigeno di Reinhold Messner nel 1978 e nel 1980 al fenomeno delle spedizioni commerciali dei giorni nostri, che vede centinaia di persone pagare alte cifre per raggiungere la cima, e alle esperienze dei protagonisti odierni delle scalate. Stefano Ardito racconta in queste pagine l’affascinante storia di cento anni di spedizioni. È una storia fatta di coraggio, intelligenza, paura, ma anche di tanti altri aspetti, dall’evoluzione tecnologica delle attrezzature alle trasformazioni geopolitiche che hanno influito sull’alpinismo.

Malato di montagna
4 0
Livres modernes

Kammerlander, Hans

Malato di montagna / Hans Kammerlander

Milano : Corbaccio, copyr. 2000

Exploits

Résumé: Chi è quest'uomo che non teme alcun rischio e che in montagna ha prestazioni quasi disumane? È lui stesso a parlarci di sé, a raccontarci la sua storia e il perché l'avventura estrema sia diventata per lui uno stile di vita. Hans Kammerlander ha cominciato a scrivere questo libro al campo base del Kanchenjunga, il primo dei tre ottomila che voleva scalare nella primavera del 1998, e lo ha continuato in ospedale dopo aver dovuto interrompere la sua Trilogia himalayana dal momento che, durante la sua discesa dalla montagna, gli si erano congelate le dita dei piedi. Ci racconta in modo coinvolgente la sua vita tra roccia e ghiacci, le sue avventure nella zona della morte, e della sua passione per la montagna che lo ha condotto, fin da giovanissimo, sulle più impervie pareti e sulle cime più alte del mondo.

Aria sottile
0 0
Livres modernes

Krakauer, Jon

Aria sottile / Jon Krakauer ; traduzione di Lidia Perria

Milano : TEA, 2007

Grandi avventure TEA

Résumé: Il 10 maggio 1996 una tempesta colse di sorpresa quattro spedizioni alpinistiche che si trovavano sulla cima dell'Everest. Morirono 9 alpinisti, incluse due delle migliori guide. Con questo libro, l'autore, che è uno dei fortunati che riuscirono a ridiscendere la Montagna, scrive non solo la cronaca di quella tragedia ma intende anche fornire importanti informazioni sulla storia e sulla tecnica delle ascensioni all'Everest. Offre inoltre un esame provocatorio delle motivazioni che stanno dietro alle ascensioni ad alta quota, nonché una drammatica testimonianza del perché quella tragedia si poteva evitare.

Non ti farò aspettare
0 0
Livres modernes

Meroi, Nives

Non ti farò aspettare : tre volte sul Kangchendzonga, la storia di noi due raccontata da me / Nives Meroi

Milano : Rizzoli, 2015

Résumé: Questa storia comincia (male) e finisce (bene) sul Kangchendzonga, la terza vetta più alta della Terra, una delle più difficili da scalare. È una storia epica, non solo di alpinismo, ma soprattutto d'amore e di crescita interiore. Siamo nel 2009 e Nives Meroi è in corsa con altre due alpiniste per diventare la prima donna ad aver conquistato i quattordici ottomila del pianeta. Come ha sempre fatto, affronta il Kangch, la sua dodicesima cima, in cordata con il marito Romano, e senza "sconti": né portatori d'alta quota, né ossigeno. Allo stesso tempo, mentre i media spettacolarizzano l'impresa, Nives non è insensibile alla sirena della fama, che la sta trascinando in un gioco che non le appartiene... Ma, a poche centinaia di metri dalla vetta, Romano non si sente bene e si ferma. Che cosa sceglie di fare, allora, Nives? Proseguire da sola, conquistando un'altra cima utile per la vittoria, come molti le avrebbero suggerito? No, lei non esita: abbandona la gara perché non può lasciare Romano solo ad aspettare. Così si conclude il primo atto di questa vicenda. Ne seguono altri tre in cui entrano in scena la malattia, la complicità, la capacità di attendere, la voglia di reagire senza scoraggiarsi quando si prende una via sbagliata. Per giungere al lieto fine in cui il Kangch si lascia finalmente conquistare da Nives e Romano che, in un confronto leale e puro con la Natura, hanno compreso il senso profondo della vita.

