Torgnon

Contatti

Torgnon
4, Hameau de Mongnod, Torgnon
0166540213

Orario Chiusa

Oggi la biblioteca è chiusa
Nota Giorno festivo

Visualizza l'orario completo
Vedi tutti

Novità in biblioteca

Vedi tutti

Prossimi eventi

Nessun evento in programma

La Biblioteca di Torgnon è installata nel Municipio che si trova a Mongnod, frazione capoluogo di Torgnon. Aperta dal 1977, contribuisce allo sviluppo culturale del paese. Negli accoglienti e luminosi locali, il lettore ha solamente l'imbarazzo della scelta, perché vi trova libri di ogni genere, a partire dal fondo valdostano fino all'ultime novità di letteratura, di filosofia, di scienze, senza contare il settore Ragazzi...

La biblioteca è molto frequentata dai turisti che ne apprezzano il buon funzionamento e la ricchezza del catalogo. Il suo ruolo non si riduce al prestito di libri, ma si estende all'organizzazione di corsi, di esposizioni, di dibatti, di conferenze, di ricerche sulla storia del paese contribuendo così a rendere più viva e dinamica questa piccola comunità di montagna. La Commissione per le attività culturali della Biblioteca è molto attivo ed organizza attività per adulti e bambini: letture animate, escursioni per scoprire il territorio, laboratori per bambini ed adulti, presentazione di libri e di corsi.

La Commissione per le attività culturali della Biblioteca dirige anche le attività del museo etnografico del Petit Monde, inaugurato nel 2005 e situato nel villaggio di Triatel. L’insieme delle frazioni di Triatel e di Etirol, s’in dai tempi più remoti, viene chiamato Le Petit Monde, perché separato del resto del paese che si trova ad alcuni chilometri.
Torgnon si trova nella vallata di Valtournenche ed è ubicato su un largo balcone morenico che s’innalza dagli 880 metri del torrente Marmore ai 3320 metri di altitudine della Punta Tsan. Il paese è composto da numerose e graziose frazioni, disseminate lungo i suoi fianchi, raccolte intorno alla sua chiesa. Il comune si estende su una superficie di 42,31 km2 e conta 500 abitanti circa.
Una posizione soleggiata, un territorio ricco di boschi, di prati e di sorgenti d’acqua, un clima particolarmente dolce: tali sono la caratteristiche di Torgnon che contribuiscono a delineare un paesaggio di un'incomparabile bellezza.
Torgnon doveva già essere abitato molti secoli prima del dominio romano. Nel Medioevo, fin dal 1250, il comune ha fatto parte della signoria di Cly, una delle  più importante del Ducato di Aosta.

Dal loro castello, i signori di Cly controllavano i loro feudi, Saint-Denis, Verrayes, Torgnon, Antey e Valtournenche. Il loro dominio si distendeva anche al di là delle Alpi, fino a Sion nel Vallese.
La storia ci segnala che Pierre, signore di Cly, si distinse per la sua tirannia e perché entrò in forte contrasto con i conti e duchi di Casa Savoia che, nel 1376, preso d’assalto il castello di Saint-Denis se ne impossessarono e cacciarono Pierre di Cly. Per quasi 200 anni i Savoia amministrarono direttamente questo feudo tramite un castellano. Poi, dal 1550, lo cedettero dapprima ai Moralis, quindi ai Fabri, ai Roncas ed infine ai Bergera; questi ultimi, non riuscendo più a trarre profitto dal feudo, nel 1750, rinunciarono per sempre ai loro diritti feudali sul comune di Torgnon, per un compenso di 9730 lire.

La vita culturale

La storia di Torgnon è ricca di personalità eminenti, preti, notai, avvocati, professori, medici, e storici... Sono il frutto di quello stesso amore secolare per la cultura che, nel 1704, ha suggerito al sacerdote Nicolas Frutaz di destinare parte dei suoi beni alla fondazione di una scuola per ragazze e che, nel 1732, ha spinto il mercante Pierre Gorret a devolvere una parte dei suoi risparmi alla creazione di una scuola per ragazzi.

Spinto da questo stesso desiderio di educare la gioventù del paese, Jean-Baptiste Planaz, nel1786, lasciò tutto il suo patrimonio al comune per la creazione di una scuola "di latinità" dove si tenessero corsi preparatori per coloro che desideravano proseguire i loro studi. E’ così che le numerose scuole di villaggio hanno assicurato a tutti i bambini del paese il minimo di cultura necessario.