Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2016

Trovati 143 documenti.

Mostra parametri
Ninfee nere
0 0
Materiale linguistico moderno

Bussi, Michel

Ninfee nere / Michel Bussi ; traduzione dal francese di Alberto Bracci Testasecca

Roma : E/O, copyr. 2016

Dal mondo. Francia

Abstract: A Giverny in Normandia, il villaggio dove ha vissuto e dipinto il grande pittore impressionista Claude Monet, una serie di omicidi rompe la calma della località turistica. L'indagine dell'ispettore Sérénac ci conduce a contatto con tre donne. La prima, Fanette, ha 11 anni ed è appassionata di pittura. La seconda, Stéphanie, è la seducente maestra del villaggio, mentre la terza è una vecchia acida che spia i segreti dei suoi concittadini da una torre. Al centro della storia una passione devastante attorno alla quale girano le tele rubate o perse di Monet (tra le quali le Ninfee nere che l'artista avrebbe dipinto prima di morire). Rubate o perse come le illusioni quando passato e presente si confondono e giovinezza e morte sfidano il tempo. L'intreccio è costruito in modo magistrale e la fine è sorprendente, totalmente imprevedibile. Ogni personaggio è un vero enigma. Un'indagine con un succedersi di colpi di scena, dove sfumano i confini tra realtà e illusione e tra passato e presente. Un romanzo noir che ci porta dentro un labirinto di specchi in cui sta al lettore distinguere il vero dal falso.

Quando finiscono le ombre
0 0
Materiale linguistico moderno

Rava, Cristina

Quando finiscono le ombre / Cristina Rava

Milano : Garzanti, 2016

Narratori moderni

Abstract: Il lungo viale al centro della città è deserto. Solo un uomo anziano cammina sotto il sole, con una torcia elettrica accesa nonostante la luce estiva. E Spartaco Guidi. Qualche mese dopo, il suo corpo viene ritrovato in un terreno di campagna. L'autopsia viene affidata al medico legale Ardelia Spinola. Dopo tanti anni di esperienza, sa che il suo compito è solamente quello di circoscrivere l'ora della morte, di stabilirne cause e dinamiche. Ma non è facile zittire l'anima investigatrice che c'è in lei. Anche se, in realtà, avrebbe ben altro a cui pensare. Arturo, l'affascinante apicultore (e amante dei gatti come lei) che da pochi mesi è nella sua vita, sembra nascondere qualcosa che le sfugge. Qualcosa che le fa temere di perderlo, anche se ammetterlo per lei è difficile. E quando scopre che la casa di Spartaco Guidi è stata messa sottosopra, tutta la sua attenzione torna sul caso. Scopre che l'uomo era tornato da poco ad Albenga, il suo luogo d'origine, dopo decenni passati in ospedale psichiatrico per aver ucciso un amico in gioventù. Eppure tutti parlano di lui come di una persona di animo buono. Cosa l'avrà portato a quel gesto, allora, e adesso a subire una morte violenta? L'intuito di Ardelia non sbaglia mai, e stavolta le dice che il ritorno della vittima in città è la chiave del mistero. Ma non è facile scovare dove si nascondono le ombre. Soprattutto se ci sono tanti piccoli dettagli che sfuggono. Dettagli fondamentali perché le tessere di un puzzle possano combaciare.

Penelope Poirot fa la cosa giusta
0 0
Materiale linguistico moderno

Arzola, Silvia

Penelope Poirot fa la cosa giusta / Becky Sharp

Milano : Marcos y Marcos, copyr. 2016

Gli alianti ; 247

Abstract: Con il sangue che le scorre nelle vene, Penelope Poirot sprizza talenti: la vocazione per risolvere misteri, la propensione a vivere artisticamente, il palato fine e la penna feroce di una critica gastronomica perfetta. La passione, si sa, quando arde divora, e Penelope Poirot è provata nello spirito quanto ammorbidita nel corpo; stile Botticelli, dice lei, stile krapfen, pensa e non dice Velma Hamilton, la sua nuova, perplessa segretaria. È il momento di cambiare, di partire: c'è una clinica salutistica, nelle colline del Chianti, che promette di depurare corpo e mente. Ha un bel sapore gotico, avvolta così dai rampicanti, stemperato dalla luce dorata che occhieggia dalle persiane. A cena il cibo è mesto, ma il bellissimo giardiniere sa come fartelo dimenticare. La donna alta e misteriosa scatena rivalità, odio e simpatia; la famosa scrittrice il desiderio insopprimibile di rubarle il marito. Penelope non rinuncia al tacco dodici e alla volpe bianca neppure quando trascina Velma ad abbandonare ogni principio in osteria, e basta una pasticca alla violetta per coprire un altro vizio clandestino. Poi, nelle sedute libido-dinamiche, scavano tutti insieme buche immaginarie per disseppellire i segreti. Operazione non priva di rischi: certi segreti, allo scoperto, esplodono. C'è odore di gelo nell'aria di novembre, e il delitto, quando accade, è sulla neve bianca. Neve che cade imperterrita sull'assassino, sulle prossime prede, sulla nuova trappola.

L'altro capo del filo
0 0
Materiale linguistico moderno

Camilleri, Andrea

L'altro capo del filo / Andrea Camilleri

Palermo : Sellerio, copyr. 2016

La memoria ; 1034

Abstract: "Una pagina tira l'altra. Eppure la lettura non può che scorrere con lentezza. C'è troppo dolore, c'è troppa disperazione, nel paesaggio di realtà che si va ad attraversare. Il mare è diventato una enorme fossa comune, il teatro acquatile di una immane tragedia di naufraghi: il quadrante acheronteo di violenze, lo specchio deforme attraversato dai fantasmi di quanti hanno sperato nella salvezza della fuga, sebbene pagata con la spoliazione e con gli abusi, con l'urlo raggelato delle madri e il pianto muto dei bambini che non sanno come decifrare l'orrore che si è disegnato nei loro occhi. Con quanta velocità è concesso di leggere la lentezza della sacra rappresentazione dell'esodo di una umanità straziata, tradita dalla storia e offesa dalle politiche del sospetto e dell'egoismo? A Vigàta, Montalbano è impegnato nella gestione degli sbarchi, nei soccorsi ai migranti, nello smascheramento degli scafisti. Ha la collaborazione del commissariato, di vari volontari, e di due traduttori di madrelingua. Si prodigano tutti. Si sacrificano, tra tenacia e spossatezza. Catarella si intenerisce, si infervora, e mette a disposizione delle operazioni caritatevoli la sua innocente quanto fragorosa rusticità. Il lettore procede, compunto, con il passo del pellegrino. E non si accorge che dietro le pagine si sta armando un romanzo perfettamente misterioso. Persino Montalbano viene colto di sorpresa. L'arrivo felpato del delitto gli dà il soprassalto..." (Salvatore Silvano Nigro)

Scrivere è un mestiere pericoloso
5 0
Materiale linguistico moderno

Basso, Alice

Scrivere è un mestiere pericoloso / Alice Basso

Milano : Garzanti, 2016

Narratori moderni

Abstract: Un gesto, una parola, un'espressione del viso. A Vani bastano piccoli particolari per capire una persona, per comprenderne il modo di pensare. Una dote speciale di cui farebbe volentieri a meno. Perché Vani sta bene solo con se stessa, tenendo gli altri alla larga. Ama solo i suoi libri, la sua musica e i suoi vestiti inesorabilmente neri. Eppure, questa innata empatia è essenziale per il suo lavoro: Vani è una ghostwriter di una famosa casa editrice. Un mestiere che la costringe a rimanere nell'ombra. Scrive libri al posto di altri autori, imitando alla perfezione il loro stile. Questa volta deve creare un ricettario dalle memorie di un'anziana cuoca. Un'impresa quasi impossibile, perché Vani non ha mai preso una padella in mano. C'è una sola persona che può aiutarla: il commissario Berganza, una vecchia conoscenza con la passione per la cucina. Lui sa che Vani parla solo la lingua dei libri. Quella di Simenon, di Vàzquez Montalban, di Rex Stout e dei loro protagonisti amanti del buon cibo. E, tra un riferimento letterario e l'altro, le loro strambe lezioni diventano di giorno in giorno più intriganti. Ma la mente di Vani non è del tutto libera: che le piaccia o no, Riccardo, l'affascinante autore con cui ha avuto una rocambolesca relazione, continua a ripiombarle tra i piedi. Per fortuna una rivelazione inaspettata reclama la sua attenzione: la cuoca di cui sta raccogliendo le memorie confessa un delitto.

Tempesta di neve e profumo di mandorle
0 0
Materiale linguistico moderno

Läckberg, Camilla

Tempesta di neve e profumo di mandorle / Camilla Läckberg ; traduzione di Alessandra Albertari, Katia De Marco e Alessandra Scali

Venezia : Marsilio, 2016

Vintage - Giallosvezia

Abstract: «Fuori, la bufera infuriava più violenta che mai, mentre vecchi segreti avevano cominciato ad agitarsi come creature mostruose sotto il pelo dell'acqua» Manca poco meno di una settimana a Natale. Adagiata contro le rocce grigie, con le sue casette di legno ammantate di neve Fjällbacka regala uno spettacolo particolarmente suggestivo, un paesino fiabesco affacciato sul mare di ghiaccio. Martin Molin, collega di Patrik Hedström alla stazione di polizia di Tanumshede, ha raggiunto la fidanzata Lisette sulla vicina isola di Valö per una festa di famiglia. Mentre il vento infuria, durante la cena il vecchio patriarca dall’immensa fortuna muore improvvisamente. Nell’aria si avverte un vago aroma di mandorle amare, e a Martin Molin non resta che cercare di far luce su quella morte misteriosa. Intanto, la violenta tempesta che agita le acque gelide dell’arcipelago non accenna a placarsi, e ogni contatto con la terraferma è interrotto. Sulle orme di Agatha Christie, in occasione dei suoi primi dieci anni di carriera Camilla Läckberg ha dato vita a una serie di racconti che, tema a lei caro, indagano le complesse dinamiche familiari, combinando adorabili scene d’intimità domestica all’inquietudine di oscuri segreti del passato.

Il caso della donna sepolta nel bosco
0 0
Materiale linguistico moderno

Lindell, Unni

Il caso della donna sepolta nel bosco / Unni Lindell

Roma : Newton Compton, 2016

Gli insuperabili ; 227

Abstract: Vivian Glenne - una donna di quasi quarant'anni, madre di tre figli - viene ritrovata uccisa brutalmente in un bosco vicino casa. Il figlio maggiore Dan, di quindici anni, e un suo amico, Jonas, decidono di portare avanti un'indagine privata, convinti di sapere chi sia l'assassino. Nel frattempo, Marian Dahle e Cato Isaksen iniziano a lavorare sul caso. Scoprono che la vita della donna aveva molti aspetti oscuri, che coinvolgevano parecchie persone, come una strana coppia di vicini, Birgit e Frank Willmann, o lo stesso padre di Jonas. All'improvviso Roy Hansen - il compagno di Vivian Glenne, padre dei suoi due figli minori - scompare nei gelidi boschi circostanti la diga. La detective Dahle ha la sensazione di trovarsi di fronte a una storia malata, intricata, dove ogni personaggio gioca un ruolo di cui è all'oscuro, e cerca di districarsi in un groviglio di piste confuse come quelle delle foreste fradice di pioggia. Turbata lei stessa, cerca aiuto nel suo infallibile intuito e nel pragmatismo del collega-amico Cato. Poco a poco, i due ricostruiscono l'infernale puzzle che ha portato all'omicidio di Vivian Glenne, fino a trovare la risposta più sconvolgente alla domanda: per quale ragione la donna è stata uccisa?

Rifugio Bezzi
0 0
Materiale linguistico moderno

Cartabia, Amos - Turchetto, Marco

Rifugio Bezzi : il gioco della vita / Amos Cartabia, Marco Turchetto

Lainate : A.Car., 2016

Brividi & emozioni - Brividi & emozioni. Local thriller

Viva più che mai
0 0
Materiale linguistico moderno

Vitali, Andrea

Viva più che mai / Andrea Vitali

Milano : Garzanti, 2016

Narratori moderni

Abstract: Dubbio è il soprannome che hanno dato a Ernesto Livera, e si addice bene alla sua indole un po' tentennante. Di solito, infatti, l'Ernesto si lascia prendere dall'indecisione. Una certezza, però, l'ha molto chiara: dai carabinieri è meglio stare alla larga. Perché di "mestiere" fa il contrabbandiere. Avrebbe fatto altro nella vita, ma tant'è, ora campa traghettando stecche di sigarette dalla Svizzera, magari di notte, con una barchetta a motore, bep-bep-bep. E proprio stanotte, con la prua della barchetta, ha urtato il cadavere di una donna. L'ha tirato a riva, poi è andato a chiamare un suo cliente fidato, il medico di Bellano, il dottor Lonati, perché, appunto, lui dai carabinieri preferisce non presentarsi. Ma il mattino dopo, alla riva, il cadavere non si trova più. Eppure Ernesto l'ha visto bene, anche se adesso gli sorge il... dubbio di esserselo sognato. E il dottor Lonati lo sa che Ernesto soffre di questo tipo di allucinazioni fin da quando era un ragazzino. Forse dovrebbe cercarsi un lavoro più regolare. E magari una fidanzata. Il lago però non mente; nasconde segreti inconfessabili, e quando decide che è il momento di rivelarli, non ci sono dubbi che tengano. Viva più che mai racconta una storia sorprendente e misteriosa. Tra ganassate di paese, coincidenze impensabili e colpi di scena, Andrea Vitali scioglie una matassa che ingarbuglia il presente con il passato, la riva di qui con quella di là del lago di Como, fino a chiarire la verità dei fatti. Una verità che però... Il protagonista di Viva più che mai di Andrea Vitali si chiama Dubbio e il solo nome dice molte cose sulla sua identità. Sicuramente l'uomo ha invece una certezza: deve tenersi molto lontano dalla polizia. Dubbio infatti è un contrabbandiere che ogni notte attraversa il confine tra Italia e Svizzera con la sua barchetta per portare al di là stecche di sigarette. Il caso e il destino avverso vogliono però che una notte il suo trabicolo a motore urti il cadavere di una donna. Che fare? La cosa più saggia per Dubbio sarebbe lasciarla lì, ma i dubbi letteralmente lo assalgono. Decide così di trascinarla a riva, lasciarla sulla barca mentre va a chiamare uno dei suoi clienti più fidati, il medico di Bellano, proprio perché sia lui a portare la donna morta dai carabinieri. La soluzione gli sembra plausibile e assolutamente valida. Peccato che quando torna alla riva, il cadavere della donna sia sparito. E adesso che cosa deve fare il signor Dubbio? Il medico di Bellano comincia a dubitare che si sia inventato tutto, sa benissimo che al contrabbandiere piace bere qualche bicchiere una volta arrivato dai suoi amici svizzeri e spesso torna in Italia con il vino in corpo. Ma Dubbio ne è sicuro: quella donna l'ha vista, era morta. Peccato che il giorno dopo gli sembri di vederla passeggiare per Bellano, proprio più viva che mai. Ma è veramente lei? Qualcuno lo sta ingannando? O ha scoperto qualcosa di troppo grande? Con le consuete atmosfere alla Andrea Vitali di paese, di vita di lago, di piccol

La ragazza con la notte dentro
0 0
Materiale linguistico moderno

Anolik, Lili

La ragazza con la notte dentro / Lili Anolik ; traduzione di Roberta Zuppet

Novara : Bookme, 2016

Abstract: Nica Baker, bella, misteriosa e spregiudicata, muore assassinata a soli sedici anni. La placida e ricca città del New England in cui vive con la famiglia precipita nell’angoscia. Quando viene ritrovato un altro giovane corpo senza vita (questa volta un ragazzo, con ogni evidenza morto suicida), il doppio caso viene archiviato precipitosamente. Per la polizia non ci sono dubbi: è il compagno di classe di Nica, innamorato respinto, il responsabile dell’omicidio della ragazza, e il biglietto trovato sul cadavere rappresenta una confessione in piena regola. Ma Grace, sorella minore della vittima, non sa darsi pace. Incalzata dai ricordi e dall’istinto, si rifiuta di accettare la versione ufficiale. In preda a quella che diventa un’ossessione bruciante, scava nel passato recente di Nica per inchiodare il vero assassino. Mentre la lista dei possibili indiziati si allunga, vengono a galla insospettabili verità: su Nica, sulla madre, sull’intera famiglia Baker. Solo attraversando la notte che ha nel cuore, Grace potrà ricostruire cosa è accaduto alla sorella — e diventare finalmente se stessa.

Una perfetta geometria
0 0
Materiale linguistico moderno

Serafini Prosperi, Giorgio

Una perfetta geometria / Giorgio Serafini Prosperi

Milano : NN, 2016

La stagione

Abstract: L'ex commissario Adriano Panatta ha due croci nella vita, oltre al nome del famoso tennista: la passione per le donne, che gli ha rovinato la carriera, e quella per il cibo, pesante come i sessanta chili di troppo che lo ingabbiavano prima di vincere ogni giorno la sua battaglia contro la dipendenza. Vive a Roma, quasi nascosto, quando il passato torna, implacabile, a presentare il conto: Olivia, una sua vecchia fiamma, ricompare chiedendogli di indagare sul suicidio di una ragazza, Alice, un mistero che si consuma nel mondo della politica, degli affari, del riciclaggio di denaro, delle sette religiose. E Panatta non può rifiutarsi. Così, sotto traccia, torna a fare il poliziotto, fidandosi dei colleghi di un tempo, degli amici e del suo fiuto per la verità. Giorgio Serafini Prosperi ci consegna un romanzo che ha tutto lo spirito e la malinconia dei gialli italiani, una storia che penetra i lati oscuri dell'anima con la sapienza e la leggerezza di chi ha sconfitto i propri mostri perché, alla fine, ne ha saputo riconoscere l'esistenza.

La carrozza di Priapo
0 0
Materiale linguistico moderno

Felli, Massimiliano

La carrozza di Priapo : una torbida indagine suburbana per il commissario Cafasso / Massimiliano Felli

Napoli : Stamperia del Valentino, copyr. 2016

GialloValentino ; 3

Abstract: Nell’immagine trionfante del fallo eretto di Priapo, il dio che scaccia le influenze nefaste e feconda le zolle e gli uteri, si assommano le pulsioni irrazionali dell’uomo: dovrà scavare nella notte delle coscienze, il Commissario Cafasso, tra superstizione e sfrenatezza sessuale, cercando nel folto dei boschi abitati delle Janare come nella penombra madida dei lupanari. Le verità da disseppellire, come le vestigia dell’antica Pompei, sono due. Due casi che Cafasso dovrà risolvere, in compagnia del giovane Ispettore Sammartino, fresco di nomina, e di un ambiguo scrittore francese, giunto nel Regno delle Due Sicilie sotto falso nome, sul finire di un’estate insolitamente grigia e piovosa, nell’anno 1835.

Il fuoco in fondo al mare
0 0
Materiale linguistico moderno

Felli, Massimiliano

Il fuoco in fondo al mare : un'indagine non ufficiale del commissario Cafasso / Massimiliano Felli

Napoli : Stamperia del Valentino, copyr. 2016

GialloValentino ; 2

Abstract: Nel luglio del 1864 Giuseppe Garibaldi soggiornò presso le terme dell’isola d’Ischia, per curare la celeberrima ferita alla gamba, e in quella circostanza rischiò seriamente di perdere la vita. Un attentato? E chi sarebbe il mandante? In questo secondo volume dedicato alle indagini del Commissario Cafasso, l’anziano poliziotto, ormai in pensione, si troverà per le mani un caso scottante, che rischia di compromettere l’equilibrio politico della neonata Italia. Una trama a metà tra la Storia (lo spunto è tratto da fatti realmente accaduti, documentati nella scheda in calce al romanzo) e la finzione narrativa. E a fare da sfondo, Ischia, con la sua natura lussureggiante ma aspra, vulcanica, ribollente nel profondo: non dissimile in questo dagli uomini che la abitano, scossi da violente passioni eppure in apparenza placidi, come il mare, splendido, che si stende tutt’attorno all’isola.

Stesso sangue
0 0
Materiale linguistico moderno

Fois, Marcello

Stesso sangue / Marcello Fois ... [et al.]

Torino : Einaudi, 2016

Einaudi. Stile libero, Big

Abstract: Due grandi scrittori stranieri, tre grandi scrittori italiani. Quattro racconti noir con un unico tema: la vicinanza del male. "Questo incanto non costa niente" di Francesco Guccini & Loriano Macchiavelli. Bagni dell'Appennino, 1938. II rampollo di un gerarca fascista muore in un incidente stradale, ma il padre crede si tratti di omicidio. II giovane maresciallo Santovito indaga. "Coco Butternut" di Joe R. Lansdale. Hap & Leo hanno ricevuto un incarico bizzarro: il proprietario di un cimitero per animali vuole che recuperino la bara con i resti del cane di sua madre; qualcuno l'ha rubata e chiede un riscatto. "Siero" di Jo Nesbø. La tensione tra un padre e un figlio cresce fino al parossismo, ma anziché esplodere trova la strada del calcolo: non esiste peccato, solo volontà di vivere. "Ti ho fatto male" di Marcello Fois. La moglie del commissario Sanzio è stata uccisa, e la vita del poliziotto è sprofondata in un abisso di incoscienza, una tenebra che oscura tutto, anche il volto del colpevole.

La battaglia navale
0 0
Materiale linguistico moderno

Malvaldi, Marco

La battaglia navale / Marco Malvaldi

Palermo : Sellerio, copyr. 2016

La memoria ; 1030

Abstract: "Un lavoro d'indagine vero, sul campo, è molto più simile alla battaglia navale. All'inizio spari alla cieca, e non cogli niente, ma è fondamentale che tu ti ricordi dove hai sparato, perché anche il fatto che lì tu non abbia trovato nulla è una informazione". Non lontano dalla casa di Nonno Ampelio, uno dei quattro vecchietti investigatori del BarLume, ci sono i Sassi Amari, il litorale di Pineta. Abbandonato lì, viene trovato il cadavere di una bella ragazza con un particolare tatuaggio. Lei viene presto identificata, dal figlio dell'anziana presso cui lavorava, come la badante ucraina della madre. Le colleghe connazionali si affrettano ad accusare il marito della ragazza, un balordo che la tormentava. E il caso sembra avviato a una veloce conclusione. Tra i Vecchietti serpeggia la delusione. Visto anche che l'indagine è affidata a un altro commissariato, e non all'amica vicequestore, la fidanzata di Massimo il Barrista. Ma è l'ostinazione senile che fornisce alla Squadra Investigativa del BarLume l'intuizione decisiva. E grazie anche all'intermediazione di un altro squinternato, il compagno Mastrapasqua che delle ucraine conosce usi e costumi, il vicequestore Alice Martelli può raddrizzare un'inchiesta cominciata con il piede sbagliato.

Sei casi al BarLume
0 0
Materiale linguistico moderno

Malvaldi, Marco

Sei casi al BarLume / Marco Malvaldi

Palermo : Sellerio, copyr. 2016

La memoria ; 1043

Abstract: Questi sei racconti, con protagonisti i quattro vecchietti del BarLume e il barrista Massimo, sono stati pubblicati per la prima volta in diverse antologie poliziesche di questa casa editrice, a partire da "Un Natale in giallo" del 2011. Nell'inedita prefazione, a sua volta una sorta di racconto tra i racconti, l'autore, informando della genesi dei personaggi e delle situazioni, ricorda cose della sua gente e dei suoi luoghi così cariche di stranezze di paradosso e di umorismo naturale che si stenta a credere che non siano opera di finzione. "Poco di quello che esce dalla bocca di nonno Ampelio è inventato". Dunque le irriverenze, i giochi geniali di parole, le "sudicerie" oltre il politicamente corretto, il cinismo miscredente, gli strani figuri che si affacciano al bancone del bar, insomma: il clima irresistibilmente anarchico del paesino toscano di Pineta che tanto profuma di antica libertà municipale, viene tutto da un vissuto. Un vissuto messo in scena poi dalla pura arte dell'intratte-nimento letterario di Marco Malvaldi. "Arte di non inventarsi nulla" la definisce l'autore: ed essa spiega bene perché i vecchietti del BarLume buchino la pagina. Ma lo spiega anche un'altra qualità: nelle storie del Bar-Lume troviamo rappresentata e tramandata, con consapevolezza antropologica ma voltata al comico della commedia dell'arte, una radicata civiltà locale, una forma di vita popolare, come una delle tante tessere che compongono il mosaico dell'identità degli italiani.

Tre indagini per gli ispettori Isaksen e Dahle
0 0
Materiale linguistico moderno

Lindell, Unni

Tre indagini per gli ispettori Isaksen e Dahle / Unni Lindell

Roma : Newton Compton, 2016

Super insuperabili ; 56

Abstract: La trappola è il thriller che introduce la coppia di ispettori più famosa del nord Europa: Cato Isaksen e Marian Dahle. In un caldo giorno di giugno, caldo persino in Norvegia, il piccolo Patrik Øye scompare improvvisamente nel nulla. In L'ultima casa a sinistra Isaksen e Dahle devono affrontare la morte di Britt Else Buberg, una donna sola, precipitata dal sesto piano di un palazzo alla periferia di Oslo. La vittima ha il profilo psicologico della suicida, eppure l'esito delle indagini non può essere così scontato... In Dolce come la morte la vittima dell'omicidio è il capo della polizia. È stato soffocato con un cuscino mentre era in ospedale. Un delitto del presente e uno del passato: come in un puzzle, gli ispettori devono far combaciare gli elementi in comune per risolvere il caso.

Di rabbia e di vento
0 0
Materiale linguistico moderno

Robecchi, Alessandro

Di rabbia e di vento / Alessandro Robecchi

2. ed.

Palermo : Sellerio, 2016

La memoria ; 1025

Abstract: Un concessionario di macchine di lusso freddato nel suo salone. Una escort "morta male", torturata fino alla fine, nel suo studio del centro cittadino più opulento. Un "morto" che viene a riprendersi un tesoro. Una donna che sembra vissuta più volte. Un passato cattivo che ritorna e lascia misteriosi indizi sulla pista. E in esso la polizia cerca risposte a domande che appaiono impossibili. Mentre un vento insopportabile stranamente inquieta l'inverno delle strade. Stavolta Carlo Monterossi, il detective per caso della nuova Milano nera vividamente dipinta da Alessandro Robecchi, è un detective per rabbia. Lo tormenta un senso di responsabilità, benché involontaria, nel delitto; ma soprattutto, con Anna - così si chiamava la bella di via Borgonuovo - aveva vissuto un momento di sincerità totale, di quelli che chiariscono l'anima al pari di un'amicizia duratura. Il suo debito di verità e giustizia, per una volta, si incontra con un paio di poliziotti che condividono la stessa tenerezza verso una vittima che sporge sulla coscienza come fantasma gentile: "Se troviamo chi ti ha fatto male te ne vai, vero, signorina?". E verrà alla luce qualcosa che stride brutalmente con la vita da autore di reality televisivi che dà a Carlo fama e soldi.

Quel brutto delitto di Campo de' Fiori
0 0
Materiale linguistico moderno

Triches, Letizia

Quel brutto delitto di Campo de' Fiori / Letizia Triches

Roma : Newton Compton, 2016

Gli insuperabili ; 192

Abstract: Roma, marzo 1967. Arianna Baltusi, una ragazzina di dieci anni, esce per recarsi a una lezione di musica, nella zona di Campo de' Fiori. Non farà mai ritorno a casa. Prove e testimonianze portano all'arresto di un amico di famiglia: l'artista Ottavio Conti, che dopo poco tempo si impicca in carcere, senza aver mai confessato il delitto e senza che il cadavere sia stato ritrovato. Circa vent'anni dopo, Giuliano Neri, restauratore fiorentino dalle capacità investigative fuori dal comune, si stabilisce per un paio di mesi a Roma, per soddisfare la richiesta di un amico di vecchia data, il giudice Lapo Treschi. Si dedicherà al restauro di un affresco conservato nella chiesa di Sant'Angelo in Porta Paradisi, vicino a Campo de' Fiori. L'autore dell'opera è Matteo Baltusi, padre della piccola Arianna, morto in un tragico incidente d'auto nel 1972. Proprio mentre sta lavorando al dipinto, Neri si accorge di qualcosa di artefatto, uno strano stucco sulla superficie e, con l'aiuto del giovane critico d'arte Anand Pietracola, farà una macabra scoperta. Questo è solo l'inizio di un'indagine ad alta tensione e ricca di colpi di scena che li porterà a districarsi in un groviglio di ricordi. Che cosa accadde davvero in quel lontano pomeriggio di marzo?

Giallo Caravaggio
0 0
Materiale linguistico moderno

Piersanti, Gilda

Giallo Caravaggio : un autunno assassino / Gilda Piersanti

Milano : La nave di Teseo, 2016

Oceani noir ; 1

Abstract: A settembre le sere romane sono ancora calde e accoglienti, i giovani si riversano per le strade per vivere gli ultimi giorni d'estate. All'alba il risveglio ha il colore del sangue: sul lungotevere viene trovato il corpo senza vita di una ragazza, atrocemente mutilata. La fine delle vacanze si trasforma in un incubo per l'ispettore Mariella De Luca, che si trova catapultata nell'universo fragile e crudele dell'adolescenza. Tra coppie in crisi e minacce della mafia russa, madri sole e figli alla deriva, Mariella riannoda i fili di una relazione pericolosa, nell'età in cui la menzogna appare l'unica difesa, e la morte l'unica alternativa.