Rilke, Rainer Maria

(Persona)

 

Trouvés 78 documents.

Da qualche parte nel profondo
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria - Andreas-Salomé, Lou

Da qualche parte nel profondo : lettere, 1897-1926 / Rainer Maria Rilke, Lou Andreas-Salomé ; a cura di Sabrina Mori Carmignani

2. ed.

Bagno a Ripoli : Passigli, 2021

Le occasioni

Résumé: Quando si conoscono a Monaco il 12 maggio 1897, Rainer Maria Rilke è un giovane poeta ventiduenne, uscito pochi anni prima dalla scuola militare in cui aveva trascorso la propria non facile adolescenza, Lou Andreas-Salomé un'affascinante intellettuale trentaseienne con alle spalle anni di ricerca, un matrimonio, viaggi, frequentazioni con figure magistrali dell'epoca come Nietzsche e Freud. L'incontro inaugura un rapporto che durerà fino alla morte di Rilke il 29 dicembre del 1926. Straordinaria testimonianza di questa lunga relazione sono le moltissime lettere che i due si scambiarono, di cui questo libro offre una significativa selezione sotto il titolo ricavato da una di esse: «Là, da qualche parte nel profondo», scrive infatti Lou a Rainer, «ha inizio di nuovo ogni arte, un'evocazione dell'esistenza umana dai suoi abissi ancora inesplorati». E là 'da qualche parte nel profondo' prende anche avvio questo straordinario incontro che per il poeta praghese doveva rivelarsi un vero e proprio spartiacque nella sua maturazione esistenziale e letteraria; una svolta, un «nuovo inizio» che, come scrive Sabrina Mori Carmignani nella prefazione, inaugura anche «un rapporto d'amore nel senso più vasto del termine»: amore fra l'uomo e la donna, certo, ma, soprattutto, il grande amore «dove l'interno e l'esterno si congiungono in modo completamente nuovo, e che comprende in una volta tutti i suoi tesori».

Del paesaggio e altri scritti
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Del paesaggio e altri scritti / Rainer Maria Rilke ; a cura di Giorgio Zampa ; con una nota di Marco Rispoli

Milano : Adelphi, 2020

Piccola biblioteca Adelphi ; 753

Résumé: «Dobbiamo diventare bambini, se vogliamo raggiungere il sublime». Queste parole, che Rilke scrisse in un testo sull'arte del paesaggio, si possono leggere come il condensato della sua percezione delle cose, di una sensibilità che con lui nasce e con lui muore. Una sensibilità che si esprime con rara intensità in tutti gli scritti offerti in questo volume - raccolti e tradotti da Giorgio Zampa, che di Rilke è stato uno dei massimi interpreti -, attraverso meditazioni e memorie, confessioni e impressioni di viaggio, lettere (come quelle a un giovanissimo Balthus) e visioni oniriche. Una sensibilità che si trasmette al lettore grazie a una prosa tra le più alte del Novecento tedesco, aerea e profonda, lucente e umbratile. Una sensibilità capace di cogliere il riverbero dell'assoluto in ogni oggetto a cui si volge: dall'arte («Proprio dell'artista è amare l'enigma. Ché ogni arte è solo amore riversato sopra enigmi») all'«essenza infantile e portentosa» del poeta, all'erotismo («una cosa affatto incommensurabile che gli uomini non si stancano di aggredire con norme, misure, regolamenti»). E in grado di spingersi «là dove la realtà conosciuta e quella inconoscibile si concentrano in un solo punto, si completano e diventano un unico possesso» - dove l'esteriore e l'interiore formano «uno spazio ininterrotto in cui, arcanamente protetto, resta un solo punto di purissima, profondissima coscienza». Con una Nota di Marco Rispoli.

Appunti sulla melodia delle cose
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Appunti sulla melodia delle cose / Rainer Maria Rilke ; a cura di Sabrina Mori Carmignani

2. ed.

