Plautus, Titus Maccius

(Persona)

Thesaurus
Rinvio da (UF)

 

Trouvés 95 documents.

Menecmi
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Menecmi / Plauto ; saggio introduttivo, nuova traduzione e note a cura di Maurizio Massimo Bianco

[Santarcangelo di Romagna] : Rusconi, 2020

Classici greci e latini

Résumé: Due fratelli gemelli, una moglie ricca e una giovane amante, un servo fedele e un parassita inaffidabile, un banchetto segreto e un mantello rubato: sono questi gli ingredienti che danno vita alla commedia dei Menaechmi, che si struttura attorno allo schema dell'equivoco. I due Menecmi del titolo, identici per uno strano gioco del destino perfino nel nome, sono sulla scena - quasi paradossalmente - l'uno ignaro dell'altro e, in tal modo, generano confusione tra i vari personaggi della pièce, alimentando, con malintesi e ambiguità, una divertente serie di gag in una straordinaria comedy of errors.

I Menecmi
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

I Menecmi / Tito Maccio Plauto ; introduzione di Cesare Questa ; traduzione di Mario Scandola

24. ed.

Milano : Rizzoli, 2019

BUR classici greci e latini

Résumé: Un mercante di Siracusa perde a Taranto uno dei suoi due figli gemelli, Menecmo, e ne muore di dolore. Menecmo, allevato da un ricco mercante di Epidamno di cui ha poi ereditato le ricchezze, vive a Epidamno, ha una moglie gelosa e una bella amante, Erozio. Il fratello, chiamato anch'egli Menecmo, va a Epidamno e viene scambiato per il gemello, crede però che la causa delle strane avventure che gli capitano sia l'interesse da lui suscitano in Erozio. Intanto Menecmo primo subisce le ire della moglie gelosa e del suocero. I due fratelli infine si riconoscono e decidono di tornare insieme a Siracusa dopo aver venduto all'asta i beni e la moglie (se qualcuno la compra) di Menecmo primo.

Aulularia
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Aulularia / Plauto ; traduzione in versi con finale apocrifo di Roberto Piumini

Torino : Einaudi, copyr. 2017

Collezione di teatro ; 444

Résumé: La storia è quella di Euclione, un vecchio avaro (non a caso l'Aulularia fu un modello per Molière) che ha scoperto una pentola piena d'oro nascosta in casa da suo nonno e vive nel costante terrore che gli venga sottratta, spostandola da un luogo all'altro. La vicenda della pentola si intreccia con quella di Fedria, figlia di Euclione, contesa tra il giovane Liconide e lo zio di questi, Megadoro. Celeberrima la scena in cui Liconide chiede la mano di Fedria ed Euclione crede che stia parlando della pentola. Roberto Piumini ha tradotto in versi la commedia (che in versi, come tutte le commedie di Plauto, era scritta) e dove si interrompeva l'originale latino ha aggiunto un finale molto verosimile e fedele allo stile plautino. Il risultato complessivo restituisce un testo della più antica tradizione teatrale alla sua natura comica e alla sua forza letteraria.

La pentola del tesoro
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

La pentola del tesoro / Tito Maccio Plauto ; prefazione di Cesare Questa ; traduzione di Mario Scandola

25. ed.

Milano : Rizzoli, 2017

BUR classici greci e latini

Résumé: Il denaro come ragione di vita e pensiero dominante in cui si occultano insicurezza di sé e timore del futuro: è questo un tema di antichissima elaborazione letteraria che Plauto sviluppa in chiave comica in questa commedia, l'"Aulularia". L'avaro di Plauto si chiama Euclione. E' gretto, avido, sospettoso, nevrotico: ha nascosto una pentola piena d'oro in un luogo segreto su cui vigila ossessivamente, inquieto e alienato da ogni altro interesse, fino a creare, egli stesso, per eccesso di ansia, le premesse del furto tanto paventato. A sua insaputa, intanto, la figlia per la quale aveva progettato un matrimonio di interesse, attende un bimbo ed è prossima al parto. Le due vicende corrono parallele, fino al lieto finale.

