Jergovic, Miljenko

(Persona)

 

Trouvés 3 documents.

Ruta Tannenbaum
0 0
Livres modernes

Jergovic, Miljenko

Ruta Tannenbaum / Miljenko Jergovic ; traduzione di Ljiljana Avirovic

Roma : Nutrimenti, 2019

Greenwich ; 89

Résumé: Ispirato alla storia vera di Lea Deutsch, la 'Shirley Temple di Jugoslavia', che calcò giovanissima le scene del teatro croato negli anni Trenta e morì neanche sedicenne sul treno che la portava ad Auschwitz, "Ruta Tannenbaum" è l'omaggio di Miljenko Jergovic alla città di Zagabria attraverso il racconto di una delle pagine più oscure della sua storia. Dotata di occhi magnetici e straordinaria immaginazione, "Ruta Tannenbaum" è destinata fin da bambina alla ribalta del palcoscenico. La sua è un'ascesa folgorante, che suscita ammirazione e cambia le sorti di tutti quelli che la circondano. Però i tempi sono cupi, specie per chi come Ruta è figlia di genitori ebrei. Dopo aver raggiunto le vette della notorietà, si ritroverà condannata alla negazione sociale e a una tragica fine. Ritratto personale e saga familiare, istantanea di una città e affresco di un'epoca, questo romanzo scorre tra piani molteplici: tra storia e finzione, tra quotidianità e mito, tra luci e vanità del vaudeville e le terribili ombre della Shoah; e lo fa con scrittura viva, espressiva, spesso caustica e brillante.

Volga, Volga
0 0
Livres modernes

Jergovic, Miljenko

Volga, Volga / Miljenko Jergović ; traduzione di Ljiljana Avirović

Rovereto : Zandonai, copyr. 2012

I piccoli fuochi

Résumé: Sono quindici anni che Dzelal Pljevljak ogni venerdì si mette al volante della sua Volga e percorre i centosedici chilometri che separano Spalato da Livno per prendere parte alla principale preghiera settimanale alla moschea cittadina. Un giorno d'inizio autunno però, una nevicata improvvisa lo costringe a fermarsi a Fatumi, un minuscolo paesino di cui ignorava l'esistenza, dove un incontro cambierà per sempre la sua vita.Diversi anni più tardi, quando in Bosnia si sta consumando una delle fasi più drammatiche della guerra civile, un documentarista tenta di definire gli enigmatici contorni di quel fatidico giorno di Capodanno in cui Dzelal Pljevljak è diventato, suo malgrado, il protagonista del più discusso episodio di cronaca nera di prima del conflitto. In Volga, Volga, terzo e ultimo capitolo della trilogia che*Jergovic ha dedicato al destino, spesso beffardo, che lega gli uomini alle loro automobili, la commovente storia di Dzelal prende forma lentamente, pagina dopo pagina, come in un raffinato ed emozionante mosaico, grazie all'incastro con altre esistenze, con le quali ha in comune l'esperienza della guerra, del dolore, del senso di colp. della morte. E la speranza in una redenzione.

I Karivan
0 0
Livres modernes

Jergovic, Miljenko

I Karivan / Miljenko Jergovic ; traduzione di Ljiljana Avirovic

Torino : Einaudi, copyr. 1997

I coralli ; 74

Résumé: L'autore ripercorre la vicenda secolare di un ceppo famigliare, quello dei Karivan (da kara, nero e Ivan: dunque Ivan il Nero). Sono storie brevi, dal finale spesso amaro e imprevedibile, in cui stirpi e destini si confondono sino a culminare nel tragico epilogo del conflitto etnico. La vera protagonista del libro è la Bosnia e la sua storia dal Settecento a oggi, con il suo complesso intreccio di culture, di tolleranza e settarismo, di religioni e superstizioni, sotto il segno di una vana ricerca della felicità presente e di una ineludibile vocazione al dolore.