Patagonia express
4 1
Libri Moderni

Sepúlveda, Luis

Patagonia express

  • Copie totali: 8
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Titolo e contributi: Patagonia express : appunti dal sud del mondo / Luis Sepúlveda ; traduzione di Ilide Carmignani

Pubblicazione: Milano : Feltrinelli, copyr. 1995

Descrizione fisica: 104 p. ; 22 cm

Serie: Traveller

ISBN: 88-7108-121-8

Data:1995

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Nomi:

Soggetti:

Classi: 918.2

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 1995

Sono presenti 8 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Sarre SARRE 918.2 SEP 31102001012696 Su scaffale Prestabile
(Monografia 15gg)
Pont-Saint-Martin PONSMA 918.2 SEP 31102000971454 Su scaffale Prestabile
(Monografia 30gg)
Pré-Saint-Didier PRESDI 918.2 SEP 31102001012704 Su scaffale Prestabile
(Monografia 15gg)
Etroubles ETROUB 918.2 SEP 31102001012688 Su scaffale Prestabile
(Monografia 15gg)
Châtillon CHATIL 918.2 SEP 31102001153656 Su scaffale Prestabile
(Monografia 15gg)
Charvensod CHARVE 918.2 SEP 31102000988441 Su scaffale Prestabile
(Monografia 15gg)
Chamois CHAMOI 918.2 SEP 31102001659009 Su scaffale Prestabile
(Monografia 30gg)
Aymavilles AYMAVI 918.2 SEP 31102000988433 Su scaffale Prestabile
(Monografia 15gg)
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Patagonia express, Luis Sepulveda

Resoconto dell’incontro del 9 marzo 2017

Sepulveda conduce il lettore in questo viaggio nel Sud del mondo, in Patagonia, attraverso una serie di racconti brevi, dei veri e propri “flash” che in poche battute disegnano situazioni e storie. I racconti che fanno da sfondo al viaggio si muovono tra realtà e leggenda in un’atmosfera vera che stimola confidenze, fantasie, ricordi, proprio come una rappresentazione della linfa vitale di quel territorio aspro e dimenticato. I personaggi sono tratteggiati in modo veritiero, crudo, senza sconti; con le loro vite avventurose e stravaganti ai limiti del mondo essi rappresentano un tutt’uno con il territorio in cui vivono, come luci di vita che brillano nel nulla della Terra del fuoco che l’autore contrappone al brulichio impersonale delle città occidentali. Luoghi in cui il tempo scorre lento, forse perché non esiste? Si vive alla giornata e così ogni incontro acquisisce profondità, significato, nessuno è banale anche se molti sono casuali. Il territorio è descritto da chi ci vive e anche da chi, come l’autore, conosce bene quei luoghi, ne è parte integrante. Emerge, inoltre, la passione di Sepulveda per i temi ambientali e sociali che lo hanno visto impegnato in tutto l’arco della sua vita, una sensibilità e una denuncia descritte nel libro in modo semplice e diretto anche se a volte colpiscono per la crudezza delle immagini suscitate. E poi gli autori citati Chatwin e Coloane che l’hanno preceduto nella conoscenza di quelle zone estreme dove si possono cogliere gli archetipi del mondo e se ne può meditare l’evoluzione. Racconti troppo brevi, appena abbozzati o racconti condensati e completi? Al lettore l’esperienza e il relativo riscontro sul testo che in ogni caso apre gli occhi su un mondo complesso al quale l’autore si avvicina con concetti potenti. Sepulveda riesce a trasmettere la propria capacità di meravigliarsi attraverso un mondo di immagini viventi.

La serata ha avuto un risvolto inaspettato, Ago e Annalisa, due assidui partecipanti al gruppo ci hanno fatto partecipi dei loro viaggi in quelle terre con ricordi e aneddoti. La meraviglia del gruppo è stata grande nell’aprire la cassetta dei ricordi di Agostino da cui sono spuntati: una bandiera del Cile, libri di viaggio, la sua “Moleskine” fatta a mano e tanti altri oggetti legati a quel particolare itinerario di viaggio.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.