Anfitrione­
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Anfitrione­ ; Bacchidi­ ; Menecmi / Tito Macco Plauto ; introduzione e note di Margherita Rubino ; con un saggio di Vico Faggi ; traduzione di Vico Faggi

17. ed.

[Milano] : Garzanti, 2016

I grandi libri

Résumé: Nel II secolo a.C. circolavano sotto il suo nome oltre cento commedie. Nel secolo successivo Varrone sottomise a un severo vaglio la copiosa produzione e accettò come sicuramente autentiche solo 21 commedie. Anfitrione, Bacchidi e Menecmi sono tre commedie giocate sugli equivoci che nascono dalla presenza in scena di personaggi identici: nelle Bacchidi e nei Menecmi si tratta di gemelli, nell'Anfitrione, invece, di Giove, che prende le sembianze del marito di Alcmena e di Mercurio che prende quelle di Sosia (passato poi, per antonomasia, a indicare la "copia" somigliantissima di un individuo).

Aulularia
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Aulularia ; Miles gloriosus ; Mostellaria / Tito Macco Plauto ; introduzione e note di Margherita Rubino ; con un saggio di Vico Faggi ; traduzione di Vico Faggi

19 ed.

Milano : Garzanti, 2016

I grandi libri

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0

Résumé: Pregio di Plauto è la sua prodigiosa ricchezza linguistica: i giochi di parole, le assonanze, i doppi sensi; le espressioni che spaziano dall'arcaico al neologismo, dalle deformazioni grottesche a volgarità che oggi si direbbero surreali; la magistrale padronanza delle possibilità musicali della parola, lo scoppiettante incalzare dei dialoghi. Tutto questo, insieme alla comicità esplicita e prepotente e alla rapidità del movimento scenico, comunica alle commedie plautine una verve irresistibile. Il teatro di Plauto è stato un importante modello per quello rinascimentale e per la successiva commedia dell'arte, fornendo una galleria di “tipi” e di situazioni cui hanno attinto, nei secoli, innumerevoli autori.

Il soldato fanfarone
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Il soldato fanfarone / Plauto ; traduzione e note di Mario Scandola ; prefazione di Nuccio Ordine

[Milano] : Corriere della sera, copyr. 2012

I classici del pensiero libero. Greci e latini ; 54

Le        Bacchidi
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Le Bacchidi / Tito Maccio Plauto ; prefazione di Cesare Questa ; introduzione di Guido Paduano ; traduzione di Mario Scàndola ; a cura di Guido Paduano ; in appendice: Menandro, Dis exapaton ; a cura di Guido Paduano

Milano : Rizzoli, 2011

Classici greci e latini

Résumé: In questa brillante commedia, ambientata ad Atene, due giovani amici si innamorano perdutamente di quella che credono essere la stessa donna, Bacchide, contro il volere dei padri, vecchi dispotici e severi. Sarà il servo Crisalo, astuto e fedele schiavo di Mnesiloco, in un esilarante susseguirsi di equivoci e comici scambi di battute a indurre i due anziani padri a consentire agli amori dei figli. Accanto alle Bacchidi vengono qui presentati, grazie al fortuito ritrovamento di un papiro, caso unico per la storia della commedia latina, un centinaio di versi della commedia di Menandro Dis exapaton, che ci fornisce il modello greco a cui ha attinto Plauto. Un confronto che dimostra il profondo debito dell'autore latino verso la cultura greca ma anche il suo genio inventivo e la sua capacità drammaturgica. Del rapporto tra le due commedie parla nei suoi testi introduttivi Guido Paduano, preceduti da un profilo della commedia plautina di Cesare Questa.

Amphitruo
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Amphitruo ; Asinaria ; Aulularia ; Bacchides / Tito Maccio Plauto ; cura e traduzione di Ettore Paratone

4. ed.