Il mio Everest
0 0
Livres modernes

Somervell, Theodore Howard

Il mio Everest / T. Howard Somervell

Gignese : MonteRosa, 2016

Le parusciole ; 5

Résumé: Questo libro è la storia di un uomo curioso e di un valente e coraggioso alpinista, che ha scalato molto nelle Alpi e in Himalaya, ha partecipato a due assalti all'Everest senza ossigeno, è stato testimone del tragico tentativo di Mallory con Irvine e ha rischiato egli stesso di morire. È anche il diario di un viaggio nell'India colonialista vista da un inglese illuminato, generoso e anticolonialista, e nel Tibet medioevale degli anni 20. Racconta i sorprendenti e talvolta umoristici incontri con gli abitanti dei villaggi, la tragica, infantile fede dei lama, i paesaggi di incomparabile bellezza, la maestosità delle montagne. Ma soprattutto descrive gli incredibili e del tutto nuovi problemi che Mallory, Somervell, Noel, Bruce, Finch e gli altri partecipanti alle spedizioni, ogni giorno affrontavano e cercavano di risolvere, supplendo alla mancanza di esperienze precedenti a cui rifarsi con la britannica imperturbabilità, il coraggio e un giovanile, incrollabile entusiasmo.

Cometa sull'Annapurna
0 0
Livres modernes

Moro, Simone

Cometa sull'Annapurna / Simone Moro ; prefazione di Sandro Filippini

Milano : La gazzetta dello sport, copyr. 2017

I libri de La gazzetta dello sport

Résumé: Simone Moro in questo libro racconta la spedizione sull'Annapurna del 1997 che è costata la vita ai suoi due compagni di cordata e che lo ha visto miracolosamente sopravvissuto alla valanga che ha ucciso gli altri e che lo ha fatto volare 800 metri. E così parte dalla sua infanzia e cerca di spiegare come mai ha fatto della montagna il suo mestiere, perché scalare è la sua vita, e che cosa significhi per lui raggiungere la vetta. Ci racconta le sue esperienze, le sue paure, i suoi dubbi e la grande indimenticabile amicizia tra lui e Anatoli Boukreev, il grande alpinista russo morto sull'Annapurna.

Aria sottile
3 0
Livres modernes

Krakauer, Jon

Aria sottile / Jon Krakauer ; traduzione di Lidia Perria

Milano : Corbaccio, copyr. 1998

Exploits

Résumé: Il 10 maggio 1996 una tempesta colse di sorpresa quattro spedizioni alpinistiche che si trovavano sulla cima dell'Everest. Morirono 9 alpinisti, incluse due delle migliori guide. Con questo libro, l'autore, che è uno dei fortunati che riuscirono a ridiscendere la Montagna, scrive non solo la cronaca di quella tragedia ma intende anche fornire importanti informazioni sulla storia e sulla tecnica delle ascensioni all'Everest. Offre inoltre un esame provocatorio delle motivazioni che stanno dietro alle ascensioni ad alta quota, nonché una drammatica testimonianza del perché quella tragedia si poteva evitare.

Everest solo
0 0
Livres modernes

Messner, Reinhold

Everest solo : orizzonti di ghiaccio / Reinhold Messner ; traduzione di Ornella Antonioli Gogna

Milano : Corbaccio, 2020

Exploits

Résumé: Il 20 agosto 1980 Reinhold Messner raggiunse la vetta dell'Everest, solo e senza ossigeno. Il racconto di questa impresa straordinaria è al centro di Everest Solo , che narra anche il suo lungo viaggio attraverso il Tibet, una regione misteriosa e inaccessibile dominata da giganti di ghiaccio, costellata di monasteri spesso in rovina e percorsa da interminabili carovane di yak. Attraverso le pagine sull'ascensione, vediamo anche tornare in vita i leggendari alpinisti che hanno preceduto Messner: Mallory, Irvine e Wilson. E nella luce abbacinante, immerso nell'aria sottile, misurandosi con la spossatezza, con il pericolo e, a tratti, con la disperazione, Messner riflette sulle motivazioni che spingono quanti si cimentano con gli Ottomila. E le condivide con i lettori insieme alle pagine del diario della sua compagna di viaggio Nena Holguín, che seguì dal campo base la sua incredibile impresa.

