Il sussurro del mondo
0 1
Livres modernes

Powers, Richard

Il sussurro del mondo

Résumé: Patricia Westerford - detta Patty-la-Pianta - comincia a parlare all'età di tre anni. Quando finalmente le parole iniziano a fluire, assomigliano piuttosto a un farfugliare incomprensibile. L'unico che sembra capire il mondo di Patricia, sin da piccola innamorata di qualsiasi cosa avesse dei ramoscelli, è suo padre - "la sua aria e la sua acqua" - che la porta con sé nei viaggi attraverso i boschi e le foreste d'America, a scoprire la misteriosa e stupefacente varietà degli alberi. Cresciuta, dottorata ribelle in botanica, Patty-la-Pianta fa una scoperta sensazionale che potrebbe rappresentare il disvelamento del mistero del mondo, il compimento di una vita spesa a guardare e ascoltare la natura: le piante comunicano fra loro tramite un codice segreto. Ma questo è solo l'inizio di una storia che si dipana come per anelli concentrici: intorno a Patty-la-Pianta si intrecciano infatti i destini di nove indimenticabili personaggi che a poco a poco convergono in California, dove una sequoia gigante rischia di essere abbattuta


Titre et contributions: Il sussurro del mondo / Richard Powers ; traduzione di Licia Vighi

Publication: Milano : La nave di Teseo, 2019

Description physique: 658 p. ; 22 cm

Série: Oceani ; 61

EAN: 9788893449021

Date:2019

Langue: ita (Langue du texte, du film, etc.)

Pays: it

Noms:

Classes: 813.5 (14)

9 exemplaires présents, dont 1 en prêt

Bibliothèque Cote Code-barres Situation Possibilité d'emprunt Date de retour
La Thuile LATHUI 813.5 POW 31102007293291
()
Doues DOUES 813.5 POW 31102007292096
()
Verrès VERRES 813.5 POW 31102007297725
()
Sarre SARRE 813.5 POW 31102007305154
()
Châtillon CHATIL 813.5 POW 31102007308742
()
Aosta - Biblioteca regionale ADULTI 813.5 POW 31101003552449
()
Saint-Marcel SMARCE 813.5 POW 31102007319960
()
Quart QUART 813.5 POW 31102007323998
()
Hône HONE 813.5 POW 31102007373214
()
12/10/2021
Tout voir

Dernières critiques insérées

Il sussurro del mondo, Richard Powers
Dall’incontro del 11 marzo 2021

Il romanzo corale di Powers si caratterizza fin dall’inizio come un vero esperimento letterario, a partire dalla suddivisione del testo nelle parti costitutive della pianta: radici, tronco, chioma, semi; richiama a un’idea di mondo naturale come principio primigenio, che sovrasta, con la propria grandiosità e imperturbabilità ogni essere, sia esso animato che inanimato. Le frasi sono brevi, l’autore usa uno stile fluente e poetico, ogni espressione è ricercata, profonda, mai casuale, ogni termine occupa il proprio posto. Come in natura ogni essere ha la propria funzione che coopera allo scorrere della vita, nel romanzo, ogni parola partecipa fluidamente alla costruzione dell’immagine che l’autore vuole illuminare in quel momento e che va a formare, nella successione iconografica, il quadro completo.
Il protagonisti principali del romanzo sono gli alberi, molteplici, tutti differenti, come diversi sono i personaggi che Powers descrive negli otto racconti iniziali che accompagnano il lettore fino alla fine del libro.
I personaggi descritti, nove ritratti di uomini e donne che esprimono culture diverse, tutti senza una vera stabilità, accomunati da un forte amore per la natura e dalla ricerca del senso dell’esistenza, con le loro incertezze, sono, a tutti gli effetti, icone del tempo presente. L’autore affronta, attraverso le vicende dei protagonisti, tematiche ecologiche molto attuali quali la deforestazione selvaggia, la mancanza di coscienza ambientale, lo scorretto sfruttamento delle foreste… La centralità dell’uomo è indiscussa fino a renderlo cieco di fronte agli altri esseri viventi, considerati alla stregua di complementi asserviti al suo volere. L’autore si muove attraverso le generazioni umane sottolineando, in tal modo, la transitorietà dell’esistenza dell’uomo in rapporto all’immensità del mondo naturale, di cui evidenzia l’onnipresenza, la fedeltà, la sinergia profonda e l’immutabilità rispetto alla caducità di ogni singola biografia.
Powers ha avuto il coraggio di denunciare un sistema economico poco lungimirante , corrotto e asservito a interessi finanziari, poco incline alla valutazione dei costi ambientali dello sfruttamento delle foreste, colpevole dell’ esaurimento delle risorse e degli effetti dirompenti che ne derivano.
Il libro è senz’altro un esercizio di lettura e di impegno notevole, sia per la densità delle pagine che per il ricorso a espedienti narrativi poco comuni, l’autore ha scritto un’opera monumentale che freme e si muove sottoterra come l’intreccio sotterraneo delle radici che portano e trasmettono all’infinito messaggi che non riusciamo ad afferrare completamente, con fruscii convulsi che esprimono la vita della natura di cui se ci fermiamo, se ascoltiamo, possiamo cogliere il sussurro.

Intégrer le code

Copiez et collez le code HTML ci-dessous sur votre site.