Firenze : Passigli, 2020

Le occasioni

Résumé: Tra le pagine meno note dell'opera di Rilke figurano queste intense meditazioni scritte in forma di appunti, frammenti, e brevi racconti autobiografici, tra il 1898 e il 1919. Sul filo di una prosa intensa e immaginifica, solitudine e ricordi confluiscono in un desiderio di intimità con la voce delle cose. Una voce che, come un vento leggero, giunge da lontano nel presente dell'esistenza e si fa epifania, esperienza (Erlebnis) di una realtà che travalica, per fuggevoli istanti, il tempo e lo spazio del mondo 'visibile'. È la «melodia delle cose» che, come nella pittura dei primi maestri del Trecento, si apre sullo sfondo luminoso di una storia di cui noi siamo solo dei «titoli in ombra». Dalla prossimità di un pensiero che interroga arte e vita al tempo stesso, affiorano immagini, ricordi, enigmatiche figure: giovani solitari, un vecchio rannicchiato su una barca, uno sguardo che accarezza le cose, ma che si situa ormai «dall'altra parte della natura», e infine il tentativo visionario di dar voce al suono arcano e impossibile della morte...

Requiem
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Requiem / Rainer Maria Rilke ; a cura di Sabrina Mori Carmignani

Bagno a Ripoli : Passigli, copyr. 2019

Passigli poesia

Résumé: Nel 1909 Rilke pubblica in unico breve volume con il titolo "Requiem" due lunghe poesie dedicate, rispettivamente, all'amica pittrice Paula Modersohn-Becker e al giovane poeta Wolf von Kalckreuth. La prima, grande amica di Rilke dei tempi del circolo di Worpswede, è scomparsa l'anno precedente, in seguito ai postumi travagliati di un parto; mentre il secondo, morto suicida a soli diciannove anni, Rilke non lo aveva mai conosciuto di persona, gliene aveva parlato il suo editore Kippenberg. Questi due requiem avevano avuto un precedente, una poesia dedicata a una cara amica della moglie Clara, Gretel Kottmeyer, anch'essa scomparsa ancor giovane, pubblicata a chiusura del Libro delle immagini del 1902. Infine, nel 1915 Rilke scrisse l'ultimo suo requiem, "Per la morte di un bambino", del quale a lungo non si conobbe l'identità, ma che era il figlio di un professore d'economia all'università di Monaco, morto a soli otto anni. I quattro requiem si trovano riuniti in questo volume, che offre dunque uno spaccato completo su un tema fondamentale dell'opera del grande poeta praghese, sulla strada che lo porterà agli esiti estremi della sua poesia, con le Elegie duinesi e i Sonetti a Orfeo; perché la morte, come scrisse lo stesso Rilke in una delle sue lettere da Muzot, «è solo un mezzo implacabile per farci conoscere, e renderci familiare, anche il lato dell'esistenza che da noi si distoglie».

Dalla misura delle stelle
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Dalla misura delle stelle / Rainer Maria Rilke ; traduzione e cura di Giusi Drago

Milano : Ponte alle Grazie, copyr. 2019

Poesia ; 3

Résumé: Un libro di piccolo formato con testo a fronte

Racconti scelti
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Racconti scelti / Rainer Maria Rilke

Milano : Il sole 24 ore, 2016

I libri della domenica. Racconti d'autore ; 60

Die Aufzeichnungen des Malte Laurids Brigge
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Die Aufzeichnungen des Malte Laurids Brigge / Rainer Maria Rilke ; sprachlich angepasst von Kerstin Salvador ; illustrationen von Valerio Vidali

Recanati : ELI, 2014

Erwachsene ELI Lektüren. Niveau 2

Résumé: Malte, ein junger Schriftsteller, kommt nach Paris und beschreibt in seinem Tagebuch seine Eindrücke der Stadt

I quaderni di Malte Laurids Brigge
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

I quaderni di Malte Laurids Brigge / Rainer Maria Rilke ; a cura e con un saggio di Giorgio Zampa

Milano : Adelphi, copyr. 1992

Biblioteca Adelphi ; 248

Elegie duinesi
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Elegie duinesi / Rainer Maria Rilke ; traduzione di Michele Ranchetti e Jutta Leskien ; cura di Michele Ranchetti

3. ed.