Vivere
5 0
Livres modernes

Revol, Élisabeth

Vivere : la mia tragedia sul Nanga Parbat / Élisabeth Revol ; con Éliane Patriarca ; traduzione di Manuela Maddamma

[Milano] : Solferino, 2020

Tracce

Résumé: Il racconto sincero e appassionato di una tragica scalata e di una rinascita. Il 25 gennaio 2018, Elisabeth Revol e Tomek Mackiewicz raggiungono la cima del Nanga Parbat, dopo una salita in stile alpino e senza ossigeno. Ma proprio nel momento della vittoria, Tomek, stremato, accusa sintomi gravissimi di edema polmonare e cerebrale. Elisabeth per 24 ore lo aiuta a scendere, arrivano a 7200 metri, si riparano in un crepaccio. Dal campo base la convincono a scendere, a Tomek penseranno gli elicotteri. Dal K2, quattro alpinisti polacchi tentano un salvataggio che miracolosamente riesce. Ma per Tomek, molto più in alto, non c'è nulla da fare. In questo libro Elisabeth Revol racconta la sua amicizia con lo scalatore, la salita, la tragedia, con tutto quello ne è seguito: il senso di colpa, la depressione e un po' per volta, il ritorno alla montagna.

Everest [VIDEOREGISTRAZIONE]
0 0

Everest [VIDEOREGISTRAZIONE] : sfida all'estremo = Everest : beyond the limit. Season 2 / registi: Ed Venner... [et al.] ; produttore esecutivo: Dick Colthurst

Cinehollywood, 2014

Il mito K2
0 0
Livres modernes

Bersezio, Lorenzo

Il mito K2 : storia e immagini del primo 8000 italiano / Lorenzo Bersezio

Torino : Edizioni del Capricorno, copyr. 2014

Immagini della storia

Résumé: 31 luglio 1954: la spedizione italiana guidata da Ardito Desio conquista il K2, considerato uno degli 8000 himalayani più difficili, fino ad allora inaccessibile all'uomo. Per la storia dell'alpinismo moderno e per l'immagine dell'Italia nel mondo è un giorno memorabile. Il volume ricostruisce genesi e cronaca di quella straordinaria impresa, ormai entrata nell'immaginario nazionale. Attraverso un ricchissimo apparato iconografico, in gran parte tratto dagli archivi ANSA, il volume ricostruisce le prime esplorazioni italiane del Karakorum d'inizio Novecento, la lunga fase di preparazione della spedizione, i protagonisti (Ardito Desio, Achille Compagnoni, Lino Lacedelli, Walter Bonatti), il ritorno in Italia, le polemiche durate oltre cinquant'anni sull'ultima drammatica fase dell'ascensione. Sessant'anni dopo, un libro per rileggere attraverso le immagini una pagina importante della storia italiana del Novecento.

Con le guide valdostane della spedizione Monzino sul tetto del mondo!
0 0

Carrel, Rinaldo

Con le guide valdostane della spedizione Monzino sul tetto del mondo! / Rinaldo Carrel

Le guide valdostane sul Kangchenjunga
0 0

Trucco, Giuliano

Le guide valdostane sul Kangchenjunga / Giuliano Trucco

La conquista degli ottomila
0 0
Livres modernes

Mantovani, Roberto

La conquista degli ottomila : una splendida follia / Roberto Mantovani

Lecco : Alpine studio, 2015

Oltre confine ; 24

Résumé: Dopo decenni di audaci tentativi, dal 1950 al 1964 si consuma una vicenda che ai non alpinisti può sembrare ancora oggi una follia: la corsa alla conquista delle quattordici montagne più alte della Terra. I quattordici Ottomila. Fino a quel momento l'epopea dell'avventura esplorativa si era sempre rivolta a mete differenti, come le ultime terre emerse ancora sconosciute, le sorgenti dei grandi fiumi, il Polo Sud e il Polo Nord, ma mai aveva preso di mira obiettivi seriali. Negli anni che seguono la Seconda guerra mondiale, la battaglia dell'Everest si allarga a tutte le montagne più elevate del mondo. A raccontarla oggi sembra impossibile, ma a partire dagli anni 50 del secolo passato la corsa agli Ottomila si trasforma in una strana competizione tra le grandi potenze. Ognuna di queste ha infatti la sua montagna di riferimento: i francesi decidono per l'Annapurna; i tedeschi hanno in mente il Nanga Parbat, su cui nei decenni precedenti hanno perso 31 uomini; i britannici, che corteggiano l'Everest dal 1921, ne calcano la cima nel 1953; gli italiani la spuntano per primi sul K2 nel 1954. Poi la palla torna definitivamente in mano agli alpinisti, che impiegano però anni a liberarsi dai modelli gerarchici e autoritari che caratterizzano le prime spedizioni himalayane. Ripercorrendo la storia dei quattordici anni che hanno segnato in profondità l'himalaysmo, l'autore propone una lettura degli eventi che, accanto ai fatti alpinistici, affianca analisi e contesti utili per allargare la comprensione...