Roma : Newton, 2011

Grandi tascabili economici ; 135

Résumé: Plauto è il simbolo stesso del teatro romano antico: testimone di un periodo, storico estremamente complesso e articolato, riflette con straordinaria varietà e perizia linguistica e con sorprendente slancio inventivo la delicata congiuntura che si era venuta a creare al suo tempo tra la cultura latina popolare di derivazione etrusca e quella raffinata proveniente dalla nuova intellettualità greca. La sua molteplice attività di autore, attore e organizzatore di spettacoli, nonché l'inesauribile ricchezza di spunti e di intrecci tematici tipici della sua spigliata comicità, contribuiranno, con il ricorrere di figure e stereotipi caratteristici, alla nascita del teatro rinascimentale e della commedia dell'arte. Il vero Plauto, scrive Ettore Paratore, si coglie nelle sbrigliate variazioni dei suoi dialoghi, in cui il termine plebeo scelto apposta, il gioco di parole, il lazzo, la battuta buffonesca, le facezie a botta e risposta crepitano incessantemente, per provocare con ogni mezzo la risata clamorosa e gioconda.

Il soldato ripieno di sé
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Il soldato ripieno di sé / Plauto ; introduzione e note di Nicola Pice ; traduzione di Giovanni Cipriani

Siena : Barbera, 2009

Classici greci e latini

Résumé: Si è abituati a immaginare il personaggio del Miles gloriosus sulla falsariga di un individuo che ostenta una competenza e un valore nell'arte della guerra solo virtuali o che si illude, nella sua vanagloria, di conquistare e sedurre le donne solo con lo sguardo, mentre a conti fatti rimane costantemente deluso e deriso; si vuol proporre qui un'altra sfaccettatura di questo personaggio: quella di un individuo incapace di fare un discorso esente da imperfezioni grammaticali e sintattiche, un prototipo insomma di un uomo tutto muscoli (magari ce li avesse!) e a digiuno di facondia, proprio il contrario delle figure classiche dei comandanti di 2000 anni fa.

Casina
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Casina ; Stichus / Plauto ; a cura di Annalisa Németi

Milano : A. Mondadori, 2008

Oscar classici greci e latini ; 160

Résumé: I due testi plautini qui raccolti, risalenti rispettivamente al 186 e al 200 a.C., ruotano entrambi attorno a una storia d'amore contrastata. Il primo mette in scena un patrigno e un figliastro innamorati della stessa ragazza, una trovatella, che alla fine si scoprirà di libera nascita e così potrà sposare il più giovane dei pretendenti, di cui è innamorata, beffando i tardivi desideri del vecchio. Il secondo riprende il tema dei fratelli e delle vicende parallele, tipico del teatro classico, per raccontare la storia di due sorelle che insistono nel serbarsi fedeli ai mariti, di cui non hanno notizie da tempo, contro i tentativi del padre di farle risposare. La loro dedizione sarà premiata dal ritorno degli sposi nel frattempo divenuti ricchi.

Commedie
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Commedie. Volume 1 / Plauto ; traduzioni e note di Chiara Battistella e di Giovanna Faranda ; introduzione di A.S. Gratwick

Milano : A. Mondadori, 2007

Classici greci e latini

Commedie
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Commedie. Volume 2 / Plauto ; traduzioni e note di Maurizio Bettini e di Giovanna Faranda

Milano : A. Mondadori, 2007

I classici collezione ; 33. Greci e latini

Bacchides
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Bacchides ; Curculio / Plauto ; a cura di Chiara Battistella

Milano : A. Mondadori, 2007

Oscar classici greci e latini ; 156

Résumé: Il teatro di Plauto affonda le proprie radici nella commedia tradizionale italica, coniugata con i raffinati testi greci, soprattutto di Menandro. Tratta da un soggetto menandreo è infatti la prima delle due commedie qui raccolte, Bacchides, basata sulla doppia storia d'amore di due giovani per due cortigiane gemelle, con una serie di esilaranti equivoci e scambi di identità. La trama segue uno sviluppo articolato e un ritmo indiavolato, che rende assai divertente il testo anche per i più smaliziati lettori contemporanei. La seconda opera, Curculio, mette invece in scena un'altra situazione tipica del teatro antico, l'amore contrastato di un ragazzo per una schiava già comprata da un soldato sbruffone, con l'aggiunta però anche qui della cifra tipica dei testi plautini, quella complicazione della trama e dell'intrecciarsi di inganni, fraintendimenti, tranelli e vicende erotiche che, insieme alla caratterizzazione dei personaggi (soprattutto il parassita Gorgoglione), porta a risultati di irresistibile, talora feroce e persino tragica, ironia.

