Forum » Recensioni

La figlia dell'aggiustaossa
0 1
Tan, Amy

La figlia dell'aggiustaossa

Milano : Feltrinelli, 2002

Abstract: LuLing e Ruth sono madre e figlia. Ruth è cinese solo nelle fattezze, la sua professione, la lingua, il modo di interpretare la realtà sono quelli di un'americana di oggi. LuLing ha più di settant'anni. Pur avendo vissuto per mezzo secolo negli Stati Uniti, è profondamente legata alla terra d'origine. LuLing vive sola, si mantiene con un povero sussidio e comincia a mostrare i segni del morbo di Alzheimer. Colpita da questa circostanza, Ruth decide di far tradurre dal cinese un manoscritto che, anni prima, la madre le aveva affidato pregandola di leggerlo, per avvicinarsi al suo passato. Ruth scopre che il suo bisnonno era un aggiustaossa e apprende segreti familiari inimmaginabili.

193 Visite, 1 Messaggi

Amy Tan, La figlia dell’aggiustaossa
Resoconto dell’incontro del l’8 novembre 2018
Il libro ripercorre la vita di tre generazioni di donne, una saga familiare dunque che propone al lettore un salto temporale e culturale notevole, dal presente al passato e dagli Stati Uniti d’America alla Cina rurale durante l’invasione giapponese. Ruth, giovane donna con una carriera ben avviata come editor e un rapporto difficile con la madre, riprende in mano un manoscritto/diario scritto in cinese nel quale scopre i fatti salienti e misteriosi che hanno portato Luling, sua madre, a diventare esageratamente spigolosa e succube delle più svariate superstizioni. Il racconto si snoda attraverso una trama molto fitta e densa di fatti storici importanti, di ritrovamenti archeologici di rilievo come l’uomo di Pechino, di costumi e pratiche ancestrali come le ossa oracolari e il loro uso, di produzioni artigianali specifiche come i bastoncini d’inchiostro…. insomma un miscuglio di elementi tra cui navigare a vista per non perdere la direzione. Un romanzo affollato di personaggi dalle caratteristiche più disparate: la nonna di Ruth, “Preziosa zietta”, donna deturpata da un incidente che vive nascondendo alla figlia di essere sua madre la quale viene a scoprirlo solo successivamente alla sua tragica morte; l’anziano traduttore del manoscritto, uomo sapiente, che nutre una simpatia particolare per Luling apprezzandone le molte qualità sebbene esse siano leggermente appannate da un Alzheimer incipiente; Art, il compagno americano di Ruth che cerca di recuperare il loro rapporto cercando una soluzione condivisa alle difficoltà abitative e di gestione della malattia di Luling. L’autrice trasporta il lettore all’interno di rapporti complessi in cui il passato diventa riserva a cui attingere continuamente per determinare e delineare il presente con il suo carico di soffocanti maledizioni, di credenze popolari e di paure irrazionali, ma anche di rapporti indissolubili, autentici legami d’amicizia e un insondabile amore materno. E infine l’identità, grande protagonista del racconto, negata, riconosciuta, desiderata, tassello mancante che rende impossibile vivere finché tutto non viene svelato, compreso, accettato ma che rende i protagonisti parte di un percorso, di una famiglia, di legami indivisibili. Il finale favolistico sembra voler ammorbidire un romanzo che richiede grande concentrazione, nel quale la scrittura appare la via per liberarsi e liberare, per abbattere muri e sciogliere le forze attinenti al futuro.

  • «
  • 1
  • »

500 Messaggi in 454 Discussioni di 77 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online