Milano : Feltrinelli, 2011

I classici Universale economica Feltrinelli ; 2188

Résumé: Le Elegie duinesi sono l'ultima e somma opera poetica di Rainer Maria Rilke, che è considerato uno dei massimi lirici tedeschi moderni, ammirato tra gli altri da filosofi come Wittgenstein e da scrittori come Pasternak. Rilke iniziò a scrivere le Elegie a Duino - da cui il nome - nel 1912: si tratta di dieci componimenti di ispirazione filosofica, che trattando di varie tematiche cercano di rispondere alle domande poste nelle precedenti opere rilkiane sull'insensatezza e incomprensibilità della vita, e sulla paura della morte. Le poesie ruotano attorno a temi quali l'identità di vita e morte in quanto momenti dello stesso processo del divenire in un'eterna metamorfosi; l'inesistenza di una distinzione tra al di qua e al di là, per la coesistenza di regni materiale e spirituale sotto l'egida degli Angeli, creature superiori all'uomo che si trova in una condizione mediana, superiore a sua volta all'ignara natura animale, ma comunque di spettatore della vita; la bellezza dell'essere che va sottratta alla consunzione del tempo tramite l'eternità dello spirito, la creatività dell'arte che getta un ponte tra i due regni; la fortuna di chi muore fanciullo, il destino delle donne abbandonate alla purezza del loro amore; la virile accettazione della vita e del dolore da parte dell'eroe; la celebrazione finale della morte.

Il    diario fiorentino
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Il diario fiorentino / Rainer Maria Rilke ; a cura di Giorgio Zampa

Milano : SE, copyr. 2011

Testi e documenti ; 213

Résumé: "Il soggiorno di Rilke a Firenze non fu lungo; ma l'attività svolta dovette essere intensa. Musei, chiese, palazzi, conventi, gallerie (persino quella del principe Corsini, di difficile accesso), nulla rimase inesplorato. Furono fatte escursioni non solo a Bellosguardo, a Fiesole, a Settignano e alla Certosa, ma a Maiano, a Rovezzano, a Bagno a Ripoli. Il frutto di tale primo contatto con realtà profondamente diverse da quelle conosciute sino allora non fu tanto l'albo o quaderno di riflessioni e ricordi che riempì per donarlo, testimonianza di amore e di ammirazione, a Lou Salomé, la donna amata, quanto un nucleo di idee e di concezioni che attraversano in modo più o meno visibile tutta la sua opera e alimentano la fase estrema della sua poesia." (Dallo scritto di Giorgio Zampa)

Le rose
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Le rose / Rainer Maria Rilke ; con due scritti di Paul Valéry ; traduzione di Sabrina Mori Carmignani

Bagno a Ripoli : Passigli, copyr. 2010

Le occasioni

Résumé: «Uno stupire, un cedere, un essere travolti», così definiva Rilke la sua attrazione di scrittore per la lingua francese, il sentire estetico che in lui, poeta di lingua tedesca, ma anche fine traduttore di poesie francesi, non poteva non spingere verso la creazione personale. Del resto, la Francia lo aveva accolto a più riprese durante diversi periodi del suo girovagare europeo. E se la Russia per Rilke rappresenta T'altrove' cui deve «quello che sono divenuto», la Francia è la Parigi di Malte Laurids Brigge e di Rodin, la Provenza di Cézanne, la lingua di Louise Labe, di Mallarmé, di Verhaeren, di Valéry - tutti tradotti da Rilke -, e insieme la lingua del suo 'eremo' svizzero di Muzot e del sanatorio di Valmont, dove il 29 dicembre del 1926 si compirà il suo destino terreno. Non stupirà dunque che fra le ultime composizioni del grande poeta praghese compaiano ben tre cicli di poesie francesi, fra i quali Les Roses, composto di ventiquattro poesie tutte dedicate al tema della rosa, e scritto in un brevissimo arco di tempo, dal 7 al 16 dicembre 1924, con l'unica eccezione di due poesie aggiunte nello stesso anno della morte (la ventesima e la quattordicesima, scritte rispettivamente nel giugno e nell'agosto del 1926). La raccolta venne pubblicata pochi giorni dopo la scomparsa di Rilke, nel gennaio del 1927, dall'olandese Alexandre Alphonse Marius Stols al quale il poeta, in una lettera del 5 dicembre 1926, così aveva scritto: «Vorrei tanto (poiché è già molto poterLe esprimere i miei più umili desideri) che a questo ciclo di Rose, appena ritrovato tra le mie carte, Lei concedesse l'onore di figurare tra le Sue belle edizioni...». Il volume, in tiratura numerata, era corredato da un breve scritto di Paul Valéry, che riportiamo in questa nostra edizione, aggiungendo un ulteriore ricordo pubblicato dal poeta francese nel volume collettivo Rilke et la France nel 1943.