Himalaya, Dolpo
0 0

Cognetti, Paolo

Himalaya, Dolpo / [testi e disegni di Paolo Cognetti ; fotografie di Stefano Torrione]

Fait partie de: Meridiani montagne

Primi sull'Everest
0 0
Livres modernes

Tenzing Norgay

Primi sull'Everest / Tenzing Norgay ; con James Ramsey Ullman

Milano : Corriere della sera, copyr. 2014

Biblioteca della montagna ; 19

Résumé: Il 29 maggio 1953, il neozelandese Edmund Hillary e il nepalese Tenzing Norgay conquistano l’Everest, raggiungendo un traguardo fondamentale per l’alpinismo di tutti i tempi. Norgay è un figlio dell’Everest. Di origini sherpa, avrebbe dovuto diventare lama, ma l’amore per la montagna ha vinto sopra tutto, segnando il suo destino e la sua vita. Solo pochi giorni prima di quella che si è poi rivelata una storica spedizione, non erano in molti a credere che un semplice portatore potesse conquistare la vetta. Ma Tenzing Norgay è riuscito con tenacia e determinazione a coronare il suo sogno, portando a compimento gli sforzi delle spedizioni che da trent’anni si affannavano sulle terribili pendici ghiacciate della montagna ''Madre dea del mondo'' e realizzando un’impresa storica destinata a riecheggiare in ogni angolo del pianeta ma anche a dare il via a infinite polemiche.

La vetta troppo lontana
0 0
Livres modernes

De Mas, Fabio

La vetta troppo lontana : storie di neve, roccia e un ottomila / Fabio De Mas

Piazzola sul Brenta : Idea montagna, 2013

Résumé: Frequentare l’ambiente montano nel modo a me più consono, significa percorrere una strada di desiderio e incertezze, di beatitudine e timore sulla quale, attraverso la fatica, cerco e trovo un equilibrio magico e fragile tra me e il mondo. Tutto diviene più chiaro, ogni cosa trova il suo posto necessario e naturale nell'ordine delle cose, l’armonia è l’elemento che permea la natura. La fragilità di questo equilibrio perfetto è tale che esso ha vita assai breve e questi meravigliosi momenti possono durare pochi istanti o anche intere giornate ma, comunque, una volta tornato a casa e uscito da quella strada, sfumano. Il caos torna sovrano, mentre le mie sicurezze che fino a quando ero a contatto con la neve e il ghiaccio, mi parevano inattaccabili, si rivelano per quello che erano: effimere illusioni, pronte, tuttavia, a ripresentarsi intatte e incrollabili quando faccio ritorno sulla strada che mi conduce alla montagna.

Cho Oyu
4 0
Livres modernes

Messner, Reinhold

Cho Oyu : la Dea Turchese / Reinhold Messner ; traduzione di Valeria Montagna

[Milano] : Corbaccio, 2013

Exploits

Résumé: Il Cho Oyo, 8201 metri, per i tibetani è la Dea Turchese. Gli europei ne conoscono l’esistenza solo dal 1921, ma oggi è la meta più frequentata dagli alpinisti di tutto il mondo dopo l’Everest. Con le consuete maestria e competenza, Messner parla della montagna, degli Sherpa che abitano ai suoi piedi, dell’importanza del Nangpa La, a 6000 metri il più alto passo della Terra, e racconta le imprese alpinistiche che si sono succedute in un secolo di storia. Dai primi tentativi negli anni Cinquanta, fra cui quello di Eric Shipton, fino alla «conquista» nel 1954 ad opera dell’austriaco Tichy, giornalista, geologo e alpinista che, dopo aver viaggiato per decenni con la sua motocicletta in Thailandia, Cina e Tibet e aver esplorato insieme agli Sherpa il Nepal occidentale ancora del tutto ignoto agli europei, salì in cima al Cho Oyu insieme a Joseph Jöchler e allo Sherpa Pasang Dawa Lama in una spedizione leggera e senza ossigeno. Molte altre spedizioni e tentativi si sono da allora succeduti − fra cui la salita di Messner stesso nel 1983 insieme a Michl Dacher e Hans Kammerlander per una via nuova −, molti altri successi e, come sempre nella storia dell’alpinismo himalayano, anche molte tragedie, raccontate con partecipazione e occhio critico dal grande alpinista altoatesino.