Stico
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Stico / Tito Maccio Plauto ; prefazione di Cesare Questa ; introduzione di Elena Rossi ; traduzione di Mario Scandola

Milano : Rizzoli, 2005

Classici greci e latini

Résumé: Due sorelle, Panegiride e Panfila, da più di due anni prive dei loro mariti, Epignomo e Panfilippo, anch'essi fratelli e partiti in cerca di fortuna; il padre delle due donne, Antifone, che vuole convincerle a lasciare i mariti e risposarsi; un parassita affamato, un servo che annuncia il ritorno dei due uomini; la riconciliazione con il suocero, i festeggiamenti finali. Come sempre, la trama della commedia plautina è ricca di colpi di scena, di finzioni, di raggiri e di beffe; come sempre avvince il lettore con la sua carica di satira e di comicità.

La donna del soldato
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

La donna del soldato : Pseudolus / Plauto ; a cura di Mario Lentano

Bari : Palomar, copyr. 2004

Margini ; 54. Antichi e moderni. Testi e studi brevi

Anfitrione
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Anfitrione / Tito Maccio Plauto ; prefazione di Cesare Questa ; introduzione di Guido Paduano ; traduzione di Mario Scàndola

Milano : Rizzoli, 2002

BUR classici greci e latini ; 1422

Résumé: Giove assume le sembianze di Anfitrione e giunge a Tebe accompagnato da Mercurio, che ha preso a sua volta le sembianze di Sosia, servo di Anfitrione. Alcmena, che pensa di avere accanto suo marito, lo accoglie nel talamo. Il vero Anfitrione arriva all'alba, mentre il falso se ne va. Si viene così a creare una situazione intricatissima in un girotondo vorticoso di veri e falsi Anfitrione-Sosia, in cui il vero Anfitrione comincia a nutrire seri dubbi sulla fedeltà della moglie. La commedia si conclude all'improvviso con la notizia che Alcmena ha partorito due gemelli, uno figlio di Giove e l'altro di Anfitrione.

Epidico
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Epidico / Tito Maccio Plauto ; prefazione di Cesare Questa ; introduzione di Guido Paduano ; traduzione di Mario Scandola

Milano : Rizzoli, 2001

BUR classici greci e latini ; 1367

Résumé: Epidico è lo schiavo di Perifane e del figlio di questi Strattippocle. Per due volte inganna il padre per favorire gli amori del figlio e invece di essere punito sarà premiato con la libertà perché, senza volere, risce a far ritrovare a Perifane la figlia che non aveva mai conosciuto e che cercava disperatamente. Abbiamo in questa anomala commedia di Plauto il rovesciamento del detto l'inferno è lastricato di buone intenzioni. In questo caso per il furfante schiavo Epidico le cattive intenzioni hanno lastricato per lui il paradiso della libertà. Introduzione di Guido Paduano, testo latino a fronte.

I prigionieri
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

I prigionieri / Tito Maccio Plauto ; prefazione di Cesare Questa ; introduzione di Guido Paduano ; traduzione di Mario Scandola

2. ed.

Milano : Rizzoli, 2000

BUR classici greci e latini ; 1132

Anfitrione
0 0
Livres modernes

Plautus, Titus Maccius

Anfitrione ; Bacchidi ; Menecmi / Tito Macco Plauto ; introduzione e note di Margherita Rubino ; con un saggio di Vico Faggi ; traduzione di Vico Faggi

7. ed.

[Milano] : Garzanti, 2000

I grandi libri Garzanti ; 512

Résumé: Nel II secolo a.C. circolavano sotto il suo nome oltre cento commedie. Nel secolo successivo Varrone sottomise a un severo vaglio la copiosa produzione e accettò come sicuramente autentiche solo 21 commedie. Anfitrione, Bacchidi e Menecmi sono tre commedie giocate sugli equivoci che nascono dalla presenza in scena di personaggi identici: nelle Bacchidi e nei Menecmi si tratta di gemelli, nell'Anfitrione, invece, di Giove, che prende le sembianze del marito di Alcmena e di Mercurio che prende quelle di Sosia (passato poi, per antonomasia, a indicare la copia somigliantissima di un individuo).