Lettere a un giovane poeta
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Lettere a un giovane poeta / Rainer Maria Rilke ; introduzione di Giorgio Manacorda

Roma : Nova Delphi, copyr. 2010

Résumé: Tra gli scritti più belli di Rilke, le dieci lettere indirizzate all'aspirante poeta Franz Xavier Kappus regalano insegnamenti validi ancora oggi, che invitano a intraprendere un percorso interiore di conoscenza e di consapevolezza di sé e del mondo. Tra inno alla solitudine e segreto della creazione poetica, la preziosità delle dieci lettere è racchiusa nell' originalità del motivo che le ispira: il peso e la grandezza dell'essere artista. Introduzione di Giorgio Manacorda.

Requiem
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Requiem / Rainer Maria Rilke ; a cura e traduzione di Elisabetta Terigi

Firenze : Barbès, copyr. 2010

Résumé: Alcune delle poesie meno conosciute di Rainer Maria Rilke, che girano tutte intorno al tema della morte. Liriche di un Rilke giovane, tratte dalla sua prima raccolta Larenopfer, del 1895, ancora leggere, e ancora da Neue Gedichte e Neue Gedichte anderer Teil, dove il tono è già diverso, più celebrativo e solenne. Una poesia sofferta che sgorga vitale da profonde crisi che lo avevano quasi fatto piombare nel baratro. E infine la riscoperta di quattro Requiem, scritti sraordinari, tra prosa e poesia, quasi mai presenti nelle antologie rilkiane, quattro lunghi testi scritti in versi in onore della morte di una persona cara al poeta che ci consentono di capire non solo quale fosse il legame del poeta con la persona defunta, ma soprattutto quale idea avesse Rilke riguardo alla morte.

Marina Cvetaeva, Rainer Maria Rilke
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria - Cvetaeva, Marina Ivanovna

Marina Cvetaeva, Rainer Maria Rilke : lettere / a cura di Pina De Luca e Amelia Voltolina ; traduzione di Ugo Persi

Milano : SE, copyr. 2010

Piccola enciclopedia ; 211

Résumé: Nel 1926, ancora ignaro della morte incombente, Rainer Maria Rilke indirizza, su invito di Boris Pasternak, una lettera a Marina Cvetaeva che accompagna i suoi ultimi due volumi di poesie. Della poetessa esule Rilke non conosce nulla; sa soltanto, attraverso Pasternak, che legge con grande ammirazione i suoi versi. La risposta non si fa attendere. Dall'esilio francese Cvetaeva risponde subito; e in tedesco, la lingua appresa dalla madre nella sua infanzia. E con una lettera d'amore. Alla quale Rilke, a sua volta, risponde con slancio. Senza mai incontrarsi, i due poeti vivono, da una lettera all'altra, la storia di un vero amor di lontano, come quello cantato dai trovatori. Un'arcana frenesia sommuove le singole lettere, come se entrambi inconsapevolmente sapessero che il tempo del loro dialogo è fatalmente contato, prossimo a scadere.

Tutti gli scritti sull'arte e sulla letteratura
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Tutti gli scritti sull'arte e sulla letteratura / Rainer Maria Rilke ; saggio introduttivo, traduzione, note e apparati di Elena Polledri

Milano : Bompiani, 2008

Il pensiero occidentale

Résumé: Questa edizione riunisce in un unico volume tutti i principali scritti di Rainer Maria Rilke sull'arte e sulla letteratura, permettendo così al lettore italiano di inoltrarsi nella complessità e nella ricchezza dell'estetica di uno dei più grandi poeti della fin de siècle. In ogni quadro, in ogni poesia, in ogni racconto e in ogni scultura Rilke cerca sempre di ritrovare se stesso, di vedere espressa con strumenti e modalità differenti la medesima svolta (Wendung) che vive nel suo animo, la sensibilità e la visione dell'esistenza e dell'arte che sono impresse nella sua interiorità. Il poeta compone solo due monografie, dedicate rispettivamente a Rodin e alla pittura di Worpswede, ma nei suoi scritti si sofferma su una miriade di scrittori e artisti del XX secolo, da Thomas Mann a Hermann Messe, da Nietzsche a Maeterlink e Cézanne, scrive di Tolstoj e delle icone, del teatro belga, della letteratura scandinava, tedesca, francese e italiana.

Serpenti d'argento
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Serpenti d'argento : racconti giovanili / Rainer Maria Rilke ; editi dal Rilke-Archiv ; in collaborazione con Hella Sieber-Rilke ; a cura di August Stahl ; traduzione e postfazione di Nicoletta Dacrema

Parma : Guanda, copyr. 2008

Narratori della Fenice

Résumé: Cosa sono i serpenti d'argento che si snodano per il bosco immerso nella solitaria notte di mezza estate? Motivo ornamentale che prefigura il simbolismo o elemento concreto della poetica di stampo naturalista? L'opera narrativa del giovane Rilke vive delle multiformi sfaccettature che caratterizzano la temperie culturale alla fine del XIX secolo. Nel 1896, appena ventenne, colui che è oggi considerato il maggior poeta moderno di lingua tedesca annunciò un libro di racconti, che però non venne mai pubblicato. Con il tempo, infatti, l'autore prese le distanze dalle sue prime opere narrative, giudicandole acerbe rispetto allo stile che andava maturando. Eppure questi racconti sono già profondamente rilkiani nei motivi e nei temi, espressione di quell'unica istanza che percorrerà l'opera dello scrittore fino alla camera parigina di Malte e alle vie della città-tormento nella decima elegia duinese: la sensibilità per la miseria e la solitudine, rispecchiate qui in interni malsani e bui, nel vuoto chiacchiericcio dei saloni borghesi o nello squallore del proletariato urbano.

Engellieder
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Engellieder = Canti di angeli / Rainer Maria Rilke ; a cura di Diego Cappelli Millosevich e Alessandro Paronuzzi

Milano : Ancora, copyr. 2005

Résumé: In una confezione semplice e raffinata, con testo tedesco a fronte interposti a leggeri disegni al tratto, viene proposta questa inedita traduzione delle poesie di Rilke dedicate al tema a lui più caro: l'angelo. Un filo conduttore che attraversa tutta la poetica rilkiana e che questo piccolo volume vuole raccogliere seguendo i passi della sua produzione poetica. Il titolo, Engellieder, è l'inizio di questo percorso, è tratto infatti dalla raccolta giovanile, scritta a soli 23 anni dal poeta, nella quale per la prima volta s'incontra il tema dell'angelo, seguono poi tutte le versioni successive di questa figura celeste, sino a quella terribile e spaventevole delle mature Elegie Duinesi.

Poesie
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Poesie / Rainer Maria Rilke ; traduzioni di Giacomo Cacciapaglia... [et al.] ; prefazione e scelta di Paola Capriolo

Ed. speciale

Milano : Corriere della sera, copyr. 2004

La grande poesia ; 22

Diario di Parigi (1902)
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Diario di Parigi (1902) / Rainer Maria Rilke ; a cura di Andreina Lavagetto

Torino : Einaudi, copyr. 2003

Résumé: Rilke iniziò questo Diario nel gennaio 1902 a Westerwede, dove viveva con la famiglia, e lo proseguì, con interruzioni, sino al 26 novembre 1903, quando ormai si era stabilito a Parigi. L'anno non era iniziato nel migliore dei modi: Rilke versava in condizioni economiche più che precarie e le soluzioni che gli venivano prospettate non erano idilliache. Nonostante tutto, sbarcando il lunario fra articoli su commissione per giornali e riviste e conferenze, vivrà mesi di enorme importanza. Prima si trasferì in una comunità di artisti e poi, in agosto, arrivò a Parigi. Qui, ancorché sconsolato dinnanzi alle condizioni generali della città, per il poeta maturarono progetti impegnativi come il saggio su Rodin.

Cavallo amore mio
0 0
Livres modernes

Rilke, Rainer Maria

Cavallo amore mio / Rainer Maria Rilke... <et al.>

Milano : La tartaruga, copyr. 2002

Résumé: Dodici scrittori raccontano le loro esperienze a contatto con il nobile animale. Un vecchio cavallo da circo viene salvato da una fine ingloriosa, un campione diventa troppo indolente e perde la corsa, un cavalluccio di legno vince il confronto con un purosangue, due ronzini si trasformano in cavalli da sogno. Il libro propone i racconti di Rainer Maria Rilke, Lev Tolstoj, Lewis Carroll, D. H. Lawrence, Amanda Prantera, Martina Vergani, Stefania Giannotti, Beryl Markham, Dacia Maraini, Clarice Lispector, Margaret Laurence, Laura Grimaldi.