Aosta - Biblioteca regionale

Aosta - Biblioteca regionale

Il paese delle prugne verdi

Herta Muller, Il paese delle prugne verdi

 

Dal confronto del 9 ottobre 2014

 

La Romania del regime comunista di Ceausescu è la cornice in cui si inserisce il romanzo di Herta Muller. Il racconto si alterna tra presente e passato, i ricordi famigliari della protagonista bambina s' intrecciano alle vicende spesso surreali in cui la giovane donna è costretta a crescere. Quattro amici, quattro giovani cercano di sopravvivere al terrore grazie all'amicizia che li lega e che naturalmente è invisa al potere, perseguitati e intimoriti non rinunciano a desiderare una realtà migliore.

In uno stile asciutto, metaforico, onirico, evocativo, la scrittrice rumena porta alla luce i suoi incubi con immagini fuggevoli ma allo stesso tempo penetranti. Il terrore regna sovrano in un crescendo di privazioni che portano l'essere umano a sterilizzare la propria individualità sopprimendo ogni impulso di affermazione di sé, di reazione di fronte al sopruso quotidiano, alla sospensione del diritto ad una vita piena. E proibito leggere, parlare, cantare, amare... tutto è sotto controllo, il regime non lascia spazio all'espressione di atti liberi, la paura regna incontrastata.

Il libro affronta l'assenza di libertà, senza tuttavia rivelarne tutta la portata, in una sorta di autocensura che impegna il lettore a rincorrere il senso in frasi corte, senza fronzoli né colore sospese tra realtà e delirio. I motivi ricorrenti che emergono dalle pagine del libro costringono il pensiero in forme schematiche, l'attenzione è incentrata sul dettaglio, spoglio, rigido, ma forte e sconvolgente quasi a voler trasformare la forma in sostanza e viceversa, in una metamorfosi continua che denuncia così il dolore di un'umanità negata, assoggettata. Il tema della morte come unico modo per sfuggire alla mistificazione, all'appiattimento e alla follia rimane centrale in tutta l'opera. Romanzo dai contenuti di grande spessore, impegnativo, con una forte componente poetica suscita nel lettore emozioni contrastanti inaspettate.

 

Edizioni disponibili nel Sistema bibliotecario: