The unrest-cure
0 0
Libri Moderni

Saki

The unrest-cure ; The open window ; The Schartz-Metterklume method ; The story-teller ; The interlopers

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Tutti i racconti di Saki, tutti particolarmente brevi e scritti fra il 1902 e il 1914, sono ispirati da un graffiante sarcasmo rivolto contro i suoi tempi, e contro i tristi sacerdoti del conformismo e dell’ipocrisia che li amministravano. Tobermory è ambientato in un benestante e sonnacchioso salotto inglese, nel quale l’ospite d’onore è uno strano professore che ha dedicato la sua vita a cercare d’insegnare a parlare agli animali. Ne La cura dell’Antiriposo, il protagonista Clovis architetta una feroce beffa nei confronti di un signore incontrato in treno, tal J.P.Huddle. Sempre in treno è ambientato Il contastorie, in cui una zia con due pestiferi bambini condivide lo scompartimento con uno scapolo che, evidentemente infastidito dalle intemperanze dei piccoli, decide di raccontare lui una storia. Conradin, il bimbo protagonista di Sredni Vashtar, vive con una cugina e trascorre il suo tempo con un furetto, da lui idolatrato come un dio e battezzato, appunto, Sredni Vashtar. A quel dio Conradin rivolge fervide e continue preghiere perché lo liberi dalla cugina. I racconti brevi di Saki sono tutti ispirati da una graffiante ironia contro i suoi tempi e contro i sacerdoti del conformismo e dell’ipocrisia che li amministravano. Dei tre racconti qui proposti, il più funambolico è certamente La finestra aperta, in cui un giovane depresso e nevrotico arriva controvoglia a un incontro in casa della signora Sappleton, ove viene accolto dalla nipote quindicenne di questa, che gli racconta subito la tragedia accaduta tre anni prima: il marito e i due fratelli minori della zia erano partiti per andare a caccia e non avevano fatto più ritorno, ma la zia non si era mai rassegnata alla perdita. Dopo l’arrivo della signora Sappleton al protagonista toccherà una sorpresa spaventosa, ma falsa, perché quella vera ci sarà poco dopo, davvero inaspettata… C’è una beffa qui, come in fondo negli altri tre racconti. Il metodo Schartz-Metterklume racconta il gratuito inganno di una lady che approfittando di un equivoco si fa passare per l’istitutrice che una famiglia attendeva. E addirittura sui Carpazi ci trasporta Gli intrusi, storia di una faida familiare arrivata agli ultimi due contendenti, che in una notte di tregenda si incontrano in una foresta per uccidersi, ma un enorme albero colpito da un fulmine cade loro addosso. L’immobilità forzata li costringe a parlare, e alla fine riescono persino ad accordarsi. Ma il fato, ancora una volta, si metterà di traverso.


Titolo e contributi: The unrest-cure = La cura dell'antiriposo ; The open window = La finestra aperta ; The Schartz-Metterklume method = Il metodo Schartz-Metterklume ; The story-teller = Il contastorie ; The interlopers = Gli intrusi / Saki ; traduzioni di Fenisia Giannini Iacono e Marcella Maffi

Pubblicazione: Roma : L'Espresso, copyr. 2016

Descrizione fisica: 119 p. ; 18 cm

Serie: La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. Short stories ; 21/2016

Data:2016

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.), Inglese (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Altri titoli:
  • La *cura dell'antiriposo
  • La *finestra aperta
  • Il *metodo Schartz-Metterklume
  • Il *contastorie
  • Gli *intrusi
  • The *open window
  • The *Schartz-Metterklume method
  • The *story-teller
  • The *interlopers
Nota:
  • Testo italiano a fronte Testo in inglese In cop.: Short stories inglese/italiano

Nomi:

Classi: 823.9 (14)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2016

Sono presenti 1 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Pont-Saint-Martin PONSMA 823.9 SAK 31102006722242 Su scaffale Solo consultazione
(Non prestabile)
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.